Elezioni in Slovenia: exit poll, il premier è Cerar

Miro Cerar avrà il compito di formare il nuovo governo sloveno, avendo ottenuto il 36,9% dei voti secondo dati ancora non ufficiali

Sarà Miro Cerar il nuovo premier della Slovenia. Il leader del partito Smc, secondo gli exit poll, ha totalizzato il 36,9% dei consensi. Toccherà dunque a lui comporre il nuovo governo che succederà a quello dimissionario di Alenka Bratusek. Cerar ha 15 giorni per presentare all'Assemblea nazionale slovena le nomine dei ministri del suo esecutivo.

Cerar è un neofita, politicamente parlando, ma è riuscito a convincere il popolo parlando di moralità nel mondo politico. "Penso che la gente veda, nel nostro gruppo, la possibilità di formare un governo stabile e che possa portare il Paese fuori dalla crisi". Al secondo posto, sempre secondo i dati non ufficiali, dovrebbe esserci Janez Jansa, attualmente in carcere per corruzione e condannato a due anni. Avrebbe ottenuto il 20% il candidato del Partito democratico Sds.

Hanno supera la soglia di sbarramento del 4% pure il Partito per la tutela dei pensionati DeSUS (9,7%); la Sinistra Unita (7,1%); il Partito socialdemocratico (SD) con il 5,8%; Nuova Slovenia (NSi) al 5,4% e lo ZaAb, il partito della premier uscente Alenka Bratusek, che si è aggiudicato il 4,7% dei suffragi. Non entreranno nel nuovo Parlamento la Slovania Positiva, la Lista civica (Dl) e il Partito Popolare Sloveno (Sls).

Bassa l'affluenza alle urne, con appena il 35,6% degli aventi diritto che si è recato al seggio. Pari a 610.991 votanti, oltre il 7% in meno rispetto alle ultime elezioni politiche, tenutesi nel dicembre del 2011. Quelle di ieri sono state le seconde elezioni anticipate negli ultimi tre anni. E alcuni osservatori politici prevedono addirittura che si torni alle urne già l'anno prossimo.

Miro Cerar

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO