Anche il Giornale partecipa alla rivoluzione (editoriale) di ottobre


Non saranno soltanto il Riformista e l’Unità a cambiare pelle durante l’ultimo scorcio di ottobre: anche il quotidiano di famiglia del premier Berlusconi, il Giornale, da lunedì 20 sarà in edicola con una veste grafica rinnovata, per essere “sempre più controcorrente”. Uno slogan davvero originale, considerato che si tratta di un giornale schierato e di proprietà dei familiari di un Silvio che governa il paese con una solida maggioranza e con una gradimento in ascesa e che l’Autorità per le comunicazioni ritiene troppo presente sui telegiornali.

Comunque, ipotizzando che nel 2008 si possa essere controcorrente sostenendo a spada tratta le ragioni di Silvio Berlusconi e di Confindustria contro i comunisti, la sinistra e i sindacati, il Giornale si doterà di una fascia blu scuro che farà risaltare di più la testata, con cui "diventeremo ancora più esplosivi". E un’altra grande novità sarà il ritorno della rubrica Controcorrente. Riappare così una vestigia dell’età montanelliana, che si annuncia tagliente e cattiva: naturalmente contro i sindacati, i comunisti, la sinistra, il’68, i pacifisti, gli ecologisti, etc, etc…

A proposito del nuovo look, dalla redazione rassicurano che il ritocco estetico non è sintomo di vanità e nemmeno un modo per assecondare un giovanilismo patetico...

  • shares
  • Mail
29 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO