Festa delle Libertà. Ronchi: "Un sogno: Fini presidente del Consiglio


Dal nostro inviato

Parte all'insegna delle dichiarazioni forti e non senza qualche polemica di contorno la prima Festa delle Libertà in programma al Lido di Milano fino a domenica. Notevole il parterre degli ospiti del dibattito condotto da Vittorio Feltri, con Roberto Formigoni, Letizia Moratti, Andrea Ronchi e il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Scopelliti chiamati a rispondere alle domande non sempre benevole del direttore di Libero. Riguardo a questo, notevole la gaffe del primo cittadino milanese, che nell'enfasi del proprio discorso celebrativo dell'Expo apostrofa il povero Vittorio con un consentimi, Libero in un piano di completa identificazione con il suo giornale.

Toni entusiastici per l'Expo, dunque, ma molto altro sul tappeto, e non è mancata una pepata polemica morattiana, appoggiata da Scopelliti, all'insegna della sottrazione dei fondi Ici che il comune aveva messo a bilancio. "L'abolizione dell'Ici è stata giustissima ma..." ha esordito il sindaco, preannunciando una petizione nei confronti di Berlusconi per il recupero dei fondi perduti. Come? Non è chiaro, ma il discorso ruota intorno al fatto che non sia giusto che gli enti locali "virtuosi" siano messi sullo stesso piano di quelli spendaccioni (che però ormai soldi li avranno finiti...) e dunque bisognerebbe anticipare lo spirito del federalismo fiscale premiando i "buoni". D'altronde è appena rimbalzata sul palco la notizia che Roma e Catania saranno salvati dal fallimento con un grosso stanziamento governativo (a riguardo Formigoni, incalzato da Feltri, dichiara di sospendere il proprio giudizio) e la Moratti non può che essere attapirata, come suol dirsi.

Dal canto suo il governatore lombardo pone l'accento sulla necessità di far valere la cultura della regione per attirare il maggior numero possibile di visitatori all'Expo, mentre a Scopelliti restano un po' le briciole del dibattito, nonostante i continui incensamenti di Ronchi che su Reggio Calabria afferma testualmente "Hai fatto di quella città un fiore". Quasi imbarazzante l'enfasi del Ministro alle politiche comunitarie, che alza continuamente i toni manco fossimo allo stadio, e quasi mi aspettavo che a un certo punto invocasse il classico "po... po... po..." mondiale dalla folla acclamante. Ma se fortunatamente non si è arrivati a tanto, rimane da segnalare la chiusura dello stesso Ronchi, che la dice lunga sulle strategie di An all'interno del Pdl.

"All'interno di An non tutti erano entusiasti dell'ingresso nel Pdl. An è sempre stato un partito radicato, di grandi lotte e ideali..." - (distante in questo da Forza Italia, lascia intendere) - "...ma siamo confluiti nel progetto con lealtà e, consentitemi, con un grande sogno nel cuore: tra qualche anno Gianfranco Fini presidente del Consiglio".

Mite applauso e via, tutti al ristorante in attesa di Edoardo Bennato. Tutti eccetto il vostro cronista che se n'è andato a caso a vedere la partita, in mancanza delle salamelle evocate da qualche commentatore di Polis. Notazione a margine: il menu "politico" costava 25 euro, quindi tra le varie Libertà quella di spendere era assicurata.

Appuntamento a stasera, con Alemanno, Brunetta ed Enrico Ruggeri. Emilio Fede conduce il dibattito. Imperdibile.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO