Il Movimento 5 Stelle denuncia il ministro Pinotti. La Difesa: "Nessun onere"

Per un presunto utilizzo di un volo di stato per arrivare a casa sua. Ma c'è già una replica: "Abbiamo risparmiato su tre biglietti".

Aggiornamento 14 novembre, ore 8.52 - Anche il Ministero della Difesa, in via ufficiale, ha diffuso un comunicato stampa breve con la versione ufficiale del ministero sul "volo della discordia" che ha convinto il M5s a denunciare il ministro Pinotti.

"In relazione alle notizie di stampa circa il presunto uso improprio di un volo militare da parte del Ministro della Difesa la sera del 5 settembre da Roma a Genova, il Ministero specifica che si è trattato di un volo del tutto legittimo, come sarà puntualmente chiarito in ogni sede, compresa quella parlamentare.

Basti dire che l’utilizzo del volo addestrativo – non volo di Stato come erroneamente riportato da alcuni mezzi di informazione – non ha comportato alcun maggior onere ma, al contrario, ha determinato un risparmio per l’erario.

Del resto, ad attestare la determinazione con la quale il Ministro Roberta Pinotti persegue costantemente il minor impiego di risorse pubbliche possibile per la sua persona, basti considerare che solo per sua reiterata richiesta gli organi competenti hanno acconsentito a ridurre, sin dall’inizio del suo mandato, l’entità delle misure di protezione a suo favore, accordate ai Ministri più esposti e tra essi a quello della Difesa, che avrebbero comportato, tra l’altro, la possibilità di sistematico ricorso al volo di Stato per motivi di sicurezza.”

Aggiornamento di Andrea Spinelli Barrile

Il Movimento 5 Stelle denuncia il ministro Pinotti

Aggiornamento 16.18 Il caso che ha portato Di Battista e Frusone a denunciare il ministro era già stato evidenziato da Fatto Quotidiano a settembre. E il portavoce del ministro aveva già spiegato la sua versione dei fatti, riportate nuovamente oggi da Giornalettismo: "Il ministro aveva prenotato il 2 settembre, due giorni prima di partire per Cardiff, un volo di linea da Roma a Genova per il sabato 6 settembre alle 10 e 20 di mattina (come da mail dell’agenzia di viaggi, ndr). Nei giorni successivi ha scoperto che c’era un volo addestrativo programmato dal 31esimo stormo dell’Aeronautica da Roma a Genova in notturna con istruttore e due piloti». Eppure Di Battista si chiede sui social se sia un caso la destinazione “Sestri”. «Quello scalo – ha sottolineato al Fatto il portavoce – come Reggio Calabria e Bolzano, è considerato particolarmente adatto per i voli di addestramento a causa dell’orografia del terreno e del frequente vento di traverso e di caduta». E per i costi? «Il volo di addestramento ci sarebbe stato comunque e quindi abbiamo risparmiato tre biglietti, comprendendo i due agenti di scorta. Perché il ministro della difesa è soggetto a eccezionali misure di sicurezza (fine aggiornamento)

Il Movimento 5 Stelle, nelle persone di Alessandro Di Battista e Luca Frusone hanno denunciato alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica il Ministro della Difesa Roberta Pinotti, nome che peraltro si trova in cima alla lista del toto Quirinale. Di che cosa è colpevole il ministro? Secondo i due pentastellati, di aver utilizzato un volo di Stato per arrivare a casa sua, a Sestri Levante.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Io e Luca Frusone abbiamo appena denunciato alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica il Ministro della Difesa Roberta Pinotti (tra l'altro, si dice, in pole-position per il dopo Napolitano).
Riteniamo che abbia utilizzato un aereo-blu per farsi accompagnare a casa sua. Lei sostiene di aver semplicemente usufruito di un volo di addestramento già previsto. Caso strano un volo partito 10 min dopo l'arrivo della Pinotti a Ciampino (veniva da Cardiff) e diretto, caso ancor più strano, a Sestri, cioè a casa sua.
Bene, se ne occuperà la procura e la magistratura contabile.
Noi abbiamo fatto il nostro dovere. Abbiamo scritto atti parlamentari ai quali il Ministro non ha risposto. Non risponde alla domande dei giornalisti. Se ne frega. Arrogante!
Non sono i 3600 euro che quel volo costa ogni ora (comunque non è poco). Il problema è il loro, costante, abuso di potere. Il loro sentirsi invulnerabili, intoccabili, differenti da noi cittadini.
Auguri Ministro!

Al di là dello strano effetto che fa sentir dare dell'arrogante perché "non risponde alle domande dei giornalisti" da parte di esponenti del M5S, il ministro farebbe bene a chiarire la situazione, visto che certe abitudini di utilizzare voli di Stato o comunque non a disposizione di ministro & co. è stata una pessima abitudine per molti anni. Ora che la questione è esplosa, non dovrebbe tardare il chiarimento del ministro.

Governo_Renzi_Roberta_Pinotti_ministro_della_difesa

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO