Ore 12 - Incredibile ma vero: la bufera finanziaria premia Berlusconi e punisce Veltroni ...

altroIncredibile, ma vero. Da questa bufera finanziaria (tamponata, ma tutt’altro che superata), in Italia, a trarne beneficio politico saranno il governo e in primis Silvio Berlusconi e a perdere sarà l’opposizione, in primis Walter Veltroni e il Pd.

C’è la più grave crisi mai vista al mondo dal 1930 e che fa il più grande partito d’opposizione? Organizza correnti, (preparandosi alla resa dei conti finale del dopo elezioni europee), e (dis)organizza la manifestazione del 25 ottobre.

A 10 giorni dal grande evento, nei vertici del partito c’è ancora il braccio di ferro se si deve andare o no a Roma al Circo Massimo. Con quale linea politica? Con quale parola d’ordine che la interpreta? Non è dato sapere.

In piazza, davanti alle bandiere che sventolano, Veltroni non potrà che agitare spot di propaganda, alzare la voce contro Berlusconi. E in Parlamento, dovrà votare a favore del decreto anti crisi del governo. Scimmiottamento della “doppiezza” di togliattiana memoria? Dalla padella alla brace.

Cosa ha detto il Pd agli italiani sull’emergenza finanziaria? Quale analisi politiche ed economiche ha compiuto? Di chi sono le responsabilità? Chi paga il conto finale? Quale modello di sviluppo è andato in crisi? Cosa bisogna trasformare di quel (questo) modello culturale, sociale, politico nel nostro Paese?. Che significa l’intervento dello Stato nell’economia di oggi: cosa, dove, come, per chi produrre?

Niente. Tutti muti come pesci. "La sinistra non esiste", tocca a Rossana Rossanda ricordarlo, “se non fronteggia la crisi del suo avversario”.

Non è stata credibile la (legittima) piazza dell’11 ottobre della sinistra “rossa” che inneggia al “comunismo” e non sarà credibile, in mancanza di una strategia politica, la (legittima) piazza del 25 ottobre.

I sondaggi dicono che il gradimento del governo è in crescita: in piena crisi delle borse, vicino al 70%! Ma davvero gli italiani sono così entusiasti di Berlusconi e di quello che il governo sta facendo?

Scrive Emanuele Macaluso su La Stampa: “Non c’è una alternativa credibile. La sinistra radicale da una parte e il Pd dall’altra mostrano una sostanziale impotenza. Le due manifestazioni, quella già fatta e quella del 25 ottobre, confermano questa impotenza tutta politica”.

Così, il Pd non è “né di lotta né di governo”. Avanti popolo, alla riscossa!

Ma avanti dove? Alla riscossa … delle banche?

  • shares
  • Mail
19 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO