Insulti ai magistrati: il Tribunale di Sorveglianza diffida Berlusconi. Lui si scusa

Al processo Lavitola, aveva parlato di magistratura fuori controllo

Il giudice del Tribunale di Sorveglianza di Milano, Beatrice Crosti, ha richiamato Silvio
Berlusconi ad attenersi alle prescrizioni del provvedimento di affidamento ai servizi sociali per la condanna nel processo Mediaset. Lo riporta l'Ansa. La diffida riguarda le parole usate da Berlusconi sui
giudici a Napoli nel corso della sua testimonianza nel processo a carico di Lavitola. In quell'occasione, l'ex premier aveva parlato di "magistratura fuori controllo".

L'affidamento di Berlusconi ai servizi sociali, è vincolato al rispetto di alcune condizioni, tra cui quella di non usare parole irrispettose contro i giudici e la magistratura.

Berlusconi ha trascorso circa un’ora nell’ufficio del magistrato di Sorveglianza Beatrice Crosti, il giudice che gli ha concesso l’affidamento in prova ai servizi sociali. Al giudice che oggi lo ha richiamato per le parole usate sui magistrati, Silvio Berlusconi ha chiesto scusa per quella che ha definito "una battuta", assicurando che non si ripeterà più.

in aggiornamento
ITALY-POLITICS-PARTIES-BERLUSCONI

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO