De Girolamo nominata vicepresidente Giunta autorizzazioni. Proteste del M5S

Nunzia De Girolamo chiede braccia all'agricoltura

Nunzia De Girolamo è stata nominata vicepresidente della Giunta per le autorizzazioni alla Camera. La capogruppo dei deputati del Nuovo Centrodestra succede ad Antonio Leone, che ha abbandonato l'incarico perché eletto nel Consiglio superiore della magistratura. La decisione non poteva non sollevare perplessità, visto che la deputata campana è attualmente indagata per turbativa d'asta, abuso di ufficio e truffa nell'ambito dell'inchiesta sulla Asl di Benevento.

Ricordiamo che la De Girolamo, proprio in seguito all'esplosione dello scandalo sanità, fu costretta a dimettersi, il 27 gennaio scorso, da Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali del Governo Letta. La deputata di Ncd dichiarò all'epoca di essere stata vittima di un linciaggio mediatico e che avrebbe chiarito la sua posizione in tempi brevi.

La nomina della De Girolamo è stata giudicata decisamente inopportuna dal Movimento 5 Stelle. Secondo il gruppo pentastellato di Montecitorio, un parlamentare indagato non può ricoprire la carica di vicepresidente di un organo che ha la facoltà di acconsentire o meno alle misure cautelari nei confronti di propri colleghi deputati.

Inoltre, sul sito dei grillini alla Camera è stata avallata un'ipotesi che delegittimerebbe ulteriormente la nomina della nuova vicepresidente: "Quindi controllori e controllati diventano la stessa persona. Indagati diventano vicepresidenti della Giunta che autorizza gli arresti. E non è escluso che, domani, la De Girolamo voti sulla sua stessa richiesta d'arresto. E' surreale? No. E' la classe politica italiana".

A tale presa di posizione ha replicato il presidente della Giunta, Ignazio La Russa. Il deputato di Fratelli d'Italia ha dichiarato, secondo quanto riportato dall'agenzia Asca, che: "non ci sono stati e non ci sono nemmeno in prospettiva, elementi per un procedimento di competenza della giunta per le Autorizzazioni (che peraltro esprime solo una proposta all'Aula) a carico dell'on. Nunzia De Girolamo. Trovo pertanto inutile la polemica sollevata da alcuni membri della Giunta i quali sanno benissimo che, anche laddove si dovessero manifestare situazioni di conflitto d'interesse, ne deriverebbe da parte dell'eventuale interessato il dovere di astensione dal voto".

La Giunta per le autorizzazioni in questi ultimi giorni è sempre più al centro di tensioni e polemiche. Solo qualche ora prima della nomina della De Girolamo, c'era stato uno scontro all'interno dello stesso organo al Senato. A Palazzo Madama, con i voti del Partito Democratico, è stata bloccata la richiesta della procura di Trani di accedere all'uso delle intercettazioni del senatore Antonio Azzolini, nell'ambito dell'inchiesta sul porto di Molfetta. Dopo tale decisione, Felice Casson si è sospeso dal gruppo democratico.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO