Regionali Lombardia: il ritorno di Gabriele Albertini. Sarà il candidato del Pdl?

Che veramente Roberto Formigoni riesca a restare alla guida della Regione Lombardia fino al 2015 sembra una missione impossibile. La Lega Nord chiede il voto in primavera, e lui addirittura rilancia dicendo che se tutto cade allora è il caso di andare a votare anche prima. Avendo dimostrato di non avere nessun senso della vergogna il Celeste non esclude neanche di candidarsi nuovamente. Ma la cosa appare altamente improbabile, anche perché nel Pdl si stanno già muovendo per trovare un degno sostituto.

E i nomi iniziano a circolare: si cerca qualcuno di inattaccabile, che non abbia mai avuto scandali di sorta e faccia dimenticare la disastrosa giunta degli indagati che sta governando la Regione. Ed ecco che dal mazzo spunta Gabriele Albertini, ex sindaco di Milano, europarlamentare del Pdl, celebre per essersi messo in mutande (vabbè, la sobrietà proprio non è del Pdl) durante una sfilata meneghina. Più che altro, il suo nome sembra quello giusto perché ha lasciato nei milanesi di centrodestra un ricordo migliore di quello della Moratti e perché da anni va proponendo un 'codice etico' per il partito e si scaglia contro le liste dei nominati. In questo periodo, per il Pdl è già tanto.

Lui, in un'intervista a Libero, per il momento glissa. Anche se fa capire di avere le carte in regola.

In astratto chi ha governato Milano per 9 anni potrebbe fare il ministro o il governatore. Le candidature però si accettano, non si offrono. Non sono il cardinale che si propone con il Papa ancora in vita

E però, 'in astratto', il candidato potrebbe essere lui. E' in attesa di ricevere proposte concrete. Ma visto che sembra che il Pdl lombardo abbia in Albertini la prima scelta, la proposta potrebbe arrivare in tempi brevi. E quindi, "si vedrà a tempo debito". Ma con una precisazione:

Il Pdl, che è sceso dal 38 al 15%, con i voti attuali combina poco. Se in Lombardia si presentano un leghista, un candidato di sinistra e una persona che riunisca il campo moderato, quest’ultima può vincere. Al convegno sull’onestà in politica c’erano Fini, Casini e Alfano. Puntiamo ad aggregare nello spirito del Ppe anche Italia Futura

Chiarissimo: con il Pdl da solo non ci sta, sarebbe una partita persa. Ma se si aggregano anche Casini e Montezemolo allora si può fare. Una precisazione abbastanza sospetta, quella su Italia Futura, visto che altri rumor vorrebbero addirittura Albertini candidato Governatore direttamente di Italia Futura, bypassando del tutto il Pdl. Scrive Il Portaborse:

Sì, probabilmente sarà Gabriele Albertini. Anche se non c'è alcuna ufficialità l'ex sindaco potrebbe essere il primo candidato di Italia Futura a un'elezione. La questione la stanno studiando ormai da settimane a Milano. I Montezemolo boys discutono sul futuro della Lombardia. Una regione chiave. Dove la Fondazione ha una struttura, uomini pronti a lanciarsi nella mischia elettorale con la coccarda di IF sul petto.

Ed ecco che i conti tornano, e ci dicono che con un accordo Pdl + Italia Futura + Udc allora sì, Albertini potrebbe accettare una candidatura che a quel punto qualche chance di vittoria ce l'avrebbe. D'altra parte l'ex sindaco corre solo quando ci sono possibilità di trionfo: avrebbe dovuto essere lui il candidato alle Comunali dell'anno scorso per il Terzo Polo, ma una volta scoperto (che sorpresa!) che i sondaggi non gli davano una possibilità si ritirò tempestivamente. Questa volta potrebbe andare diversamente.

Foto @ Getty Images

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO