La Gabbia, puntata 7 maggio 2014

La diretta della puntata del 7 maggio 2014 de La Gabbia su PolisBlog

00.32 Finisce la puntata.
00.22 Dopo la pubblicità, il momento musicale finale con Beppe Carletti dei Nomadi.
paragone canta
00.17 Pravettoni.
00.16 Si chiude con il riferimento al finanziamento pubblico ai partiti, contro cui il M5S ha votato.
00.15 Malpezzi sostiene che i parlamentari 5 stelle non sono disponibili a discutere. Poi precisa: "Non abbiamo salvato Berlusconi, ma abbiamo rispetto per tutti gli elettori, anche chi ha votato Berlusconi".
00.14 Lezzi rinfaccia a Renzi anche la decisione di fare le riforme istituzionali con il pregiudicato Berlusconi.
lezzi
00.12 Ascoltiamo anche le parole di Grillo sui funerali della Repubblica italiana in riferimento ai fatti dell'Olimpico. E su Renzi: "Mente pure a sua mamma".
00.10 Malpezzi: "La proposta del M5S del reddito di cittadinanza, cioè 1000 euro a tutti, prevede che non ci sia una modulazione, per cui anche i figli di Berlusconi lo prendono". A detta della democratica bisognerebbe adottare il reddito minimo garantito.
00.09 Secondo Lezzi la soluzione è il reddito di cittadinanza. Quindi in onda le parole critiche di Renzi verso Grillo e il suo comizio alla Lucchini.
00.06 Lezzi: "I 23 miliardi pagati alle imprese vengono dal governo Monti e non da quello Renzi". Poi nota che dal 30 settembre 2014 aumenteranno le accise in quanto clausole di salvaguardia prevista dalla norma varata dall'esecutivo Renzi.
00.05 Malpezzi: "La flessibilità non è il punto di arrrivo, ma di partenza. Nessuna norma crea lavoro".
malpezzi la7
00.04 Malpezzi: "Gli ammortizzatori li abbiamo previsti, la tax credit per esempio".
00.02 Lezzi: "Le imprese non possono assumere, non hanno lavoro". Malpezzi: "Il decreto Poletti garantisce una continuità ai ragazzi che avranno l'opportunità di farsi conoscere per 36 mesi consecutivi. Non è precarietà, è flessibilità".
00.00 Il duello tra Lezzi del M5S e Malpezzi del Pd. La grillina spiega il senso della protesta inscenata oggi in Parlamento con la maglietta 'Schiavi mai'.
23.58 Sartori: "Renzi è un giovanotto fresco, senza esperienza di politica nazionale. Il velocismo si fonda sulle promesse. Ha capito quali sono i problemi, come risolverli non credo".
23.56 Freccero: "Renzi è in continua campagna elettorale, occupa tutti gli spazi, ha imparato da Berlusconi. Se fondi una politica sulla comunicazione, il vero non esiste mai, c'è solo il consenso".
23.55 Le pagelle di Sartori e Freccero al governo Renzi.
23.45 In onda 'i nervosetti della settimana'. Renzi, Cicchito, Bianconi e Marchionne. Pubblicità.
23.41 Paragone ricorda le promesse di Renzi, in particolare sul pagamento dei 68 miliardi di euro di debiti alle imprese entro luglio.
paragone lavagna
23.37 Malpezzi: "Questo è il primo governo che dà 1 miliardo di euro di trasferimenti ai Comuni". Andrea Follini, sindaco, vuole tornare a gestire il servizio idrico a livello locale.
23.33 In onda un estratto del programma web di Parenzo sul sito del Corriere.
l'ha deto
23.31 Comi: "L'immagine della donna oggi viene utilizzata come spot. Il Pd ha scelto 5 nomi di donne come capoliste. Io sono contro le quote rosa".
23.29 Si esamina il caso Bacchiddu. Malpezzi: "È stata una provocazione". Comi: "Voglio vedere quante preferenze prende", ma Bacchiddu non è candidata, ma responsabile comunicazione della Lista Tsipras.
bacchiddu
23.27 Comi dice che il limite di budget dei candidati di Forza Italia è 209 mila euro.
23.24 Ecco Ciocchetti, il candidato di Forza Italia alle Europee: "Se qualcuno ha bisogno, io sono a disposizione perché la politica è servizio".
ciocchetti
23.19 In un servizio si racconta il primo maggio trascorso in un pranzo elettorale. Dove, ovviamente, gli invitati non sanno nemmeno chi sia il candidato (né il partito) che organizza il pranzo.
23.14 Pubblicità.
23.13 Secondo Paragone Renzi sta un po' troppo fermo. Comi: "Si dà delle scadenze da solo e non le rispetta".
23.10 In studio i lavoratori di Voice Care in cassa integrazione dal primo maggio.
23.08 Borghi: "La storia non sarà tenera con Monti. Forza Italia che ha appoggiato il governo Monti dovrà chiedere molte volte scusa".
23.05 Le parole di Monti sulle crisi pilotate dall'Europa. E, in contrastro, la disperazione dei lavoratori.
23.04 Paragone: "Renzi aveva parlato di palude per il governo Letta e aveva promesso una riforma al mese. Avete centrato solo gli 80 euro".
23.03 Malpezzi: "Il governo Renzi è in carica da 70 giorni; la rabbia è legittima e si annulla con le cose fatte".
23.00 Spazio al pubblico in studio.
22.55 Il servizio sul duello Renzi-Grillo, tra speranza e rabbia. E viene raccontata anche la manifestazione dei malati di Sla contro il governo che non ha sbloccato i fondi. Alla fine comunque il governo li ha ricevuti ed ha accolto le loro richieste.
sla
22.54 Parenzo: "Befera risponde alla politica, i responsabili quindi sono i politici". Malpezzi: "Per questo dico che Renzi sta lottando contro la burocrazia". Fidanza: "Non sta mica cambiando Befera". Secondo Paragone Befera dovrebbe chiedere scusa alla famiglia protagonista del servizio.
22.49 Malpezzi: "Il governo Renzi sta intraprendendo proprio la battaglia contro la burocrazia".
malpezzi
22.47 Parenzo commenta il servizio: "Quell'ufficiale giudiziaria si deve vergognare".
22.45 In studio Comi, Fidanza e Malpezzi.
22.44 La centenaria: "Voglio morire qui, nella mia casa".
anziana44
22.42 Con una telecamera nascosta è stata registrata la trattativa tra l'ufficiale giudiziario e il legale della famiglia. Lo sfratto è stato rimandato a fine maggio solo perché serve un medico per accompagnare le signore, ma l'Asl è in ferie.
22.40 Il legale fa notare che non si può pignorare la prima casa. Peraltro nel fascicolo mancavano i documenti fondamentali: le cartelle di pagamento, cioè i titoli esecutivi. Eppure la casa è stata venduta all'asta.
22.38 La storia di Stefano Tassinari sfrattato da quella che era la sua casa, insieme con la madre di 79 anni, la sorella disabile e la nonna centenaria.
22.28 Il retroscena di Nessuno sulle paure dei palazzi europei in vista del voto. Pubblicità.
22.27 Il giornalista Cobianchi, che ha scritto American Dream, è in studio. Ci sono anche i lavoratori della Sandvik che ora rischiano il licenziamento nonostante l'azienda sia in utile.
22.26 Fratini: "Il vero potere forte è il debito; il nostro debito è il vero punto forte delle nostre banche".
fratina
22.25 Fratini: "Le banche sono fatte da bancari e banchieri, nel servizio si capiva che la direttrice non voleva umiliare il cliente".
22.19 Preatoni: "Quelli che sono credibili non sono mai gli imprenditori. Draghi non ha creato un posto di lavoro ma risulta credibile".
22.12 In un servizio la storia di un imprenditore di Bergamo che è fallito è che si sente raggirato dalla banca che gli aveva prestato 250 mila euro come fornitore di una società 7 mesi dopo in liquidazione. La direttrice dell'istituto di credito non dà spiegazioni.
22.11 Borghi ricorda che per entrare in Europa l'Italia ha pagato l'eurotassa.
22.08 Mauro: "Il deficit di democrazia che pagano ora le istituzioni europei sono il problema più grande".
22.05 In studio anche Fratini. Cosa dovrebbe cambiare in Europa?
cambiare
22.03 Il giornalista torna al Senato e alla Camera per recuperare i documenti, che però non chiariscono le conseguenze dei derivati.
22.00 Mario Draghi si arrabbia di fronte alle domande del giornalista sul tema dei derivati del Tesoro all’epoca in cui lui ne era Direttore Generale:

Abbiamo fatto piena trasparenza, cerchi meglio.


mario draghi

strong>21.53 Un parlamentare italiano che ha lavorato in Europa solo 12 mesi può incassare una buonuscita di circa 40 mila euro. Per Borghezio la buonuscita eventualmente aumenta a più di 100 mila euro.
21.51 Un servizio mostra quanto costa l'eurocasta. Il parlamento costa, per esempio, quasi due miliardi di euro all'anno.
21.49 Beppe Carletti dei Nomadi si esprime sull'astensionismo: "Delle persone sono morte perché noi avessimo il diritto al voto. Rispettiamo la memoria di queste persone. Se non andiamo a votare e ci lamentiamo non risolviamo niente".
21.48 Parenzo nota che Preatoni ha scelto di investire all'estero, a dimostrazione che il problema è l'Italia. L'imprenditore: "Ci sono tanti stranieri che vengono in Italia, Parenzo non sa niente di economia. Lei è un provocatore di risse, è l'unica cosa che sa fare".
21.47 Preatoni: "Con un'uscita ordinata dall'euro non avremmo problemi".
21.45 Parenzo: "Grillo dice putt@nate incredibili, dice che l'Europa dà i soldi alle imprese"
21.44 Parenzo: "Il problema siamo noi, non l'Europa".
parenzo e borghi
21.43 Borghi: "Se Grillo prende il 100% con i suoi 70 parlamentari in Europa non ci fa nulla, perché serve creare un fronte anti euro".
21.38 Un servizio riporta le parole di Grillo sull'Europa: "Via il fiscal compact, non lo abbiamo firmato noi".
21.38 I sondaggi.
sondaggi la
21.36 Mauro: "Per colpa di chi vuole le speculazioni ci siamo fermati a metà del guado. Dobbiamo fare un'intesa federale tra 6-7 Stati".
21.33 Preatoni: "Se rimaniamo nell'euro condanniamo le prossime generazioni a questo Stato".
preatoni
21.32 Borghi: "Le elezioni europee dovrebbero essere un referendum: chi è contro e chi è favorevole all'euro".
21.28 Parenzo: "Che la gente non vada a votare non è per forza negativo". Poi fa notare a Borghi che la Lega è alleata della Le Pen il cui partito è "ultranazionalista e vuole mantenere la sede di Strsburgo". Borghi: "Lo sprechino è nulla rispetto alla disoccupazione".
21.28 Mauro: "Non ho nessuna antipatia per gli euroscettici né per il popolo grillino".
21.26 Paragone presenta i primi ospiti: Mauro, Borghi, Parenzo, Preatoni (imprenditore).
21.25 Alcuni imprenditori sostengono che l'uscita dall'euro sarebbe una soluzione positiva.
21.18 Si parte con il popolo che non andrà a votare alle Europee. Quindi un servizio sugli imprenditori veneti che si sentono dimenticati dall'Europa.
non voto
21.12 Paragone lancia la puntata, che inizia dopo la pubblicità.
lara comi1

Torna questa sera su La7 alle ore 21.10 l'appuntamento con La Gabbia, il talk show condotto da Gianluigi Paragone. Al centro della puntata, seguita in liveblogging da PolisBlog, ci saranno temi legati all'economia e all'Europa. Ad animare la discussione in studio ci saranno, tra gli altri, Carlo Fidanza di Fratelli d'Italia, Barbara Lezzi del Movimento 5 Stelle, Lara Comi di Forza Italia, Simona Malpezzi del Partito Democratico, Mario Mauro dei Popolari per l'Italia, gli economisti Claudio Borghi e Marco Fratini e il giornalista David Parenzo.

Non mancherà la consueta ironia di Paolo Hendel, che anche in questo appuntamento tornerà a vestire i panni del magnate Carcarlo Pravettoni. Spazio poi anche alla satira di Saverio Raimondo. Nel corso della puntata verrà trasmesso anche il servizio di Filippo Barone nel quale Mario Draghi ha perso le staffe.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO