Alfano riforme: "In autunno choc fiscale per aiutare le famiglie"

Angelino Alfano a tutto campo al Corriere della Sera: parla di riforme, choc fiscale. centrodestra e immigrazione clandestina.

Angelino Alfano a tutto campo sul Corriere della Sera. In particolare, sulle riforme: "A cui non c'è alternativa. Non possiamo fallire, apriremmo la strada a Beppe Grillo". Il ministro dell'Interno del governo non è tenero neanche con il premier Matteo Renzi: "Nel Pd c'è una minoranza che sta facendo opposizione e questo è un tema che dovrà risolvere Renzi, come premier e come segretario del Pd". Su Forza Italia Alfano è lapidario: "Ha fatto il balletto tra il sì e il no".

Si dilunga sulle riforme il leader del Nuovo Centrodestra:

"Noi non facciamo minacce, ma occorrono almeno tre correzioni. Sulle soglie della legge elettorale, sulle preferenze, sulle partecipate degli anti locali, che vadano ai privati se sono in grado di garantire un servizio migliore dello Stato".

La partita si giocherà anche sulla politica economica:

"In autunno, con la legge di Stabilità, puntiamo a introdurre uno choc fiscale per aiutare le famiglie. Con gli 80 euro abbiamo premiato i singoli percettori di reddito, ora occorre puntare sui figli a carico e sui nuclei familiari, sia con le detrazioni che con le semplificazioni, eventualmente con veri e propri bonus. Occorre dare attuazione all'articolo 31 della Costituzione. Occorre riportare gli italiani nei negozi e nei centri commerciali".

Ancora sulle riforme:

"La spinta alla governabilità è imprescindibile. La sera del voto ci vuole un governo. E questo principio si può bilanciare rafforzando la rappresentanza. La soglia per il premio di maggioranza va alzata al 40%, le diverse soglie di sbarramento andrebbero armonizzate e razionalizzate, oggi appaiono come la pizza ai quattro gusti. Ed è inaccettabile che se in una coalizione la soglia la supera solo un partito, il premio vada solo a quello benché guadagnato con i voti di tutta la coalizione".

E il centrodestra?

"Oggi non esiste, ne esistono tre. Un'area moderata e programmaticamente alternativa alla sinistra, come noi, che vuole cambiare il Paese. Poi c'è Forza Italia, che dice di non voler uscire dall'euro sebbene faccia un po' di confusione, che sta nel processo di riforme ma non nel governo. E poi ci sono Lega e Fratelli d'Italia, che stanno con Le Pen e fuori da tutto. Noi dobbiamo riunificare tutti i moderati che vogliono le riforme, sono nel Ppe e sostengono il governo".

In ultima analisi, l'immigrazione clandestina: "Mare Nostrum è nata come un'operazione a tempo".

Angelino Alfano

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO