Ping Pong: botte (e risposte) della giornata politica

Leggi e commenta la Top News

Precipita Berlusconi: da settembre, crolla la fiducia nel premier: da – 5 a – 15 punti! Il premier: “Tutto falso!”. Veltroni: “La festa è finita!”. Ma il Pd e il suo leader non recuperano il gap. Renato Mannheimer (Ispo): “La sfiducia della gente è allo zenith: gli italiani non credono più in nessuno”.

Il nostro commento
Il primo “antipolitico” non è stato Beppe Grillo, ma Silvio Berlusconi. Il Cavaliere, per anni, ha picconato contro i partiti, contro i capi dei partiti, contro la politica e contri i capi della politica. Così ha conquistato il super potere e ha annientato la sinistra italiana, alla canna del gas. Il vento gira. E forse spinge in una diversa situazione. Dove? Non si sa. 15 milioni di italiani sono a livello di povertà. A chi importa della flessione della fiducia nel governo e nell’opposizione? Avanza inesorabilmente la sfiducia nei confronti di chi governa e di chi sta all’opposizione. Figlia diretta della delusione. Chi sta chiuso nel Palazzo non vede e non sente. E’ l’effetto della crisi? Forse. Come mai la crisi è sempre “orfana”? Forse la svolta arriva dall’America. Ma l’America, vista da qui, è lontana.

Silvio Berlusconi: “Non mi risulta che noi, io e il governo, abbiamo un calo di fiducia. Adesso siamo stabili. E dobbiamo gestire questo risultato, estremamente positivo. Ci sono turbolenze nella società. Noi vogliamo trasformare l’Italia, per migliorarla”.

Walter Veltroni
: “La luna di miele di Berlusconi e del governo è al giro di boa. Gli italiani cominciano a fare i conti con la realtà e vedono la differenza fra le promesse e i fatti: tutti stanno peggio. L’Italia va indietro. I nodi stanno per giungere al pettine”.

  • shares
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO