Nel Pd le correnti nascono come i funghi: il 14 ottobre tocca ai Democratici per la democrazia di Arturo Parisi


Giusto ieri si diceva di quanto siano paradossali le due iniziative televisive concorrenti messe in piedi dalle principali correnti del Partito democratico: Red Tv e You Dem Tv. Ma dato che al peggio non c'è limite, proprio ieri, durante una imperdibile conferenza stampa a Montecitorio, è stato raggiunto un punto di autentica eccellenza politica: l'annuncio della nascita ufficiale della terza componente del Pd, quella dei Parisiani. Gli scopi della genesi dell'ennesima fazione democratica sono ovviamente nobilissimi: "il 14 ottobre, a tre anni da quelle primarie che incoronarono Romano Prodi come premier del centrosinistra, Arturo Parisi annuncia che presenterà un proprio comitato 'dei democratici per la democrazia' il cui obiettivo principale sarà quello di riportare la democrazia nel partito". Non bastava continuare a dare l'idea di un partito in balia delle onde e degli squali, per Parisi era necessario anche esporsi al ridicolo attribuendo alla sua creatura un nome che nessuna anagrafe politica vorrebbe dover registrare.

In attesa che altri raffinati strateghi diano finalmente vita ai socialisti per il socialismo, ai comunisti per il comunismo, ai liberisti per il liberismo, ai sinistri per la sinistra, ai democristiani per la democrazia cristiana, Parisi annuncia “una linea in antitesi con quella caldeggiata da Goffredo Bettini che invita il Pd ad essere radicale da un punto di vista sociale e riformista da quello istituzionale. Noi seguiamo una linea diametralmente opposta: vogliamo essere radicali dal punto di vista istituzionale e riformisti da quello sociale". Secondo l'ex ministro è necessario “portare avanti la funzione dell'opposizione nella sua valenza istituzionale, senza estremismi né sconti moderati, perseguire la linea di una funzione repubblicana dell'opposizione”.

Riferendosi allo scontro con i leader delle altre fazioni e con W Veltroni, Parisi chiarisce che, naturalmente: “non portiamo avanti questa battaglia per sedere su una poltrona ma per un dovere che sentiamo nei confronti e nell'interesse della democrazia e del partito".

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO