Grillo su Renzi, Napolitano e Berlusconi: «Neppure Mussolini ebbe la sfacciataggine del trio»

Dal blog, il leader del M5S lancia di nuovo bordate contro le "riforme".

Beppe Grillo fa partire le consuete bordate dal suo blog, a proposito delle riforme del governo Renzi:

«neppure Mussolini ebbe la sfacciataggine del trio NapolitanoRenzieBerlusconi, lui la dittatura la fece senza nascondersi dietro la parola "riforme" e la legge elettorale fascista Acerbo fu sicuramente più rappresentativa del corpo elettorale e rispettosa della democrazia dell'Italicum di Renzie e del notopregiudicato».

La bordata fa il solito rumore social, naturalmente.

E arriva proprio nel giorno in cui Giorgio Napolitano difende strenuamente queste riforme sbandierate come se fossero la panacea di tutti i mali.

Ormai è un gioco delle parti: Grillo accusa – e non è il solo, sul tema –, gli altri – in questo caso Napolitano – difendono.

Come Renzi che sorrideva di chi lo accusava di aver progettato una svolta autoritaria.

In mezzo a questo botta-risposta, che sembra uno scambio di cori fra ultrà di curve contrapposte e che si odiano, muore ancora una volta, ancora un po', il pensiero critico.

E le parole roboanti di Grillo lasciano, ancora una volta, il vuoto attorno, facendo lo stesso effetto di un sassolino lanciato nel mare.

Come in quella vecchia storiella di Pierino con il lupo, che vede il malcapitato allarmista soccombere quando l'allarme arriva veramente, a furia di urlare si ammazzano le ragioni di chi muove critiche nel merito. La comunicazione politica, oggi, nell'era dei social, funziona così.

Beppe Grillo su Napolitano Renzi e Berlusconi

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO