Elezioni Europee 2014: perché il Movimento 5 Stelle ha perso?

Le ragioni della sconfitta del Movimento 5 Stelle alle elezioni europee 2014.

I risultati delle elezioni europee 2014 sono ormai definitivi ed è evidente come, in Italia, queste elezioni abbiano un sicuro vincitore e un sicuro sconfitto: rispettivamente il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle. Che il Pd potesse superare il M5S era nell'ordine delle cose, ma un distacco di quasi venti punti sarebbe stata considerata fantascienza fino alle 23 di ieri sera. E invece per Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio questa è una vera disfatta: la percentuale di elettori cala dal 25 al 21% e per strada si sono persi milioni di voti. Ma perché il Movimento 5 Stelle ha perso le elezioni? Quali sono le ragioni di questa sconfitta?

Forse prima di cercare demeriti nella campagna elettorale del M5S, bisogna guardare ai "meriti" di Renzi. Lo mettiamo tra virgolette perché il suo merito principale è sicuramente quello di essere l'uomo nuovo della politica. Di non essere passibile di accuse per come l'Italia è stata gestita negli ultimi vent'anni. Lui, semplicemente, con quella classe dirigente non c'entra nulla. Ed ecco che quello che è il cavallo di battaglia principale del Movimento 5 Stelle, il "tutti a casa", su di lui non fa presa. Inoltre Renzi è un competitor formidabile anche sul terreno del web, è un politico dalle doti comunicative che, in Italia, solo Silvio Berlusconi ha mostrato e, infine, certamente quegli 80 euro in più al mese male non hanno fatto (già circola la battuta: "Chissà se ne avesse dati cento").

Fin da quando Renzi ha preso il comando del Partito Democratico si era capito, sondaggi alla mano, che gli elettori del Movimento 5 Stelle avrebbero potuto trovare in lui in una valida alternativa. D'altra parte uno che si presenta come "rottamatore" (se poi davvero abbia rottamato, è un altro discorso) non può che colpire l'elettorato pentastellato. E infatti Beppe Grillo gli si è scagliato contro fin dall'inizio, con una costanza che ha riservato solo a Renzi. Questi i meriti di Matteo Renzi, ma è anche indubbio che Grillo & Casaleggio abbiamo le loro colpe. Cerchiamo di capire quali possano essere.

La stessa identica campagna elettorale (fatta di toni forti, insulti e uscite da brivido come quella sui processi popolari in rete) aveva dato straordinari risultati alle politiche 2013. E comunque, va detto, non è che questa volta sia andata male, il 22% è un ottimo risultato, ma ci si aspettava molto di più. Aspettativa determinata anche dal fermento sui social network e dalle piazze piene. E quindi, ancora una volta, è il caso di ribadire il vecchio detto "piazze piene, urne vuote", guarda caso proprio quel detto che ha perseguitato da sempre la sinistra. Ci si potrebbe anche aggiungere qualcosa di 2.0, che riguarda il fatto che fare casino su Facebook e Twitter non significa essere la maggioranza.

Probabilmente c'è però stata una esagerazione nei toni da parte di Beppe Grillo, che tra processi, espulsioni, gogne mediatiche, insulti, attacchi e tutto quello che fa parte del suo campionario può aver stufato qualcuno. E bisogna anche prendere in considerazione che non solo la scarsa democrazia interna del M5S è venuta fuori in questo ultimo anno, ma anche l'opacità di alcuni metodi che dovevano essere la forza dei pentastellati e invece gli si sono rivoltati in parte contro (come la selezione dei candidati sul web, in cui tutti possono vedere come alcuni accedono alle liste con una trentina di voti, una cosa poco seria).

A tutto questo, Beppe Grillo non ha saputo offrire in cambio qualcosa che somigliasse a una vera competenza sui tanti argomenti: sentirlo parlare di Expo, di Europa, di Euro e di tutto il resto dava sempre l'impressione che la sua conoscenza della materia fosse quanto meno abbozzata. Insomma, se il paragone con Robespierre portato da Silvio Berlusconi sembrava abbastanza indovinato, forse ci si è dimenticati di aggiungere una postilla: Robespierre era molto più preparato di Beppe Grillo.

vinciamopoi

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO