Matteo Renzi e Fincantieri: dal "Clap & Jump" al "Viva il Presidente"...Eia eia alalà

Distribuito da Fincantieri ai pochi operai ammessi una "breve omelia di stima" a Matteo Renzi: la ricerca del consenso dalle scuole elementari alle fabbriche, passando dal Corriere della Sera

Questa mattina il Presidente del Consiglio Matteo Renzi avrebbe dovuto presenziare al varo del sottomarino "Venuti" presso la Fincantieri del Muggiano, a La Spezia: la sua presenza è saltata per cause di forza maggiore (la spasmodica attesa fino all'1 di notte della fiducia sul Jobs Act e la segreteria del PD di questa mattina presto), ma non per questo motivo il premier era assente dai cantieri navali liguri.

Renzi, che sarebbe stato accolto da una contestazione all'ingresso dei cantieri navali organizzata da Cgil e M5s, era presente su alcuni volantini distribuiti da Fincantieri ai pochi operai ammessi (ai contestatori-manifestanti la stessa azienda ha deciso di disattivare il badge per evitare inconvenienti): una "breve omelia di stima verso il Presidente..." firmata dalla Direzione dei cantieri del Mogliano.

La cosa, non scandalosa ma certamente piuttosto ridicola, ricorda molto quel "Clap & Jump for Matteo Renzi" coralmente intonato dai bimbi di una scuola elementare di Siracusa quando il premier fece loro visita: imbarazzante, esilarante, dissacrante, si è faticato molto nell'aggettivare sui media quell'iniziativa (che fu degli insegnanti e non di Palazzo Chigi).

Dopo un periodo relativamente tranquillo, nel corso del quale sono usciti altri video di scolaresche idolatri a piazza Colonna (girato da un simpatizzante pentastellato e pubblicato su Facebook), qualche endorsement di alto profilo ed altri attestati incondizionati di stima verso il Presidente del Consiglio, oggi l'Italia renziana si è mostrata in tutta la sua potenza e creatività mediatica: una pagina a pagamento acquistata sul Corriere della Sera da parte della "cordata" renziana Noi sosteniamo Matteo Renzi e "l'omelia" distribuita agli operai spezzini di Fincantieri.

Ultima notizia: durante il varo, come da migliore tradizione fantozziana, la bottiglia che avrebbe dovuto infrangersi sullo scafo del sottomarino Venuti non si è rotta, restando intatta; una iattura per i lupi di mare, che porta la mente al 2 settembre 2005, giorno in cui fu varata (con il medesimo inconveniente della bottiglia) la Costa Concordia. Il seguito lo conosciamo bene.

fincantieri

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO