Jobs Act: il governo orientato a chiedere la fiducia

Il governo vuole stringere i tempi sul Jobs Act, forse anche per "fare bella figura" con i partner europei

poletti_jobs_act

Il ministro del Lavoro Poletti (che martedì incontrerà i sindacati in quella che ha definito una "sfida reciproca") ha esplicitato oggi l'assoluta priorità (per qualcuno la fretta) che il governo intende riservare la prossima settimana al Jobs Act:

Ci sono i regolamenti parlamentari che non possiamo violare, ma mercoledì al vertice del lavoro europeo deve essere chiara la volontà del governo di voler fare le cose

Per la sinistra del PD, apertamente contraria alle misure presentate dall'esecutivo quel "non possiamo violare" riveste grandissima importanza. L'ex ministro del Lavoro Damiano si è detto piuttosto scettico sulle tempistiche paventate dal suo successore:

Un voto del Senato per il vertice Ue di mercoledì non mi sembra compatibile con i tempi di una normale discussione parlamentare

Quello che la minoranza del Partito Democratico vuole scongiurare a tutti i costi è il ricorso al voto di fiducia, il "trucco ammazza-parlamento" per eccellenza. Non pare di questo avviso il governo, che, dicono i bene informati, opterà proprio per la fiducia sulla nuova legge per le assunzioni a tutele crescenti, proposta approvata a maggioranza durante l'ultima direzione del PD.

Insomma sembra quasi che Renzi e i suoi (comunque assai numerosi) fedeli, si apprestino a riprodurre in sede parlamentare ciò che è stato "provato" in seno al solo PD. E' vero che si tratta del partito di maggioranza relativa, ma le altre formazioni cosa intendono fare?

Sembra quasi che in questo periodo la politica italiana sia un sottoinsieme del PD e non viceversa, come vorrebbe la logica; eppure, a parte la coincidenza tra segretario del partito e presidente del Consiglio, ruoli sussunti da Renzi, anche l'opposizione al governo è quasi del tutto demandata alla minoranza del Partito Democratico stesso. Come se tutti gli altri attori politici fossero degli spettatori.

Foto via Twitter

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO