Via i corrotti dalla scena pubblica! Dalla Sicilia un monito "nazionale"

Il degrado morale e sociale della politica ha oltrepassato ampiamente il livello di guardia, il bene comune, lo spirito di servizio e le istanze etico-sociali non sono priorità per i politici, lo stile e le modalità di approccio dell’attuale assetto manifestano incontestabile carenza di seria fondazione morale, basta scambio clientelare, via i corrotti dalla scena pubblica, la cattiva politica prevale..

Non poteva scegliere un momento migliore, la Conferenza episcopale siciliana, per lanciare il suo monito contro la corruzione e la malapolitica, infiltrata, collusa e fin troppo compiacente con le organizzazioni criminali. Una denuncia e un invito alla ribellione, se non altro morale, che doveva dare una frustata ai politici siciliani impegnati nella campagna elettorale per le elezioni regionali. Ma che si trasforma, a causa della cronaca politico-giudiziaria, in un manifesto contro l'illegalità e il degrado etico di valore nazionale.

Pur con l'inevitabile premessa che troppo spesso la Chiesa, intesa come gerarchia più che come parroci di quartiere, ha chiuso un occhio di fronte alla grande criminalità (ci sono voluti decenni per togliere uno dei boss della Banda della Magliana da una cattedrale di Roma), non possiamo non notare l'attualità e la forza del messaggio:

Il clima di conflittualità e lo scontro tra scelte politiche contrastanti ha ormai assunto toni di guerra tra le parti. Esso esprime quasi esclusivamente una deprimente logica di spartizione del potere, lo scontro tra forze più o meno occulte, la strumentalizzazione delle persone, la pressione mediatica e il condizionamento dell’opinione pubblica... Stiamo assistendo a un degrado morale, a un livello di corruzione, a uno spreco continuo delle risorse economiche e umane, in un momento in cui la gente non può fare la spesa.

Ovviamente in pubblico tutti, candidati, segretari, deputati e presidenti, condividono questo tipo di richiamo. Poi quello che succede nei Palazzi è tutt'altra cosa.

Qui trovate il testo integrale del documento: Amate la giustizia, voi che governate sulla terra

Foto @ Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO