Marina Berlusconi leader di Forza Italia: la (nuova) benedizione di Francesca Pascale

"Ma ci vogliono le primarie", spiega in un'intervista a Repubblica.

Quanto Francesca Pascale sia attivamente addentro alle vicende di Forza Italia lo si capisce soprattutto nei passaggi dell'intervista concessa a Repubblica Napoli in cui parla della situazione partenopea e dei problemi con Cosentino e i cosentiniani ("Cosentino aveva sempre detto, anche più volte in pubblico, che doveva occuparsi delle sue vicende processuali e che non voleva candidarsi assolutamente alle europee né in altre competizioni. Quindi? Lasciamo che si dedichi alle vicende sue. Invece è giusto dire che su De Siano c'è stata un'ampia convergenza da parte di deputati senatori e rappresentanti locali"); ma in questo momento molto particolare per il partito guidato da un Silvio Berlusconi che ha appena iniziato i servizi sociali forse è ancora più interessante sentire che cosa Francesca Pascale abbia da dire su Marina Berlusconi.

La fidanzata dell'ex Cavaliere è stata in effetti una delle primissime a sondare il terreno per la successione dinastica, in tempi non sospetti. Dopo mille altalene, polemiche, smentite - e mentre il pressing è andato avanti senza sosta - che cos'ha da dire Francesca Pascale adesso che sembra quasi certo che a prendere il posto di Berlusconi Silvio sarà Berlusconi Marina, nuova leader di Forza Italia designata?

Ne sono contenta non solo perché le doti di intelligenza politica, di prontezza e acume di Marina la rendono simile e molto vicina al padre. Ma anche perché Marina mi sembra abbia detto una cosa molto importante: e cioè che la leadership si costruisce nel tempo, e deve essere legittimata. Difatti la mia semplice opinione è che sia giusto andare alle primarie. E sono sicura che Marina Berlusconi sia, non per il suo cognome soltanto, la leader di cui il movimento ha bisogno".

E in queste parole c'è un secondo indizio di come Francesca Pascale sia diventata qualcosa di più di un orpello berlusconiano, visto che anche lei cita la parola magica "primarie", quelle che secondo tutti sono indispensabili per avallare la discesa in campo di Marina Berlusconi - che tanto sbaraglierebbe gli avversari - senza che si possa parlare di successione priva di legittimazione popolare. Primarie in Forza Italia, quindi, per eleggere Marina Berlusconi. Sempre che nel frattempo Forza Italia non crolli alle elezioni europee 2014 compromettendo la possibilità che il partito possa avere un futuro. La first lady Pascale, ovviamente, non la vede così:

"Penso che Berlusconi sarà bravissimo a tenere ancora in alto, oltre il 20 per cento, un partito che si riconosce ancora nei moderati italiani ed europei, nonostante i tradimenti che ha subito, le pugnalate ricevute e anche le scelte sbagliate di alcuni comunicatori del passato. Ma c'è un bel futuro per Forza Italia, ne sono sicura".

ITALY-POLITICS-BERLUSCONI-TRIAL-TAX

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO