Uk: Cameron annuncia i nuovi ministri su Twitter

David Cameron


Dopo la batosta elettorale delle elezioni europee, David Cameron mette in campo un deciso rimpasto di governo. Anzi, più che di rimpasto, si dovrebbe parlare di un nuovo esecutivo. Le novità, infatti, sono molte ed hanno uno scopo preciso: quelle di togliere consenso all'Ukip di Farage, in vista delle elezioni generali dell'anno prossimo.

Il premier inglese ha deciso di annunciare tutte le nomine su Twitter, sollevando un grande dibattito sul social network, ma anche su molti blog. Così, nel giorno della nomina di Juncker, i media inglesi sono stati interamente occupati da notizie sul nuovo governo, complice anche la modalità anticonvenzionale con la quale è stato presentato.

Tutto è incominciato con un "cinguettio" dell' ex ministro degli Esteri britannico William Hague, che ha reso note le sue dimissioni dal Foreign Office, dopo quattro anni.



Poi su Twitter si è scatenato il premier in carica. Uno dopo l'altro, ha tirato fuori i nomi dei nuovi ministri.
Al posto Hauge ci sarà Philip Hammond. Un euroscettico duro e puro, che ha annunciato, in caso di referendum, voto contrario alla permanenza della Gran Bretagna nella Ue.



Cambio anche al ministero dell'istruzione. Michael Gove, inviso alla categoria degli insegnati, viene sostituito da Nicky Morgan. Quest'ultima era la vice di Osborne al Tesoro, mentre la vice di Gove all’Istruzione, Lizz Tuss, diventerà ministro per l’ambiente. Gove dovrà accontentarsi di ricoprire la carica di capogruppo dei tory



Tra le molte novità, quelle che vi abbiamo presentate sono senz'altro le più importanti. Ovvero, quelle che rispecchiano meglio il segnale di cambiamento che si vuole lanciare all'opinione pubblica.

Il premier, infatti, ha costruito un'abile operazione di restyling del governo: facce nuove e giovani che possono tornare utili nella prossima campagna elettorale. Ma ha anche incluso nell'esecutivo personalità esperte e decisamente antieuropesite. L'obiettivo è quello di raccogliere il consenso della maggioranza dei cittadini britannici, che vede nella Ue solo una tecnostruttura pronta a limitare la sovranità interna.

Questa nuova tendenza euroscettica è testimoniata anche dall'annuncio della nomina, a prossimo Commissario europeo inglese, di Lord Hill. Già leader del partito nella House of Lord e sottosegretario all’educazione, Hill è un conservatore di ferro e legatissimo al primo ministro. Sicuramente un fedele alleato per il governo britannico in Europa, pronto a battersi contro qualsiasi intromissione di Bruxelles negli affari di Londra.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO