Migranti, Ue all’Italia: “Frontex inadeguata, vada avanti Mare Nostrum”

L’Unione Europea respinge la proposta del Ministro dell’Interno. L’Italia dovrà continuare a far fronte da sola alle ondate migratorie provenienti dal Nord Africa

Gli ultimatum lanciati da Angelino Alfano la scorsa settimana sono rimbalzati sul muro di gomma dell’Unione Europea che, quest’oggi, ha specificato che Frontex non ha i mezzi, né le risorse economiche per subentrare a Mare Nostrum. Contrariamente a quanto affermato da un Alfano in vena d’ottimismo, dunque, l’operazione Mare Nostrum, croce e delizia del vicepremier, proseguirà ben oltre la scadenza data dal titolare del Viminale ovverosia il mese di ottobre.

Ewa Moncure, portavoce di Frontex, intervistata dal Tagesspiegel, ha detto che il programma europeo non ha i mezzi finanziari per farsi carico dell’operazione Mare Nostrum.

Siamo in contatto con l'Italia e non possiamo che essere d'accordo sul fatto che l'Ue nel suo complesso debba fare di più, abbiamo ripetuto continuamente che gli stati membri devono fare di più contribuendo con mezzi e finanziamenti,

ha aggiunto il portavoce di Bruxelles, Antony Gravili.

Bruxelles “riconosce pienamente il magnifico lavoro che sta svolgendo l'Italia” e, pertanto, lascerà che continui a farlo. L’operazione Mare Nostrum costa all’Italia 100 milioni di euro l’anno, ma dalla Commissione Europea ricordano come il nostro Paese abbia ricevuto 500 milioni di euro nel periodo 2007-2010 e sarà beneficiario di 315 milioni di euro fra 2014 e 2020.

Si torna, dunque, all’annosa questione di un’emergenza continentale “assorbita” prevalentemente da uno stato membro. La porta del Mediterraneo, dunque, è ancora una volta costretta a essere “campione del mondo di accoglienza”.

ITALY-POLITICS-ALFANO

Via | Repubblica

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO