Berlusconi salta l'incontro con Salvini e manda Brunetta, Toti e Romani

Paolo Romani: "Con la Lega ci auguriamo un percorso comune fatto di idee comuni".

Silvio Berlusconi alla fine non ce l'ha fatta a presentarsi all'incontro con Matteo Salvini per la raccolta firme per il referendum, tuttavia ha mandato tre dei suoi fedelissimi, anche se, ovviamente, non è la stessa cosa. La conferenza stampa è stata dunque tenuta dal leader del Carroccio con gli "azzurri" Giovanni Toti, Renato Brunetta e Paolo Romani, questi ultimi due rispettivamente capigruppo di Camera e Senato.


Forza Italia ha deciso di sostenere due quesiti: quello sulla reintegrazione del reato di immigrazione clandestina e quello sull'abolizione della legge Fornero.

Salvini ha ringraziato Berlusconi e Forza Italia e ha ricordato che ci sono ancora pochi giorni per firmare i referendum (fino al 3 giugno), mentre Paolo Romani ha detto:

"Con la Lega ci auguriamo un percorso comune fatto di idee comuni. Con il Carroccio abbia o in comune il contrasto alla politica europea a trazione tedesca. Anche la Lega comincia a farsi carico dei problemi di tutto il Paese e non solo del Nord"

Giovanni Toti ha fatto notare che Forza Italia e la Lega sono stati alleati per anni pur essendo stati in gruppi diversi in Europa, poi ha aggiunto:

"La linea dettata da Berlino in Europa in questi anni non ci convince e ci batteremo per cambiarla. Se non si apre una fase costituente in Europa, questa Europa franerà. Se non la cambiamo l'Europa fra cinque anni non esisterà più"

Incontro Berlusconi-Salvini per il referendum


Nell'agenda politica diffusa oggi dalle agenzie di informazione c'è un appuntamento nel pomeriggio con Matteo Salvini e Silvio Berlusconi che dovrebbero tenere una conferenza stampa nell'apposita sala della Camera dei Deputati.

L'oggetto dell'incontro è noto e cioè la firma, da parte del leader di Forza Italia e di altri suoi colleghi tra cui Giovanni Toti, di alcuni dei sei quesiti sui quali la Lega Nord vuole proporre un referendum.

Non è chiaro se effettivamente alla conferenza stampa saranno presenti entrambi i leader della Lega e di Forza Italia. Se così fosse sarebbe la prima occasione per i giornalisti per commentare il risultato delle elezioni europee anche con Silvio Berlusconi, che finora ha parlato attraverso note ufficiali sul sito del partito, ma senza interlocutori diretti.

Di certo questo incontro è anche un primo passo verso la ricostruzione di un'alleanza, quella tra Berlusconi e la Lega, che negli anni è stata spesso traballante. Qualche ramoscello d'ulivo c'è già stato nei giorni scorsi, anche attraverso il Giornale, organo di stampa della famiglia Berlusconi, tanto che lo stesso Salvini, definito dal quotidiano diretto da Alessandro Sallusti "leader lucido e folle che ha salvato la Lega", si è stupito di queste attenzioni, come potete vedere nel messaggio pubblicato oggi dal segretario del Carroccio sul suo account Twitter:


I quesiti che la Lega propone per il referendum e per il quale ha tempo fino a 3 giugno per raccogliere le firme, sono i seguenti:
- cancellazione della legge riforma Fornero
- reato di clandestinità
- prostituzione legale
- abolizione delle prefetture
- libertà di espressione
- no a privilegi agli immigrati

Silvio-Berlusconi-e-Matteo-Salvini

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO