Il caos scuola spacca l'Italia: fare tutti un passo indietro!

Il “nodo” della scuola non è una partita di calcio. Ma è come se lo fosse. Con gli italiani che tifano, divisi.

Una parte, che non è la punta avanzata della rivoluzione, incita gli studenti (e gli insegnanti) a “non mollare”, ad estendere e a rendere ancora più dura la protesta e la lotta contro il decreto Gelmini e contro il governo Berlusconi.

Un’altra parte, che non è la “maggioranza silenziosa” dei bei tempi andati, dice basta ai cortei nelle strade delle città, basta alle lezioni all’aperto nelle piazze e alle occupazioni degli istituti, chiede alla Gelmini di non ritirare il decreto e al governo di usare, ob torto collo, la maniera forte.

Così il mondo della scuola è in completo subbuglio, cioè nel caos, in vista dell’approvazione del decreto, domani al Senato.

Che fare? Quel che manca è il buon senso. Governo, maggioranza e opposizione, movimenti di lotta degli studenti, tutti sono impegnati a far crescere paurosamente la tensione, invece che a stemperarla. Questa tensione è pericolosa. E chi soffia sul fuoco è, oltre che un provocatore, un irresponsabile.

Ancora una volta la politica pare disarmata. Peggio che inutile. La scuola è diventata un campo di battaglia squisitamente politico invece che terreno sul quale ricercare il dialogo ed esercitare la mediazione.

Dialogo e mediazione che, ovvio, devono essere per primi voluti e cercati da chi ha maggiori responsabilità e potere, cioè dal governo.

Anche i moniti del presidente Napolitano ad abbassare i toni, cadono nel vuoto. Il premier Berlusconi e il ministro Mariastella Gelmini confidano nella maggioranza parlamentare e nella maggioranza del Paese. Ma anche nella maggioranza serpeggia il disagio. E nel Paese aumentano tensione e divisione.

Così non si migliora la scuola, specchio della società, né tanto meno si fa uscire l’Italia dal guado.

Tutti dovrebbero fare un passo indietro. Il continuo braccio di ferro rende perdenti i contendenti e toglie al Paese ogni possibilità di trasformazione e di rilancio.

  • shares
  • Mail
54 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO