Pannella in sciopero della fame: i medici "Lo interrompa, ha bisogno di cure"

Marco Pannella continua lo sciopero della fame per la situazione nelle carceri italiane, ma dopo alcuni accertamenti i medici considerano indispensabile che riprenda a mangiare e a bere

Il leader radicale Marco Pannella non si arrende e prosegue il suo sciopero della fame a oltranza per protestare contro la situazione delle carceri italiane. I medici di una clinica romana, dove Pannella ha fatto dei controlli, "una serie di accertamenti, tra i quali un esame bioptico, per definire la natura di un processo espansivo polmonare", gli hanno chiesto di interrompere la protesta.

"Deve assolutamente interrompere il digiuno di protesta contro la situazione delle carceri italiane" si legge nel bollettino medico della clinica. Oltre a Pannella, stanno facendo lo stesso tipo di protesta anche Rita Bernardini e un'altra decina di attivisti. Vogliono così denunciare le troppe morti in carcere e più in generale le condizioni di vita dei detenuti.

"L'onorevole Marco Pannella è stato dimesso questa mattina dalla Clinica Pio XI, ove è stato sottoposto a una serie di accertamenti, tra i quali un esame bioptico, per definire la natura di un processo espansivo polmonare. I medici curanti sono in attesa dell'esito completo di tali accertamenti per poter stabilire gli opportuni provvedimenti terapeutici. Nonostante un evidente stato di denutrizione testimoniato da un peso di 75 kg, durante la degenza ha continuato il digiuno totale per cibi solidi e liquidi. I sanitari ritengono assolutamente necessario sospendere immediatamente il digiuno, onde evitare che una ulteriore, inevitabile compromissione dello stato generale di salute renda inattuabili tali decisioni".

Marco Pannella


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO