Missione compiuta: Beppe Grillo ha attraversato lo Stretto di Messina a nuoto (VIDEO)

Aggiornamento ore 12.17: Missione compiuta: Beppe Grillo ha attraversato lo Stretto di Messina nonostante il cattivo tempo e le forti correnti. Ad attenderlo sulla costa siciliana c'erano circa 300 persone che lo hanno accolto con un lungo applauso. La traversata è durata un'ora e 15 minuti circa

Grillo si è tuffato tra le onde imperiose, e a quanto dicono sta andando anche parecchio veloce. Si vede che ha fretta di portare a termine un'impresa che non si sta mettendo bene. O almeno la provvidenza non gli sta dando una mano: maltempo, pioggia, correnti fortissime che rischiano di riportarlo a Genova "senza traghetto". A Canitello (Calabria) piove a dirotto, con 60 cm di onde e vento a 4,9 nodi. E nuotata in stile Mao e Mussolini rimandata di un'ora e mezza.

Grillo si è tuffato

Ma Beppe Grillo non si è arreso, non può farlo: ormai sono giorni che si parla della sua impresa e a quanto dice lui pure i bookmaker ci stanno scommettendo parecchio. L'esito positivo della traversata e data uno a 4,5. Il fallimento a 1,13. Eh, non c'è molta fiducia nelle capacità natatorie del leader del Movimento Cinque Stelle.

Prima di tuffarsi



Come si vede da alcune foto che circolano in rete, dall'altre parte dello Stretto, a Messina, splende il sole e il CinqueStellati lo attendono ansioso per festeggiare con lui la riuscita di un'impresa tanto inutile quanto (a questo punto) rischiosa. Anche perché proprio nella foto citata si vede benissimo come dall'altra parte dello Stretto le nubi siano parecchio minacciose...

Ce la farà il leader del Movimento Cinque Stelle? I suoi fan più accaniti possono stare tranquilli: durante tutta la traversata avrà sempre con sé la barca d'appoggio che lo terrà sotto controllo e lo soccorrerà in caso di bisogno. Anche perché Grillo non si può strapazzare più di tanto: l'impresa infatti non termina con la nuotata. E dopo?

Un tour in camper, come spiega lo stesso comico genovese: "Per tenermi in forma correrò davanti al camper per qualche chilometro tutti i giorni, come Forrest Gump". Un tour - principalmente a piedi - per i luoghi simbolo della cattiva gestione dell’amministrazione siciliana, accompagnato da supporter volontari. Ma perché tutto questo in Sicilia? "E’ sempre stata l’ago della bilancia della politica italiana da Garibaldi in poi. Nell’immaginario nazionale l’Italia nasce con la spedizione dei Mille e con la frase “Qui si fa l’Italia o si muore” rivolta a Nino Bixio da Garibaldi”

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO