Nuovo ministro degli Esteri: Marina Sereni è la favorita

Marina Sereni

Il prossimo 1° novembre, Federica Mogherini, sarà nominata Alta rappresentante dell'Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza. Dunque il tempo stringe per Matteo Renzi, che a breve dovrà nominare il nostro nuovo ministero degli Esteri.

Fino a qualche mese fa, il favorito per la Farnesina sembrava essere Lapo Pistelli. Ma nelle ultime settimane va sempre più prendendo quota il nome di Marina Sereni, come confermato dai rumors ripresi dal quotidiano La Stampa e da altre testate on line. Ovviamente noi restiamo prudenti, sappiamo che il rottamatore ama i colpi di scena.

Sereni, 54 anni di Foligno, è attualmente vicepresidente della Camera dei deputati. Ha incominciato la sua carriera politica nella Figc e si è successivamente iscritta al Pci. Poi ha aderito a tutte le svolte del suo partito, che si è trasformato in Pds, Ds e infine in Pd. Prima di diventare la vice di Laura Boldrini ha ricoperto altri incarichi istituzionali: assessore alla regione Umbria, deputato, membro della commissione Difesa.

E' sempre stata politicamente vicina a Piero Fassino, con il quale ha deciso di rompere con l'ex fazione "comunista" dei democratici. Ricordiamo, a tale proposito, che alle primarie del 2009 ha votato Dario Franceschini che si opponeva a Pierluigi Bersani. Nel 2013, poi, ha appoggiato Matteo Renzi.

A favorire la sua ascesa ad un dicastero così importante, come quello degli Affari Esteri, è anche il dogma renziano della parità di genere. Sereni, infatti, appare il nome più accreditato tra le donne del Pd: altre soluzioni non sembrano realistiche in questo momento. La nomina di Roberta Pinotti (attuale ministro della Difesa) o di Debora Serracchiani (attuale presidente della regione Friuli Venezia-Giulia) richiederebbe un macchinoso "rimescolamento delle carte". Anche l'ipotesi di puntare su Elisabetta Belloni (direttore del personale della Farnesina) non è molto convincente: Renzi, salvo l'eccezione di Padoan, non ama i ministri tecnici.

La questione del perfetto equilibrio di genere nell'esecutivo penalizza il principale contendente di Marina Sereni, Lapo Pistelli. Tuttavia, non bisogna sottovalutare che l'ex Dc, poi Margherita e Pd, ha un curriculum che potrebbe risultare più consono alla carica di ministro degli Esteri.

Pistelli è stato responsabile esteri della Margherita di Rutelli, ha collaborato con vari think-thank (come Brookings Institution e Fundación Ideas) e attualmente è il vice di Mogherini. Renzi è stato suo assistente, ma nel 2009 lo ha sfidato alle primarie per la candidatura a sindaco di Firenze. In quell'occasione, come è noto, il rottamatore ebbe la meglio.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO