Ebola: Obama "Presto per inviare farmaco sperimentale in Africa"

Barack Obama ha detto che è presto per inviare in Africa il siero sperimentale contro l'ebola: "Ma continueremo ad aiutare i nostri partner africani".

L'ebola preoccupa, ma gli Stati Uniti non hanno intenzione - per ora - di inviare i farmaci sperimentali contro la malattia in Africa, dove il contagio continua ad allargarsi. Lo ha detto il presidente Barack Obama al termine del summit Usa - Africa. Il numero uno della Casa Bianca ha spiegato che mancano informazioni sufficienti sulla cura sperimentale.

Obama ha poi chiesto ai Paesi interessati dal virus di concentrarsi piuttosto sulla definizione di una "forte struttura pubblica" per contenete l'epidemia.

"Il contagio può essere controllato e contenuta in maniera efficace usando i corretti protocolli. I Paesi africani coinvolti sono i primi ad ammettere che quel che è successo è dovuto al fatto che i loro sistemi di salute pubblica sono stati travolti. Non sarebbe successo se avessero identificato e contenuto più efficacemente i primi casi"

Il siero sperimentale è stato già utilizzato con due cittadini americani che avevano contratto il virus in Africa occidentale. Al momento, però, da Washington arriveranno soltanto altri tipi di aiuto: "Continueremo a fare tutto il possibile per aiutare i nostri partner africani a rispondere alla crisi ebola. Abbiamo un obbligo morale verso l'Africa".

L'ebola è un virus emorragico con un altissimo tasso di mortalità che si trasmette per via aerea. E' di ieri la notizia del primo cittadino europeo contagiato, un missionario spagnolo di 75 anni che si trova in Liberia, Paese che ha dichiarato lo stato di emergenza proprio a causa del veloce contagio della malattia. La Spagna ha inviato un aereo con un medico a bordo per riportare in patria il missionario.

Ebola Usa

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO