Tsipras, Ue: "Ok a dialogo con Renzi. Ma in Italia opposizione dura"

GREECE-EU-VOTE-TSIPRAS


Alexis Tsipras è arrivato ieri in Italia. Sarà il grande protagonista della prima Assemblea nazionale de L'Altra Europa, che incomincia oggi a Roma. Il quarantenne ellenico dà così un segno importante di vicinanza alla lista che lo ha sostenuto come presidente della Commissione europea.

Per il leader di Syriza (primo partito greco), dunque, l'esperimento di una sinistra alternativa, ma fortemente europeista, va sostenuto e rafforzato. L'idea di creare una larga opposizione continentale al Fiscal Compact e al pareggio di bilancio non può esaurirsi nelle dichiarazioni di una campagna elettorale.

Ieri ha incontrato Stefano Rodotà, Paolo Ferrero, Nichi Vendola e Maurizio Landini. La sua agenda è fittissima e sembra orientata ad uno scopo ben preciso: continuare quel lavoro di raccordo tra le varie anime della sinistra, che nessun esponente della politica nostrana sembra in grado di fare in questo momento.

Tsipras ha anche rilasciato un'intervista a Il Manifesto, in cui emergono contenuti e strategie che evidenziano la sua acutezza di giudizio. Nulla a che vedere con quei leader euroscettici che, dopo le elezioni, si mostrano sempre più carenti di una solida visione politica; interessati solo agli slogan e a questioni di carattere nazionale.

Nell'intervista al quotidiano di Norma Rangeri, Tsipras lancia un segnale preciso a Renzi e allo stesso tempo suggerisce una futura linea di azione politica in Europa.

Sul rottamatore, si guarda bene dall'esprimere giudizi tranchant. E in particolare, sul suo discorso di inaugurazione del semestre europeo, Tsipras ha detto:

"Vedo che Renzi chiede l’allentamento delle patto di sta­bi­lità, non la sua cancellazione. E per averlo, di fatto accetta la poli­tica neo­li­be­ri­sta, una cami­cia di forza desti­nata comun­que all’insuccesso, per­ché rischia di rom­pere l’Unione. In ogni caso segnalo posi­ti­va­mente quello che dice Renzi è molto diverso da quello che dice il pre­si­dente Sama­ras in Gre­cia (primo mini­stro, lea­der della conservatrice Nuova Demo­cra­zia) che invece non vuole nean­che allen­tare il patto [...] Misu­re­remo il suo discorso su tre que­stioni: il Ttip; l’immigrazione, dove abbiamo sen­tito qual­che pro­po­sta e siamo pronti a valu­tarla; e il debito."

Tre questioni molto spinose quelle elencate in questo passaggio. Forse la più complessa, per l'inizio di un eventuale dialogo, è quella sul Trattato di libero Commercio trans-atalntico, anche perché la discussione stra avvenendo a "porte chiuse" a Bruxelles.

Per quanto riguarda la politica interna, però, il giudizio sul nostro premier diventa molto severo. Nono solo per il suo blairismo economico, ma anche per le riforme portate avanti dal nostro esecutivo:

"Il Renzi italiano e quello euro­peo sono diversi. In Ita­lia il suo governo pro­pone lo stra­vol­gi­mento della Costi­tu­zione e l’approvazione di una legge elet­to­rale liberticida. Accet­tare il restrin­gi­mento della democrazia signi­fica accettare l’idea del nostro avver­sa­rio. È ovvio che la sini­stra si opponga con tutti i mezzi"

In Grecia, Tsipras si sta impegnando per costruire un fronte di alternativa di governo, alla luce di possibili elezioni anticipate. Ma ciò non lo distoglie sul suo progetto politico in ambito Ue, anzi pare che le due cose debbano viaggiare inseime. Per questo motivo, ci tiene molto che la sinistra italiana riesca a recuperare consensi, quantomeno per influenzare le scelte del governo in carica. Nell'ottica del leader di Syriza, è assolutamente necessario creare alleanze tra i paesi del Sud Europa in chiave antiusterity e per lo sviluppo.

Ovviamente, ha anche voluto evidenziare che l'Italia dovrà mettere in campo un suo modello peculiare di alternativa al neoliberismo. Le esperienze di Syriza in Grecia e quella di Podemos in Spagna sono molto positive, ma non possono essere replicate in un altro paese:

"La sini­stra ita­liana dovrà tro­vare una ricetta, magari con qual­cosa di Syriza, qual­cosa dello spa­gnolo Pode­mos, ma soprat­tutto una dose mas­sic­cia di originalità italiana"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO