Parlamentare inglese si dimette dal governo ombra per un Tweet

Durante le elezioni di Rochester and Strood, "fail" su Twitter di una deputata "Labour". Si scatena la polemica e alla fine lei lascia il governo ombra laburista

Emily Thornberry si dimette dal governo ombra per un Tweet

Che la situazione politica nel Regno Unito sia complessa e difficile, lo dimostrano i risultati delle elezioni di Rochester and Strood, con il trionfo dell'UKIP. Ma lo dimostrano anche altri dettagli.

È il caso di quel che è successo a Emily Thornberry, parlamentare laburista e membro del Governo Ombra di Ed Miliband.

Thornberry si trovava a Rochester.

Ad un certo punto, questa mattina, ha twittato.

Un tweet apparentemente innocuo.
Raffigura una casa con tre bandiere inglesi che impediscono parzialmente la vista da una finestra e un furgone bianco.


Ma il clima, nel Regno Unito, non è dei migliori. Istantaneamente, Thornberry è stata attaccata sui social da persone comuni e da colleghi.

L'accusa? Snobismo. L'associare il nazionalismo alla classe operaia. L'alludere in qualche modo all'ignoranza dei nazionalisti. Cose del genere. Farage, leader dell'UKIP, sempre su Twitter, ha detto che quel Tweet fa calare la maschera di Miliband e si è chiesto a che cosa volesse alludere, la deputata, a proposito dell'area twittando quell'immagine con le bandiere e il furgone parcheggiato.

Thornberry ha cercato di difendersi come poteva, dicendo al Guardian, fra l'altro che l'ha trovata un'immagine incredibile (mah) e che stava soltanto

«cercando di dare alle persone che mi seguono su twitter un'immagine-tipo di quel che sono le elezioni di Rochester».

Ma le critiche sono arrivate anche dallo stesso partito della deputata.

Simon Danczuk, parlamentare laburista di Rochdale, ha detto che quell'immagine è

«Dispregiativa e sprezzante del popolo»

e che è come se

«il partito Laburista fosse stato "dirottato" dalle elite liberal del nord di Londra».

La deputata ha provato a difendersi dal Tweet evidentemente ritenuto da tanti inopportuno (faceva comunque parte di una serie di foto che Thornberry stava condividendo su Twitter), porgendo le proprie scuse.


«Mi scuso per qualsiasi offesa causata dalla foto delle 3 bandiere. Le persone devono far sventolare la bandiera dell'Inghilterra con orgoglio!»

Ma non è bastato. Alla fine della bagarre, in serata, Emily Thornberry ha dovuto dimettersi dal governo ombra di Miliband.

Qualcuno ha fatto notare l'assurdità della cosa.


«Seriamente, è folle che Emily Thornberry abbia più problemi politici per non aver detto nulla, che Mark Rechless, che vorrebbe deportare le persone».

Lo ribadiamo: la situazione politica in UK è delicata.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO