Virus - Il contagio delle idee | La puntata del 13 novembre 2014

Virus | Rai 2 | La puntata del 13 novembre 2014 del talk show politico di Nicola Porro.

virus 13 11 14 9

23:57 la puntata di stasera termina qui.

23:55 Nicola Porro intervista Giovanni Rana. Alcune sue dichiarazioni: "In Italia, gli imprenditori hanno difficoltà, nell'alimentari un po' meno. In Italia, c'è la burocrazia che ti soffoca. Le tasse sono aumentate. La burocrazia bisogna buttarla via e snellire tutto. Ai giovani, dico di andare all'estero. Bisogna aprirsi all'Europa, avere una cultura europea e poi tornare in Italia. All'estero fatturo il 50% in più".

23:27 inizia la lezione d'arte di Vittorio Sgarbi. Il critico d'arte torna sulla sua lotta alle pale eoliche.

virus 13 11 14 8

23:15 parte un servizio dedicato ad alcuni "invisibili", i 17mila truffati da una cooperativa.

23:07 De Magistris: "La cosa grave è che quando sono stato eletto, la Legge Severino non c'era nemmeno. Fino a sentenza definitiva, si è innocenti. E' un'operazione autoritaria". Sallusti: "De Magistris ha fatto cadere un governo, il governo Prodi, con questi metodi". De Magistris: "Il governo Prodi è caduto per altri motivi". Sallusti: "Lei è vittima del sistema di cui prima è carnefice". Vengono mostrate una serie di slide dedicate agli errori dei PM. Porro: "Ricorrere in appello serve".

virus 13 11 14 7

23:02 in studio, c'è Marco Zambuto, ex sindaco di Agrigento: "Sono stato condannato ad un mese e 20 giorni per reato di abuso di ufficio. L'accusa mi contestava di aver incaricato un giornalista di scrivere un articolo che mi avrebbe dato vantaggio per la campagna elettorale. Io mi dimetto, senza attendere la sospensione della Legge Severino. Mi sono dimesso perché non sono attaccato alla poltrona. Sono onesto e non ci deve essere il minimo dubbio sulla funzione pubblica. Ricorro in appello. L'appello si è svolto qualche settimana fa. Sono stato assolto. Il punto è questo: con la Legge Severino, abbiamo uno stravolgimento del voto popolare".

22:58 Borgonzoni: "E' più facile multare l'italiano che ha il negozio, che sicuramente paga e che non alza le mani sui pm". De Magistris: "Gli immigrati hanno anche i doveri. Quando c'è un'attività illegale, non bisogna fare nessun distinguo".

22:54 De Magistris: "La violenza la condanno sempre. La Lega usa un linguaggio violento. Salvini è un provocatore e anche la Borgonzoni, andando in quel campo, ha provocato". Secondo i social, Matteo Salvini se l'è cercata. Parte un altro filmato dedicato a Venezia e ai cittadini che si sentono discriminati.

virus 13 11 14 6

22:47 Borgonzoni: "Casarini ha detto che lo schiaffo che mi sono presa è stato terapeutico". Casarini: "Lei ha preso uno schiaffo da una donna. Cosa è andata a fare in quel campo?". Borgonzoni: "Stavo rappresentando il mio comune". Casarini: "Voi siete andati in quel campo rom solo per speculare".

22:45 Borgonzoni: "Sono stanziali ma vogliono i privilegi dei nomadi". Parte un filmato dedicato allo scontro tra i rom e Matteo Salvini. Casarini: "Sulle questioni di Tor Sapienza, bisogna comprendere l'esasperazione. Nel caso di Bologna, invece, Salvini annuncia in pompa magna l'ispezione ai campi rom e i cittadini, indignati per la speculazione di Salvini sull'argomento, vengono condannati. Salvini se l'è cercata. Sai chi va domani a Tor Sapienza? Borghezio. Non ci sono state spranghe a Bologna. In questi casi, una reazione è normale".

22:33 De Magistris: "In America, gli italiani venivano chiamati negroidi". Parte un altro servizio dedicato ai campi rom. Casarini: "I campi non ci devono essere. Questo è il nodo. Non si devono creare dei ghetti". Sallusti: "Sono loro a crearsi i ghetti". Casarini: "Ci sono direttive europee. L'Italia è stata condannata per i campi rom. Bisogna costruire percorsi diversi. E' nei campi rom, che si creano situazioni per la criminalità. I campi rom in Europa non esistono". Sallusti: "Bisogna convincere i nomadi a smettere di essere tali". Casarini: "Non sono nomadi, sono rom stanziali".

virus 13 11 14 5

22:22 Sallusti: "L'ordine dei giornalisti ha fatto un decalogo con le parole vietate. Anche clandestino è una parola vietata". Casarini: "Hitler ha bruciato 700mila rom nei forni. E' importante dirlo". Salluti: "Se i rom, però, entrano a casa mia a rubare e poi si nascondono dietro i bambini, diventa un mio problema". Casarini: "Io devo colpire quel qualcuno, non un popolo intero. C'è un problema dietro le discriminazioni razziali". Sallusti: "Anche noi abbiamo una nostra storia e va rispettata". Casarini: "Nostri concittadini sono morti per battere le discriminazioni".

22:20 Sallusti: "A Rimini, i nomadi hanno rubato un camper ad un uomo. E ora il camper è di proprietà dei nomadi in quanto diventato casa". Borgonzoni: "A Bologna, sono andata in un area sosta comunale. Abbiamo speso 130mila euro in bollette". Parte un servizio dedicato alla terminologia razzista.

22:11 parte un servizio dedicato ai roghi di rifiuti dei nomadi. Sallusti: "Io sono finito sotto processo per istigazione all'odio razziale. C'è un problema culturale anche nella classe intellettuale. Laura Boldrini dovrebbe occuparsi anche delle donne che vivono vicino ai campi rom. I sindaci non violano mai le leggi riguardanti i campi rom e i centri accoglienza. Non fanno mai disobbedienza civile su queste cose". De Magistris: "La fotografia di Napoli è la seguente: 3600 nomadi censiti, non ci sono campi rom come quelli di Roma e favorire l'integrazione che a Napoli funziona. Noi investiamo in politiche sociali per tutti, soprattutti per i poveri. Il governo ha tagliato sulla sicurezza".

virus 13 11 14 4

22:03 Cusenza: "A Roma, il fenomeno non è stato governato. A Roma, abbiamo un sindaco e un prefetto che litigano dalla mattina alla sera. E' una situazione difficile. L'immigrazione a Roma ha preso una via paradossale: il prefetto mi ha raccontato che gli immigrati stanno due mesi nei centri accoglienza e poi escono da lì. Altri scappano, altri si arrangiano. Con la crisi, gli italiani e gli stranieri si litigano i lavoretti che prima facevano solo gli stranieri".

22:00 parte un filmato con altre immagini provenienti da Tor Sapienza, con un'intervista alla madre di Vanessa Russo, ragazza uccisa nel 2007 a Roma. Casarini: "Dobbiamo uscire dagli slogan. Con i capri espiatori, non si risolvono le questioni. E' tutta colpa della povertà. Alcuni stanno facendo la campagna elettorale su questa cosa come Salvini che domani andrà a Tor Sapienza a soffiare sul fuoco".

21:51 Sallusti: "Un sindaco non deve sottrarsi dalle responsabilità. Se un immigrato ascoltasse le parole dette in passato da De Magistris, verrebbe in Italia. Dare la cittadinanza onoraria ad un figlio di un immigrato è stato un episodio devastante". De Magistris: "Chi nasce a Napoli, è napoletano. Quell'episodio non è stato vissuto in maniera traumatica".

virus 13 11 14 3

21:49 Casarini: "Abito a Palermo. Il problema delle periferie non si risolve col capro espiatorio. A Roma, concentrare tutti i centri accoglienza in un quartiere non è stata una soluzione intelligente. Hanno aumentato il degrado delle periferie". Borgonzoni: "Lo stato italiano comunica indirettamente agli immigrati di venire in Italia. Hanno molto privilegi". De Magistris: "A Napoli, rispetto a Roma, abbiamo agito in modo diverso. C'è integrazione in tutta la città. Il dialogo funziona. Le comunità sono integrate".

21:45 in collegamento, c'è Virman Cusenza: "Sono fenomeni prevedibili. I numeri dell'immigrazione sono conseguenze di gravi errori. Abbiamo un problema con la procedura dell'arrivo degli immigrati in Italia. A Roma, un campo rom e quattro centri di accoglienza si trovano tutti nella stessa zona. Non c'è stata precauzione nella dislocazione degli immigrati". Partono altre immagini dedicate a Tor Sapienza.

21:41 Sallusti: "Non è una guerra tra poveri. Non sono sullo stesso piano. Da una parte, ci sono italiani che pagano tasse, dall'altra parte, ci sono clandestini irregolari". De Magistris: "A Napoli, i reati li fanno i napoletani e gli immigrati. C'è un fallimento a monte: nessun sindaco progressista dice agli stranieri di venire in Italia. Non c'è stata una politica di cooperazione. La gente che viene in Italia è disperata, non viene per vacanza. L'Europa ha scaricato tutto sull'Italia".

virus 13 11 14 2

21:38 in collegamento, c'è Lucia Borgonzoni: "A Bologna, ci sono situazioni simili a quella di Roma. Ci sono bombe pronte ad esplodere". In collegamento, c'è Luca Casarini, No Global: "Siamo in presenza di una guerra tra poveri. I penultimi contro gli ultimi. Nelle crisi, questo accade. C'è una gestione sbagliata della sicurezza. Il campo nomadi di Bologna doveva essere una soluzione temporanea e invece li abbiamo lasciati lì. L'accoglienza e l'integrazione sono politiche che vanno fatte sul serio".

21:34 parte un servizio con un'intervista ad una donna aggredita da tre stranieri a Tor Sapienza. In studio, c'è Francesca Farisella, presente a Tor Sapienza: "E' un quartiere esasperato, già difficile di suo, e le difficoltà sono aumentate con l'arrivo degli stranieri". Parte un servizio dedicato alla consigliera comunale leghista che ha preso uno schiaffo da una donna rom.

21:25 in studio ci sono Luigi De Magistris e Alessandro Sallusti. De Magistris: "Il rischio di una guerra tra poveri è evidente. Noi sindaco viviamo i tagli che vengono fatti nelle politiche sociali. Napoli ha un alto indice di tolleranza. Questa è una fotografia del paese". Sallusti: "E' la conseguenza del vento arancione di quattro anni fa. Un mix di demagogia multietnica e sociale. Questa demagogia è come la primavera araba".

virus 13 11 14 1

21:15 inizio trasmissione. La puntata di questa sera inizia con le immagini della guerriglia di Tor Sapienza, quartiere di Roma, tra gli abitanti della zona e gli immigrati. L'editoriale di Nicola Porro: "Col buonismo, non andiamo da nessuna parte. Non vogliamo ipocrisie. Vogliamo farmi vedere l'altro lato delle città. Se pensiamo al Jobs Act e all'Italicum, ci dimentichiamo della legalità nelle città".

Virus - Il contagio delle idee | Puntata 13 novembre 2014 | In diretta dalle ore 21:10

virus 6 11 14 8

Virus - Il contagio delle idee è un programma d'approfondimento giornalistico, in onda su Rai 2 ogni giovedì in prima serata, condotto da Nicola Porro.

Nel corso del programma, oltre ai dibattiti in studio, ci saranno varie rubriche come il Fact-Checking, la Social Room con Greta Mauro, la consueta lezione d'arte con Vittorio Sgarbi e l'intervista finale.

Virus | Rai 2 | Anticipazioni e ospiti


Il titolo della puntata di oggi, 13 novembre 2014, sarà Città sinistre.

Città come Roma, Venezia, Napoli, Trieste, Agrigento e Bologna sono costrette ad affrontare problemi come il degrado dei campi rom, le proteste contro i centri di prima accoglienza, l’illegalità diffusa, le disavventure dei cittadini indifesi, le tasse occulte dei comuni, le occupazioni abusive e altre ingiustizie quotidiane.

I cittadini, soprattutto quelli delle periferie, stanno rispondendo a tutto ciò con la violenza (nel corso della puntata, saranno trasmesse le immagini della guerriglia del quartiere romano di Tor Sapienza), il tutto mentre la giustizia non riesce più a dare certezze di diritto.

In studio, per parlare di questi argomenti, ci saranno il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, il direttore del quotidiano Il Giornale, Alessandro Sallusti, Luca Casarini e Lucia Borgonzoni, consigliere comunale della Lega Nord di Bologna.

Per l'intervista finale, Nicola Porro avrà come ospite l'imprenditore Giovanni Rana.

Virus | Rai 2 | Second Screen


Il programma di Nicola Porro ha un sito ufficiale, una pagina ufficiale Facebook e un profilo ufficiale Twitter.

Durante il programma, sarà possibile esprimersi a favore di uno dei due ospiti in studio attraverso gli hashtag che verranno comunicati durante la puntata.

Per il liveblogging, invece, appuntamento su Polisblog, magazine di Blogo, a partire dalle ore 21:10.

Virus | Rai 2 | Come seguirlo


Virus - Il contagio delle idee va in onda su Rai 2 a partire dalle ore 21:10.

In streaming, il programma è disponibile sul sito Rai.tv.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO