Oggi in Tv: Di Pietro dalla Annunziata e inchiesta di report sulla crisi dei sindacati

Come sempre la domenica televisiva offre interessanti spunti di politica. A parte i vari resoconti del Pd Day del 25 ottobre, già alle 14.30 su Rai3 avremo occasione di rivedere il "prezzemolino" Antonio Di Pietro, ospite di In 1/2 h. Il leader dell'Italia dei Valori avrà così occasione di recuperare l'assenza dell'ultimo momento a Ballarò, rispondendo alle incalzanti domande della conduttrice Lucia Annunziata. Berlusconi e Veltroni saranno i temi principali, potete scommetterci.

L'appuntamento principale è comunque come sempre quello di Report, alle 21,30 sempre su Rai3. Questa volta al centro dell'inchiesta presentata da Milena Gabanelli ci saranno i sindacati e la loro palpabile crisi nonostante i balletti di cifre di tesserati veri o presunti comunicati dalle varie sigle.

I sindacati si autocertificano gli iscritti: la UGL ne dichiara 2.145.995, scavalcando così la UIL che ne dichiara 2.060.000.

Ma chi controlla se effettivamente questi numeri sono veri, visto che soprattutto in base agli iscritti, un sindacato ha più o meno peso nelle trattative?

Per cercare di capire qual è oggi il ruolo del sindacato in Italia, REPORT, in onda domenica 26 ottobre alle 21.30 su Raitre, ha provato a fare i conti nelle loro tasche e, siccome le bugie hanno le gambe corte, risulta che qualcuno bara. Si e’ poi cercato di capire come funziona, come si finanzia e quali servizi offre ai propri tesserati.

Si parte dagli iscritti nelle fabbriche e nel pubblico impiego; si ricostruisce il ruolo del delegato, del funzionario territoriale, di quello provinciale, regionale e nazionale.

Alla fine sono stati individuati 700 mila rappresentanti: un esercito! Di questi 3.300 sono ex dipendenti pubblici, distaccati, che continuano a percepire lo stipendio dalle varie amministrazioni.


In alcune categorie, poi, non riescono a far rispettare i contratti e a tutelare i lavoratori. Nel settore delle telecomunicazioni ci sono dipendenti che pur lavorando nella stessa azienda e ricoprendo le stesse mansioni, arrivano ad avere stipendi completamente diversi: l’uno la metà dell’altro.

I lavoratori non si fidano più dei sindacati, e gli iscritti calano, ma senza rappresentanza i rapporti di lavoro degenerano.

E poi c’è l’esercito dei disoccupati organizzati, che si sono riuniti pure loro in un sindacato. Ma ormai hanno tutti i capelli bianchi.

Report andra' anche a vedere come sono rappresentati i lavoratori in un paese completamente diverso dal nostro: in Svezia. Come si sono organizzati i sindacati, come sono strutturati e finanziati, come avvengono le trattative per i contratti di lavoro e quale rapporto hanno con i partiti politici.

Lo spazio di PolisBlog sarà come sempre a disposizione per commentare gli eventi citati. Buona visione.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO