Servizio Pubblico, puntata 23 ottobre 2014

La puntata di Servizio Pubblico del 23 ottobre 2014

00.06 Finisce la puntata.

dsivf

00.01 La puntata si chiude con le vignette di Vauro.

tatt

23.53 Travaglio: "L'Europa è un supermarket, dove chi si sposta decide cosa prendere e cosa lasciare". Pape nota che in America ci sono molti clandestini italiani. Borghezio prova a intervenire, ma Santoro lancia la pubblicità.
23.47 Travaglio: "Abbiamo dato una grande opportunità a chi vuole venire in Italia a delinquere e non abbiamo tutelato gli immigrati onesti. Noi abbiamo uno Stato che non è serio, che non è in grado di fare rispettare le regole".
23.45 Diaw: "Vivo da 30 anni in Italia e ho capito che qui di un problema se ne parla ma non si risolve".
23.41 In studio Pape Diaw:

I clandestini che ci sono oggi in Italia sono prodotti dalla legge Bossi-Fini.

23.40 Travaglio chiosa così:

Ultima chicca: siccome le carceri scoppiano, in 4 anni han fatto 4 Svuotacarceri: Alfano (votato dalla Lega), Severino, Cancellieri e Orlando. Che dice: “non può applicarsi la custodia cautelare in carcere se il giudice ritiene che, all'esito del giudizio, la pena detentiva da eseguire non sarà superiore a 3 anni”. Se poi il giudice, sempre con la sfera di cristallo, pronostica una pena sotto i 2 anni, non può spedirti neppure ai domiciliari. Risultato: niente galera per chi tenta stupri, rapina, ruba, spaccia,picchia la moglie. Se è italiano, almeno va ai domiciliari, magari con la moglie che ha menato. Se è clandestino senza domicilio, resta fuori perchè il carcere è vietato. E torna a spacciare nello stesso posto. La gente s'incazza e corre da Salvini: dai che è la volta buona? Macché. E' la volta che li fregano un'altra volta.

23.40 Travaglio: "Ora Grillo dice una cosa giusta, ovvia: i clandestini vanno espulsi (già che c'era ha espulso 4 dissidenti non clandestini). E tutti gli danno del razzista: gli stessi che han votato Martelli,Turco-Napolitano e Bossi-Fini che ordinano di espellere gl'irregolari. Che sono tanti: 300, forse 500 mila. E gli espulsi pochi. Perchè? Perchè prima vanno identificati: se non si sa da dove arrivano, nessun paese li riprende indietro. E non è facile identificarli: prendi le impronte, abbinale a identità certe, registrale in banche dati informatizzate. Ci si prova da anni,ma mancano i soldi e il sistema non funziona. E, una volta identificati, non basta dirgli 'vai via': devi caricarli sui charter, pagargli il biglietto e rimpatriarli. La polizia non ha i soldi per riparare le volanti e far benzina: figurarsi l'aereo per migliaia di clandestini. Non mancano le leggi: manca lo Stato".
23.36 Travaglio ironizza sulle ronde:

Ve le ricordate le ronde? Quelle pattuglie di lombardi con la panzetta con le signore impellicciate accanto a caccia di stranieri nel dopo cena? Sono durate una notte.

23.34 Ancora Travaglio:

C'è un'altra formidabile trovata: lo straniero che cerca lavoro in Italia deve già avere un lavoro in Italia, sennò non può venire a cercarlo. Ma nessuno ti dà un lavoro senza vederti e provarti. Così nessuno può trovare lavoro in Italia rispettando la legge ed è costretto a violarla: arriva da clandestino, cerca un lavoro,ma se lo trova non può mettersi in regola. La legge contro la clandestinità produce clandestini.

23.32 Travaglio: "A dir la verità, la prima grida la fa il centrosinistra,nel '98, con la Turco-Napolitano, che ricorda un film di Totò. E non solo nel nome. Per non fare il reato di clandestinità che è di destra, fanno quello di “mancata esibizione del documento d’identità senza giustificato motivo”. L’immigrato beccato senza documento perchè non ce l'ha o l'ha distrutto finisce in tribunale. Il giudice domanda: scusi, ha un giustificato motivo per non esibire il documento? E lui: certo, non ho il documento. Ah,mi scusi: assolto. Un reato inutile. Infatti la destra va al governo e lo mantiene: legge Bossi-Fini del 2002, dai che è la volta buona".
23.30 Travaglio: "“Sì”, diranno i 100 mila lumbard che han riempito piazza Duomo per sentire Salvini. Certo, lui parte avvantaggiato: oggi per essere creduti basta chiamarsi Matteo, andare in tv in maniche di camicia bianca,aver 40 anni e il doppio mento. Certo,il suo partito ha governato 11 anni su 20. E lui non è che andava all'asilo: fa politica da 20 anni, da quando ne aveva 20:consigliere comunale 1993-2012, deputato 3 volte, eurodeputato 3 volte. E la Lega ha varato una raffica di leggi sull'immigrazione, che però è continuata come prima più di prima. Le solite grida manzoniane che restano sulla carta".
23.28 L'editoriale di Marco Travaglio. Che saluta con una stretta di mano (bucata dalla regia) Santoro.

macro

23.22 Landini a Bonafè: "I precari non li state difendendo. State rendendo tutti precari". Bonafè: "Il job acts contiene l'universalizzazione dei diritti". Borghezio: "Con la politica di Renzi avete fatto diventare Borghezio fan della Fiom".
23.20 Borghezio: "Chi sfrutta gli immigrati ha più colpe degli immigrati. Non si legifera su questo perché ci sono troppi interessi". Bonafè: "Abbiamo chiesto all'Europa il controllo dei flussi".
23.17 Santoro annuncia: "Travaglio c'è". Santoro: "Cosiddetti clandestini perché per me le persone sono persone".
23.15 Landini si dice d'accordo col governo sulla tassazione sulla rendita e sugli 80 euro. "Ma ora stiamo andando in un'altra direzione, restiamo nelle regole europee".
23.12 Bonafè: "In tutta Europa nel 2014 sono stati finanziati 220 miliardi, ora ve ne sono a disposizione altre 300. Per questo abbiamo votato Junker".
23.08 Bonafè a Landini: "Perché non dite una parola sul fatto che oggi assumere a tempo indeterminato è diventato più conveniente del tempo determinato, grazie ai nostri provvedimenti?".
23.02 Un altro servizio sul quartiere Torpignattara (via della Marranella) e sulle frutterie gestite da stranieri. Tra scontrini e igiene. E ci sono anche musulmani che bevono alcol.
22.57 Pubblicità.
22.51 Landini: "L'integrazione culturale passa dalla garanzia del lavoro e della dignità della persona. Per creare posti di lavoro, bisogna fare investimenti. Da questo non si scappa".
22.48 Borghezio: "Con Mare Nostrum su 150 mila nuovi arrivati la metà non sono stati tracciati. Sono tutti angeli?"

sbrsr

22.46 Borghezio: "Queste scene non si vedono in Austria, in Svizzera e raramente in Francia. Qui si è sbagliato perché non si è integrato. Ma incide anche il numero spaventoso di clandestini".
22.45 Bonafè: "Sul piano dell'integrazione nel nostro Paese siamo in ritardo, anche per la legge Bossi-Fini. Va profondamente corretta".
22.43 Un romano con orgoglio chiama "babbuini" gli immigrati.
22.35 Nessun italiano dice di aver assistito all'omicidio del pakistano ucciso da Daniel, un ragazzo italiano di 17 anni. Poi ascoltiamo anche il padre (accusato di favoreggiamento in omicidio) di Daniel, che lo difende:

Quello ha sputato sangue in faccia a mio figlio e lui gli tirato due calci.

22.33 Le immagini della manifestazione anti immigrati dei cittadini del quartiere di Torpignattara, a Roma.:

Non possiamo neanche più portare un oggetto d’oro per paura di essere aggrediti.

ABST

22.26 Pubblicità.
22.21 Landini: "Bisogna far ripartire gli investimenti nel nostro Paese". Tocca poi a Gianni Dragoni:

Zero contributi per le imprese che assumono a tempo indeterminato. Così 800 mila posti in più in tre anni. Però le imprese non investono. Perché? Perché in Italia ormai non ci sono più grandi gruppi come in Germania. La Germania ha più di 100 imprese con più di 5 miliardi di fatturato, l’Italia solo una ventina.

22.17 Santoro ironizza: "Renzi ha diviso Santoro e Travaglio ma ha unito Landini e la Camusso".
22.15 Bonafè: "Oggi nel nostro Paese non si consuma più. Gli 80 euro e il tfr sono tentativi per riavviare i consumi". Poi cita i problemi interni alla Cgil. Landini: "Pensi ai problemi del suo partito e governo, in Cgil non ne stanno. E sabato saremo in piazza. Voi la piazza di sabato ve la sognate".

hrshrs

22.12 In un servizio le lamentele dell'indotto della ThyssenKrupp.
22.10 Il sincacalista: "Il governo anziché intervenire ha chiesto al sindacato di accettare i licenziamenti. Noi abbiamo detto no". Bonafè: "Però per Electrolux avete detto di sì". Lui replica: "È il sindacato che ha chiesto per Terni lo stesso trattamento dell'Electrolux, non il governo".
22.07 Landini: "Da 20 anni noi non facciamo politica industriale". Poi cita Ilva "commissariata".
22.07 Bonafè: "Renzi sta seguendo la difficilissima trattativa di Terni. Alcuni lavoratori hanno bypassato i sindacati".
22.05 Bonafè: "Borghezio parla molto, ma dovrebbe combinare di più".
22.03 Borghezio: "Se fossi stato Renzi una parolina in difesa dell'acciaio di Terni l'avrei detta in Europa". Bonafè: "La crisi è iniziata 10 anni fa, quando non c'era Renzi".
21.59 Ascoltiamo anche le proteste degli operai e dei lavoratori nei confronti di Camusso: "Siete tutti amici di Renzi".
21.54 Dopo la pubblicità un servizio sui 500 licenziamenti annunciato alla ThyssenKrupp di Terni.
21.43 In onda un reportage sul rischio Ebola a Monrovia:

Ho mal di stomaco, ho la dissenteria, sono malata da tre giorni. Ho paura.

eboa

21.42 Borghezio rinfaccia a Bonafè il voto del Pd a Junker.

bors

21.40 Bonafè: "L'Europa ha guardato troppo al limite del 3% e si è preoccupata poco dei milioni di disoccupati". Borghezio: "Noi siamo sempre stati contro questa Europa dei banchieri".
21.36 Il leghista: "Noi non vogliamo combattere con chi viene qui regolarmente, ma con chi spaccia, sporca, insulta". Bonafè: "Qualcuno sollecita la paura per qualche voto in più, altri, come noi, cerca soluzioni".
21.35 Borghezio: "Quando la Fiat andava via dall'Italia voi sindacati non vi siete battuti".
21.33 Borghezio: "I sindacati dovrebbe occuparsi dei disoccupati italiani". Il leghista parla dell'evasione contributiva di chi dà lavoro (nero) agli immigrati.
21.31 Landini: "A me sembra una follia che il denaro possa circolare liberamente e le persone no. La legge Bossi-Fini è folle, andrebbe cambiata".
21.28 Landini: "Si sta giocando troppo sulla contrapposizione tra persone. Il problema è mettere al centro il lavoro. Se oggi non c'è non è perché qualcuno l'ha portato via agli italiani".

landini12

21.26 Borghezio: "Casa Pound? Li ho invitati io".
21.20 Santoro annuncia che Grillo probabilmente andrà a Porta a Porta di Bruno Vespa. Poi parte la copertina, dedicata alle manifestazioni di Fratelli d'Italia e della Lega Nord. Con folta presenza dell'estrema destra.

ebola no

21.20 Santoro parla anche di Grillo: "Non sono ancora disposto a dire: ho perso, ho sbagliato. Caro amico ti scrivo, ma non sei Grillo. Anche quando ho dato parola a Grillo ho rischiato il licenziamento ma ero convinto che il suo movimento avrebbe cambiato il sistema. Il sistema è però crollato e Grillo si è fatto Stato. Nonostante i 2000 euro versati, senza l'intervista, non sono ancora pronto a dire che su Grillo mi sono sbagliato".
21.18 Santoro: "Nacquero con Travaglio protagonista le trasmissioni criminali per cui fui cacciato da tutte le trasmissioni italiani. Io ho deciso di fare di Marco Travaglio il simbolo della lotta alla censura. Penso di aver tolto dalla faccia la vergogna per il conflitto di interessi".
21.15 Michele Santoro in apertura parla del suo rapporto professionale con Marco Travaglio:

Caro amico ti scrivo e non sei Marco Travaglio. Travaglio lo ospitai per la prima volta per parlare di Moggi. Travaglio è grillino. E' un giornalista di razza, di talento. Gli proposi subito di lavorare per me.

studio serviziop

La puntata di stasera di Servizio Pubblico si intitola Fuori e sarà incentrata sul tema dell'immigrazione e sulla percezione degli stranieri in Italia, in un periodo di crisi economica. Ci sarà spazio per un reportage sulla manifestazione leghista a Milano e per il punto di vista di Renzi sul tema della cittadinanza italiana ai bambini stranieri.

Blogo seguirà in liveblogging l'intera puntata. Ospiti di Michele Santoro saranno Simona Bonafè, eurodeputato del Partito democratico, Maurizio Landini, segretario generale della Fiom (sabato c'è la manifestazione della Cgil a Roma), e Mario Borghezio, parlamentare europeo della Lega Nord.

C'è attesa per Marco Travaglio, che dovrebbe essere regolarmente in studio dopo la lite con Santoro di sette giorni fa. Insieme a lui anche il giornalista de Il Sole 24 Ore Gianni Dragoni oltre che Vauro, con le sue consuete vignette satiriche.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO