Le pagelle del martedì

Turbocapitalismo: atterrato. Voto – 10. I Paesi del cosiddetto “capitalismo avanzato, Usa in testa, si ritrovano con i conti (in banca) fasulli e con il … culo per terra. Siccome, si dice (e sembra dirlo la storia) alternativa non c’è, il “turbo capitalismo” fa e disfa come pare a lui. Scrive Pino De Luca su Aprile: “I campioni del liberismo, gli esegeti del libero mercato, adesso vanno dallo Stato a chiedere un sostanzioso contributo per mantenere i loro privilegi. E lo Stato ricorre ai soldi di tutti per impinguare le tasche di pochi”. Quanto costa? Tremonti: “Quanto serve. Pagherà il governo”. Cioè gli italiani.

Governo “ladro”: 5 per mille addio. Voto – 8. Il primo decreto salva banche prevede anche la possibilità per il governo di metter mano al Fondo del 5 per mille per finanziare il provvedimento. “E’ inaccettabile – protesta il Pd – ridurre o cancellare un fondo alimentato attraverso la libera decisione dei cittadini, che così non viene rispettata. Con il 5 per mille i cittadini possono decidere di sostenere associazioni ambientaliste, di volontariato e assistenza e di ricerca che svolgono un servizio utile per la collettività. Invece da questo fondo il governo prende risorse per coprire buchi di bilancio”. Avanza la “lunga mano”.

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO