Referendum Scozia, "exit poll": Sì al 46%, No al 54% secondo YouGov

I primi exit poll sul referendum in Scozia per l'indipendenza danno in vantaggio i "no". E anche bookmakers e borsa sono della stessa opinione. SEGUI I RISULTATI IN TEMPO REALE - AFFLUENZA - VOTO LIVE

23.45: ecco i dettagli della previsione di YouGov (i server del sito si sono ripresi dopo ilprimo assalto). Il sondaggio ha coinvolto 1828 persone che hanno votato oggi e 800 persone che hanno espresso il loro voto via posta. Non è un exit poll nel senso stretto del termine, ma è, come dicevamo, ciò che più ci si avvicina.

23.30: YouGov ha prodotto la cosa più simile ad un exit poll di questa tornata elettorale.
Secondo questo dato, vincerebbero i "No" con il 54%, i "Sì" si fermerebbero al 46%.

I server di YouGov sono down, al momento. Non si tratta, come detto, di un exit poll vero e proprio, ma di una stima ottenuta ricontattando il "panel" di YouGov, di persone che erano iscritti per votare e dichiarano di aver votato. Anche Sky li chiama "exit poll", anche se il termine è improprio in questo caso.

Referendum Scozia exit poll

Referendum Scozia - Gli exit poll in Gran Bretagna non era previsto che ci fossero, ma evidentemente l'attesa per conoscere qualcosa di più su quale sarà il risultato del referendum per l'indipendenza della Scozia è troppo alta. E così qualche exit poll inizia a saltare fuori: secondo le rilevazioni condotte ascoltando quanti uscivano dai seggi a Edimburgo sarebbero in vantaggio i "no", 52% contro il 48% di "sì".

Un dato in linea con quanto si è visto negli ultimi sondaggi: una rilevazione condotta ieri lascia tra l'altro ancora meno speranze per gli indipendentisti. Si tratta di una rilevazione Panelbase che dà gli unionisti al 50% con gli indipendentisti al 45%. C'è però ancora un 5% di indecisi che lascia il risultato in bilico. Mentre quello uscito oggi di Ipsos Mori parla degli unionisti in vantaggio con il 53% sugli indipendentisti.

Insomma, i dati iniziano ad assomigliarsi: quando questo avviene solitamente è il segnale che i dati finali non saranno troppo dissimili da quelli seminati da vari istituti. Insomma, alla fine ad avere la meglio, con tutta probabilità, saranno gli unionisti. Il Regno Unito non si spaccherà? Ne sembrano convinti anche i bookmakers, che stando a quanto scrivevano alcuni giornali britannici hanno iniziato già ieri a pagare le quote di quanti hanno scommesso sulla vittoria del "no".

Infine, ma il dato potrebbe anche essere il più significativo in assoluto, ci sono gli umori della borsa di Londra. Negli ultimi giorni la sterlina ha continuato a rafforzarsi sull'euro, e anche oggi le cose sono andate in questa direzione. Segno che gli investitori non temono che a breve il Regno Unito attraversi scossoni. Se exit poll veri e propri ci saranno (e quindi condotti sul suolo nazionale, non solo a Edimburgo) si saprà comunque solo dopo la chiusura dei seggi, ore 23 italiane. Per i risultati veri e propri, invece, bisognerà probabilmente usare le prime ore di domani mattina. Si parla in via non ufficiale delle 7 del mattino circa.

People Of Scotland Take To The Polls To Decide Their Country's Fate In Historic Vote

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO