Obama? Per Paul Krugman, se vince, saranno tempi duri

Avete forse già visto il sobrio video qui sopra: un supporter di John McCain mostra un pupazzetto in cui il senatore dell'Illinois assume sembianze scimmiesche. Questo genio postmoderno è solo un minuscolo abstract dell'elettorato più radicalmente repubblicano, che magari vive nella bible belt: creazionisti, fondamentalisti cattolici, amanti dell'NRA. Chi paragona un cittadino americano a un primate però, è qualcuno che non si rende conto che il peggior lemure rognoso del Madagascar è diecimila volta più degno di camminare sulla terra di loro. Non è colpa loro: sono cretini, cosa puoi fare quando hai a che fare con l'idiozia? Allarghi le braccia, ti scusi, fai la faccia di chi dice "Si ok, è umano come me, abbiamo lo stesso numero di cromosomi: ma non sono come lui, lo giuro". Oggi su Repubblica, sempre riguardo a Barack Obama, c'è un intervento di Paul Krugman, premio Nobel per l'economia, che profetizza un avvenire a tinte fosche, nel caso in cui venga eletto, leggete il quote qui sotto:

Che accadrà se sarà eletto Barack Obama? Le cose andranno ancora peggio di come sono andate durante gli anni dell'Amministrazione Clinton. Di sicuro salteranno fuori accuse folli, e non mi stupirei di assistere anche a episodi di violenza. I prossimi anni saranno molto, molto difficili

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO