Mario Oliverio è il nuovo Presidente della Regione Calabria

Il centrosinistra ha vinto le elezioni Regionali in Calabria. Mario Oliverio è il nuovo Presidente

Mario Oliverio è stato eletto Presidente della Regione Calabria con un vero plebiscito. Per il candidato del PD, sostenuto da otto liste tra partiti e movimenti, si tratta di un successo prima di tutto personale essendo l'espressione sul territorio calabrese della corrente cuperliana all'interno del PD. L'ex Presidente della provincia di Cosenza non ha infatti conquistato la candidatura dopo aver sposato la causa renziana, ma è riuscito a vincere le primarie contro Gianni Callipo (il prescelto da Renzi) e poi le elezioni senza il placet del Premier.

Da questa tornata elettorale esce invece fortemente ridimensionata la compagine di centrodestra guidata da Wanda Ferro che non ha neanche raggiunto il 25% dei consensi. A partecipare alla ripartizione dei seggi (su base proporzionale) sarà anche il Nuovo Centro Destra del senatore Nico D'Ascola che, in coalizione con l'UDC, ha ottenuto poco più dell'8% dei voti. Esclusi invece dal consiglio il Movimento 5 Stelle e la lista di sinistra alternativa L'Altra Calabria del Professor Gattuso, entrambe abbondantemente sotto la soglia dell'8% prevista per gli schieramenti.

La composizione del Consiglio Regionale è al momento ancora molto incerta, perché arrivati a metà dello scrutinio sono ben 7 le liste dell'area di centrosinistra ad avere superato la soglia di sbarramento del 4% (Centro Democratico e Autonomia e Diritti per un pelo) e quindi ad accedere alla ripartizione dei seggi. Per il momento Oliverio non è preoccupato dalla frammentazione interna al suo schieramento e si sta godendo l'affermazione elettorale insieme al suo comitato di Cosenza. Queste le sue prime parole: «E' un voto che ci riempie di responsabilità. Si tratta di rimboccarsi le maniche per rimettere in piedi la Calabria. Viviamo un momento estremamente difficile - ha aggiunto - e dobbiamo salvare il salvabile»

Affermazione elettorale accolta con entusiasmo da Ernesto Magorno, segretario regionale del PD:

«I calabresi hanno democraticamente deciso che bisognava voltare pagina ed il compito che attende Mario Oliverio, e tutta la coalizione di centrosinistra, è certamente arduo ma deve essere affrontato con volontà e fiducia. C'è una regione da risollevare dopo i disastri compiuti dal centrodestra e per questo ci sarà bisogno di uno sforzo unitario e straordinario».

Mario Oliverio | Il candidato del centrosinistra

Elezioni Regionali Calabria 2014 - Mario Oliverio è il candidato del centrosinistra. La sua colazionione comprende, oltre alla lista Oliverio Presidente, anche Pd, Democratici Progressisti, Autonomia e Diritti, Centro Democratico, Calabria in rete, Nuovo CDU, la Sinistra.

Nato a San Giovanni in Fiore, Mario Oliverio ha 61 anni ed è stato presidente della Provincia di Cosenza per due mandati consecutivi: dal 2004 fino allo scorso 12 ottobre, con rielezione nel 2009. Proprio il suo operato durante gli ultimi dieci anni è al centro della sua campagna elettorale per le regionali del 23 novembre, infatti sul suo sito ha anche creato un'innografia in cui schematizza "#10AnniDiFatti". In generale tutta la sua campagna cerca di essere molto "social" e ha lanciato vari hashtag tra cui lo scontato #oliveriopresidente e il suo slogan principale #sipuòfare di chiara impronta "obamiana".

La carriera politica del 61enne Oliverio è molto lunga perché è cominciata prestissimo. Dopo anni di lotte politiche e movimenti studenteschi è entrato nel Consiglio Regionale per la prima volta nel 1980, quando aveva 27 anni e faceva parte delle liste del PCI. Cinque anni dopo è stato il consigliere regionale che ha raccolto più voti di tutti e in seguito è stato nominato assessore all'Agricoltura nella giunta di Francesco Principe.

Nel 1990 è stato eletto sindaco di San Giovanni in Fiore, comune che un anno dopo è stato commissariato, mentre Oliverio nel 1992 è sbarcato a Montecitorio come deputato e ci è rimasto per cinque legislature consecutive, fino al 2006, seguendo l'evoluzione del Pds in Ds e poi in Pd. Per i Ds è stato anche segretario della federazione provinciale di Cosenza e ha sostenuto Giacomo Mancini nella sua candidatura a sindaco di Cosenza.

Elezioni Calabria 2014 | Mario Oliverio | Il programma

Mario Oliverio

I punti principali del programma di Mario Oliverio prevedono:

1) Rendere la Calabria una Regione credibile attraverso:
- la riorganizzazione della struttura burocratica e la costruzione di un'amministrazione accessibile e vicina ai territori
- la revisione radicale della spesa pubblica
- la ripresa dell'attività legislativa e la produzione di testi unici per il riordino e la semplificazione dei diversi settori
- il rilancio della pianificazione strategica e regolazione, misurabilità degli interventi
- la semplificazione e trasparenza amministrativa per ridurre i tempi delle procedure
- l'impiego efficiente dei fondi europei
- l'ampliamento delle competenze della Stazione Unica Appaltante
- la pubblicazione su internet dei dati dell'amministrazione e del bilancio
- la definizione di una nuova legge sulla partecipazione

2) Rendere la Calabria una Regione digitale attraverso:
- la riduzione del digital divide offrendo WiFi gratuito nei luoghi pubblici e banda larga nei comuni e nelle aree produttive della regione
- l'innovazione e l'informatizzazione dei processi dell'amministrazione regionale
- l'informatizzazione e valorizzazione degli Open-Data dell'amministrazione regionale a beneficio del sistema sociale e produttivo
- l'introduzione dei processi digitali nelle aziende sanitarie e ospedaliere
- la diffusione della cultura digitale per favorire la partecipazione e l'interazione con i cittadini

3) Rendere la Calabria una Regione al servizio dei giovani consentendo loro di valorizzare il proprio talento, la creatività, le competenze, le energie e le capacità e garantendo più partecipazione allo sviluppo sociale, politico, culturale ed economico regionale. Inoltre, Oliverio si propone di favorire l'aumento e la qualità delle competenze e di sostenere la mobilità internazionale dei giovani.

4) Rendere la Calabria una Regione europea dell'innovazione e della competitività accrescendo la capacità del sistema produttivo regionale di competere sui mercati internazionali e di attivare processi di innovazione, promuovendo l'imprenditorialità nei settori innovativi e nei mercati dell'innovazione e sostenendo le imprese e il sistema produttivo per superare gli effetti della crisi

5) Rendere la Calabria una Regione europea e mediterranea

(qui i dettagli)

Foto © Facebook Mario Oliverio

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO