Obama denuncia la Cina per il 'cyber-spionaggio': e il Datagate?

Gli Stati Uniti hanno deciso di denunciare la Cina per il furto di dati sensibili ai danni delle aziende nazionali. Pechino reagisce sospendendo i gruppi di lavoro con Washington contro il cyber-spionaggio.

Il presidente americano Barack Obama ha annunciato azioni penali contro la Cina per il continuo furto di informazioni riservate ai danni delle aziende statunitensi. E' stato il ministro della Giustizia, Eric Holder, a denunciare il "cyber-spionaggio" da parte di Pechino e a dire che gli States sono pronti a portare il governo cinese in tribunale.

Il Grand Giury della Pennsylvania parla esplicitamente di cinque hacker militari cinesi, dell’unità numero 61398 della terza divisione dell’Esercito di Liberazione del Popolo, che avrebbero rubato dati sensibili dei computer di sei società americane del settore dell'energia nucleare solare e metalmeccaniche: Alcoa, Us Steel e Wastinghouse. I capi d'accusa riguardano la "pirateria informatica", messa in pratica tra il 2006 e il 2014. Con danni commerciali alle aziende di circa 400 miliardi l'anno.

I pirati informatici cinesi avrebbero utilizzato strutture militari e dell'intelligence per commettere i loro reati. Holder ha spiegato:

"In modo sistematico, aziende americane hanno subito furti di informazioni da parte di cinque hacker dell'esercito cinese. Quando è troppo, è troppo. E' arrivata l'ora di reagire contro questi atti di cyber-spionaggio che hanno come scopo unico aiutare in modo illegale l'industria di Pechino. Il governo degli Stati Uniti non tollererà più le azioni che puntano a sabotare illegalmente società statunitensi e minare l’integrità di una concorrenza leale sul mercato".

Il capo dell'Fbi, James Corney, è sulla stessa lunghezza d'onda:

"Per troppo tempo, il governo cinese ha usato il cyber-spionaggio spudoratamente pur di ottenere benefici economici per le sue industrie di Stato".

La reazione cinese non si è fatta attendere. "Assurde e fittizie" sono state definite le accuse americane. Come rappresaglia, Pechino ha annunciato la sospensione dei lavori in corso tra i due Paesi, proprio sulla lotta alla pirateria informatica. A livello internazionale, gli attriti tra Stati Uniti e Cina vengono guardati con una certa apprensione, ma anche senza parteggiare per uno o per l'altro. Troppo vicino lo scandalo Datagate per pensare agli States come a una verginella dal punto di vista dei reati informatici.

Usa contro Cina

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO