Rassegna stampa: La Stampa e la democrazia da fattoria


Questa campagna elettorale non sta risvegliando un grande entusiasmo negli elettori.

Parte da questa considerazione Massimo Gramellini, che sulla prima pagina de La Stampa di oggi, sotto un titolo geniale che rimanda alla vecchia fattoria, mette in evidenza alcuni aspetti deleteri della situazione politica: stiamo per mandare a Roma mille persone scelte dalle segreterie dei partiti, anziché da noi, in base a due soli criteri: l'obbedienza ai capi e l'impossibilità di far loro ombra. La mancanza di personalità, requisito essenziale per chi voglia fare carriera nelle oligarchie italiane, si intona alla campagna elettorale dei candidati, inesistente, e al lavoro che gli eletti andranno a svolgere in Parlamento: pigiare dei tasti a comando, senza neanche potersi togliere lo sfizio di disobbedire ai propri burattinai, pena l'esclusione dalla prossima giostra.[...]
Se il 13 aprile, invece che degli esseri umani, trovassimo sulla scheda le lettere dell'alfabeto, sarebbe lo stesso. E se in Parlamento sedessero mille automi, sarebbe anche meglio, perché i robot non hanno bisogno di scroccare voli aerei e pranzi alla buvette.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO