Elezioni Europee 2014 in Germania: CDU al 35%, i neonazisti arrivano a Strasburgo

La Germania elegge 96 europarlamentari, senza soglia di sbarramento. Vittoria CDU, il partito neonazista ne approfitta

NPD Germania neonazisti

Aggiornamento lunedì 26 maggio, ore 12.00 - La tornata elettorale europea in Germania ha fatto registrare un'affluenza alle urne più alta della media del Continente, con il 47.9% degli aventi diritto che si sono regolarmente recati alle urne (il dato più alto dal 1994).

Vittoria a mani basse per la CDU di Angela Merkel, che si conferma primo partito in Germania e premiata dai cittadini tedeschi proprio per le politiche europee degli ultimi anni. La coalizione CDU-CSU ottiene così il 35.30% dei voti, garantendo ben 34 seggi al Partito Popolare Europeo.

Sconfitta di misura per l'Spd di Shulz, che si ferma al 27.30% ed ottiene 27 seggi.

Schermata-8

I neonazisti tedeschi dell'NPD ottengono clamorosamente un seggio al Parlamento Europeo, con l'1% dei voti.

Germania: un seggio ai neonazisti?

22.16: con l'avanzata dell'estrema destra in Europa, potrebbe verificarsi un episodio davvero clamoroso in Germania.

Secondo l'emittente ARD, i neonazisti dell'NPD potrebbero ottenere un seggio ed entrare per la prima volta nel Parlamento Europeo.

18.00: i seggi, come da programma, chiudono alle 18.00 e i primi exit poll cominciano ad arrivare. Vittoria schiacciante di CDU-CSU con un ottimo 36%, seguito dalla SPD (Sozialdemokratische Partei Deutschlands) con 27,5%, i Verdi al 10,5%, l’FDP (Freie Demokratische Partei, il Partito Liberale Democratico) col 3%, Die Linke al 7,5% e l’AfD (Alternativa per la Germania) al 6,5%. Per i risultati, invece, bisognerà attendere le 23 di oggi, quando anche in Italia saranno concluse le operazioni di voto.


Aggiornamento domenica 25 maggio - In Germania alle ore 14 l'affluenza alle urne è stata del 25,6%, in aumento rispetto al 2009 quando allo stesso orario era del 20,2%.

Elezioni Europee 2014: in Germania al voto con proporzionale puro


La Germania è lo Stato membro con il maggior numero di seggi al Parlamento Europeo, ben 96 e quest'anno si presenta alle elezioni europee 2014 con una legge elettorale che è stata modificata in seguito all'intervento della Corte Costituzionale tedesca, che ha ritenuto incostituzionale la soglia di sbarramento al 3% e dunque questa volta si voterà con un sistema proporzionale purissimo.

I seggi saranno ripartiti su base nazionale con il metodo Sainte Laguë, ossia il metodo del divisore con arrotondamento standard che assegna i seggi in modo proporzionale calcolando dei quozienti per ogni particolare lista. Alle elezioni europee la circoscrizione sarà unica con sotto-distretti nazionali ottenuti in base al numero di abitanti al solo scopo amministrativo.

La sentenza della Corte di Karlsruhe potrebbe avere come conseguenza l'ingresso nel Parlamento Europeo di forze che non sono rappresentate nel Bundestag, dove invece c'è la soglia di sbarramento, e che sono considerate estremiste, tanto che lo stesso Martin Schulz ha commentato dicendo che sarà ora necessario raddoppiare l'impegno e la mobilitazione per evitare che a Bruxelles arrivino forze anti-europeiste. Tra queste ci sono, per esempio, il Partito Pirata tedesco, l'Alternativa tedesca, i Liberi Elettori e il Partito Nazionaldemocratico Tedesco.

I principali partiti che in Germania si presentano alle elezioni europee 2014 sono CDU-CSU, ossia l'Unione Cristiano Democratica che è alla guida del governo tedesco con Angela Merkel e che fa parte a livello europeo dello European People's Party, il Partito Popolare Europeo (PPE), poi c'è la SPD (Sozialdemokratische Partei Deutschlands) che aderisce invece alla Progressive Alliance of Socialists and Democrats (S&D) che supporta la candidatura di Martin Shulz, e ancora l'FDP (Freie Demokratische Partei, il Partito Liberale Democratico) che aderisce all'Alliance of Liberals and Democrats for Europe (ALDE), i Verdi che sostengono dunque il partito europeo The Greens-European Free Alliance (G/EFA), Die Linke (La Sinistra) che in Europa corre con l'European United Left-Nordic Green Left (GUE-NGL) più i partiti di cui abbiamo parlato sopra e che non aderiscono ad alcun gruppo a livello europeo e sono considerati anti-europeisti.

Elezioni Europee 2014 in Germania

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO