Elezioni Regionali 2014, affluenza e risultati: vincono il Pd e l'astensione. I commenti

Elezioni Regionali 2014 in Calabria ed Emilia Romagna l'affluenza in tempo reale, gli exit-poll, i risultati definitivi

10.46 - Le prime reazioni ai dati di affluenza e ai primi exit-poll sul voto di ieri in Emilia Romagna e Calabria si sono viste già ieri sera: il premier Matteo Renzi in persona, su Twitter, ha commentato a caldo i risultati:


Un secondo tweet è stato pubblicato questa mattina: Renzi si è congratulato con i due candidati di centrosinitra che sono usciti vincitori dalle consultazioni, ribadito il lavoro di radicale cambiamento che il PD vuole attuare:


Tra gli avversari politici, già ieri il leghista Matteo Salvini aveva commentato a caldo i risultati definendoli "storici" per la Lega Nord: solo questa mattina ha commentato il dato dell'affluenza, definendolo "una sconfitta" (oltre il 60% di astenuti):




Il segretario e fondatore di NCD Angelino Alfano, intervistato da Unomattina, ha commentato i risultati complimentandosi con il candidato calabrese ("una scommessa che consideriamo vinta" ha detto il ministro dell'Interno) ed ha parlato di "disastro del vecchio centrodestra" che presentandosi diviso ha consegnato Emilia Romagna e Calabria nelle mani delle coalizioni di centrosinistra capitanate dal PD.


Vi proponiamo di seguito un widget che riporta l'hashtag #elezioniregionali dove potete trovare tutti i commenti a posteriori delle elezioni di ieri, commenti che concordano tutti su un fatto chiaro: la scarsa affluenza è una sconfitta per tutti i partiti ed i candidati, che si sono rivelati fondamentalmente incapaci di avere appeal sull'elettorato che ha preferito (o forse è stata una necessità) disertare le urne.


08.25 - In Calabria le sezioni scrutinate sono ancora 2.078 su 2.409 e dunque il dato non può ancora essere preso come definitivo, anche se vista l'affluenza le percentuali potrebbero cambiare di poco. Mario Oliverio sarà il nuovo governatore.

In Emilia Romagna il dato è invece definitivo: Stefano Bonaccini è stato eletto Presidente della Regione con il 49,05% dei voti (615.725 voti), staccando il leghista Alan Fabbri (sostenuto da una coalizione di centrodestra), bloccatosi al 29,85% (374.736 voti).

04.06 - A notte inoltrata gli scrutini in Emilia Romagna e Calabria sono ancora in corso. I risultati elettorali non sono però in discussione: Stefano Bonaccini del PD è il nuovo Presidente dell'Emilia Romagna così come Mario Oliverio, sempre del PD, lo è della Calabria. Solo domani in mattinata, a scrutinio completato, si conoscerà la composizione esatta dei due consigli regionali.

    REGIONALI EMILIA ROMAGNA, 3.969 sezioni su 4.512

    BONACCINI STEFANO (PD+SEL+Altri) 48,88%
    FABBRI ALAN (FI+FdI+Altri) 30,11%
    GIBERTONI GIULIA (M5S) 13,30%
    QUINTAVALLA MARIA CRISTINA (L'Altra Emilia-Romagna) 3,90%
    RONDONI ALESSANDRO (NCD+UDC+Altri) 2,66%
    MAZZANTI MAURIZIO (Liberi Cittadini) 1,11%

    REGIONALI CALABRIA, 870 sezioni 2.409

    OLIVERIO GERARDO MARIO (PD+Altri) 61,16%
    FERRO WANDA (FI+FdI) 23,47%
    D'ASCOLA VINCENZO MARIO DOMENICO (NCD+UDC+Altri) 9,54%
    CANTELMI CONO (M5S) 4,45%
    GATTUSO DOMENICO (L'Altra Calabria) 1,36%

02.26 - Nuovi aggiornamenti sui due scrutini:

    REGIONALI EMILIA ROMAGNA, 2.163 sezioni su 4.512

    BONACCINI STEFANO (PD+SEL+Altri) 47,94%
    FABBRI ALAN (FI+FdI+Altri) 31,45%
    GIBERTONI GIULIA (M5S) 13,17%
    QUINTAVALLA MARIA CRISTINA (L'Altra Emilia-Romagna) 3,58%
    RONDONI ALESSANDRO (NCD+UDC+Altri) 2,74%
    MAZZANTI MAURIZIO (Liberi Cittadini) 1,08%

    REGIONALI CALABRIA, 207 sezioni 2.409

    OLIVERIO GERARDO MARIO (PD+Altri) 61,27%
    FERRO WANDA (FI+FdI) 22,91%
    D'ASCOLA VINCENZO MARIO DOMENICO (NCD+UDC+Altri) 10,28%
    CANTELMI CONO (M5S) 4,01%
    GATTUSO DOMENICO (L'Altra Calabria) 1,50%

01.44 - Procede lo scrutinio in Emilia Romagna e Calabria. Questi i risultati parziali:

    REGIONALI EMILIA ROMAGNA, 1.277 sezioni su 4.512

    BONACCINI STEFANO (PD+SEL+Altri) 47,85%
    FABBRI ALAN (FI+FdI+Altri) 31,69%
    GIBERTONI GIULIA (M5S) 13,25%
    QUINTAVALLA MARIA CRISTINA (L'Altra Emilia-Romagna) 3,50%
    RONDONI ALESSANDRO (NCD+UDC+Altri) 2,64%
    MAZZANTI MAURIZIO (Liberi Cittadini) 1,04%

    REGIONALI CALABRIA, 75 sezioni 2.409

    OLIVERIO GERARDO MARIO (PD+Altri) 62,96%
    FERRO WANDA (FI+FdI) 22,73%
    D'ASCOLA VINCENZO MARIO DOMENICO (NCD+UDC+Altri) 8,32%
    CANTELMI CONO (M5S) 3,95%
    GATTUSO DOMENICO (L'Altra Calabria) 2,00%

01.08 - Ecco il primo tweet di Matteo Renzi sulle elezioni regionali. I dati sono ancora parziali (parzialissimi in Calabria), ma il Premier sta già festeggiando per la vittoria del PD.


01.02 - In Emilia-Romagna sono state scrutinate 449 sezioni su 4.512

    REGIONALI EMILIA ROMAGNA, 449 sezioni su 4.512

    BONACCINI STEFANO (PD+SEL+Altri) 46,88%
    FABBRI ALAN (FI+FdI+Altri) 33,62%
    GIBERTONI GIULIA (M5S) 12,91%
    QUINTAVALLA MARIA CRISTINA (L'Altra Emilia-Romagna) 3,39%
    RONDONI ALESSANDRO (NCD+UDC+Altri) 2,19%
    MAZZANTI MAURIZIO (Liberi Cittadini) 0,99%

00.54 - Appena quattro sezioni scrutinate in Calabria:

    REGIONALI CALABRIA, 4 sezioni 2.409

    OLIVERIO GERARDO MARIO (PD+Altri) 67,20%
    FERRO WANDA (FI+FdI) 19,20%
    D'ASCOLA VINCENZO MARIO DOMENICO (NCD+UDC+Altri) 9,60%
    CANTELMI CONO (M5S) 3,20%
    GATTUSO DOMENICO (L'Altra Calabria) 0,80%

00.41 - Ecco i dati parziali per l'Emilia Romagna:

    REGIONALI EMILIA ROMAGNA, 160 sezioni su 4.512

    BONACCINI STEFANO (PD+SEL+Altri) 44,97%
    FABBRI ALAN (FI+FdI+Altri) 37,19%
    GIBERTONI GIULIA (M5S) 12,7%
    QUINTAVALLA MARIA CRISTINA (L'Altra Emilia-Romagna) 2,78%
    RONDONI ALESSANDRO (NCD+UDC+Altri) 2,11%
    MAZZANTI MAURIZIO (Liberi Cittadini) 0,85%

00.24 - Intanto è diventato completo il quadro dell'affluenza:

Schermata 2014-11-24 alle 00.23.24

00.20 - Arrivano i primi dati degli scrutini in Emilia-Romagna. Quando sono state scrutinate 41 sezioni su 4.512, Stefano Bonaccini (PD) è in testa con il 45,50% dei voti seguito da Alan Fabbri con il 39,06%. Giulia Gibertoni del M5S è invece al 10%. Tutti gli altri sotto il 3%.

23.48 - 741 su 749. I dati si possono considerare definitivi. L'affluenza complessiva è del 39,89%; in Emilia-Romagna ha votato il 37,80% ed in Calabria il 43,77%.

23.30 - 643 comuni su 749. Affluenza al 39,74%: in Calabria il 43,11% ed in Emilia-Romagna al 37,29%.

23.24 - 507 comuni su 749. Affluenza complessiva al 39,68%.

23.17 - 324 comuni su 749. Affluenza complessiva al 38,81%.

23.12 - Sono ufficiali i dati dell'affluenza in 150 comuni sui 749 totali tra Emilia-Romagna e Calabria. Al momento l'affluenza è del 37,21%.

Elezioni Regionali - Emilia Romagna e Calabria

23.06 - Urne chiuse. Tra pochissimi minuti arriveranno i dati definitivi sull'affluenza, che non dovrebbe comunque superare il 45%. Si tratta per il momento di una stima molto parziale.

20.02 - Ecco i dati definitivi che non fanno che confermare il trend di questa mattina: affluenza davvero bassa. Alle 19, dodici ore dopo l’apertura dei seggi, solo il 32,21% degli aventi diritto si è recato a dare il proprio voto.

La Provincia con la più alta affluenza è stata Cosenza (35,66%), mentre quella con gli elettori più astensionisti è stata Rimini (26,11%).

elezioni affluenza 19

19.50 - Manca soltanto un Comune, quello di Reggio Nell’Emilia, che poco o nulla influirà sui dati finali: l’affluenza alle ore 19 è stata del 32,27%.

19.25 - Circa 600 Comuni su 749 hanno già comunicato i dati e il trend sembra essersi invertito rispetto all’affluenza delle 12. Alle 19 è la Calabria a vincere sull’Emilia Romagna col 34,34% degli elettori contro il 30,90. La media totale si attesta così intorno al 32%.

elezioni affluenza 19 provvisorio-2

19.10 - Cominciano ad arrivare i primi dati sull’affluenza alle ore 19, che si conferma molto bassa in entrambe le regioni: siamo intorno al 33-34%.

elezioni affluenza 19 provvisorio

17.00 - Pippo Civati del PD, subito dopo l’ufficializzazione dei dati dall’affluenza delle ore 12, ha affidato al proprio blog ufficiale tutta la propria delusione per la scarsa adesione degli elettori:

I primi dati dell’affluenza alle Regionali sono disarmanti. Meno del 10% a mezzogiorno in Calabria, in Emilia poco sopra. Autoesclusione volontaria (come la servitù per Étienne de la Boetie) della gran parte della popolazione, a cui la politica – anche la cosiddetta antipolitica – non sa parlare più. E che non rappresentata decide di non partecipare più.
In un circolo perfetto quanto vizioso di esclusione sociale e di astensionismo elettorale.

15.40 - A poche ore dalla chiusura dei seggi, il ministro per le riforme Maria Elena Boschi, partecipando alla tavola rotonda How can we govern europe?, ha speso qualche parola sulle elezioni regionali di oggi, anticipando la vittoria del Partito Democratico sia in Calabria che in Emilia Romagna:

Non sono un test per il Governo, non è un referendum. Ovviamente io credo che finirà con una vittoria del Pd in entrambi i casi.

13.38 - I dati definiti non influiscono sulla percentuale finale, ferma al 10,8%.

elezioni calabria affluenza ore 12

13.12 - Dopo cinque ore di voto, i dati sull’affluenza delle ore 12 confermano che solo il 10,08% degli aventi diritto si è recato alle urne per scegliere il nuovo Presidente di Regione. L’Emilia Romagna batte la Calabria con un affluenza di 10,75% contro 8,85%.

La provincia con la più alta affluenza è stata Bologna (12,11%), mentre quella con la minor partecipazione degli elettori è stata Catanzaro (7,34%).

elezioni regionali affluenza ore 12 provvisorio

Manca soltanto il comune di Santa Domenica Talao, in provincia di Cosenza.

12.12 - I dati dell’affluenza sono in arrivo. Si stima che complessivamente si sia recato alle urne il 10% degli aventi diritto.

10.50 - Secondo gli ultimi sondaggi, in Calabria ci sarebbe un testa a testa tra i cinque candidati. In Emilia Romagna, invece, il favorito sarebbe il candidato del PD, Stefano Bonaccini.

7.00 - I seggi, come da programma, sono ufficialmente aperti. Le operazioni di voto proseguiranno per tutta la giornata, fino alle 23. Al voto, tra Emilia Romagna e Calabria, sono chiamati quasi 6 milioni di elettori.

Ci siamo: le elezioni regionali di questa fine 2014 stanno per aprire i battenti. Si vota, come noto, in Emilia Romagna e in Calabria. Seguiremo in diretta la giornata di voto, l'affluenza, la chiusura dei seggi, gli exit poll (se ce ne saranno) e i risultati.

Sono 5,3 milioni, gli elettori chiamati alle urne. Un numero consistente, un banco di prova per il Pd di Renzi e per altre realtà politiche come la Lega Nord che conta di far bene in Emilia Romagna, ma anche per il M5S che dovrà fare i conti con se stesso. Forza Italia, Ncd, Udc e Fratelli d'Italia sono nel buio pesto, almeno a giudicare dai sondaggi.

Elezioni Regionali Calabria 2014

elezioni regionali calabria

23 novembre 2014, giorno di elezioni in Calabria, dove si rinnova presidenza, consiglio e giunta regionale: il conto alla rovescia comincia proprio oggi.

Come già in Emilia Romagna, lo scioglimento del consiglio regionale anche in Calabria ha inevitabilmente prodotto elezioni anticipate, dopo che l'ex presidente Giuseppe Scopelliti, lo scorso 29 aprile, ha formalizzato il suo addio alla guida della regione meridionale.

Per la prima volta in Calabria si voterà con il nuovo sistema elettorale, approvato nello scorso mese di settembre con soglia di sbarramento all’8% per le coalizioni e le singole liste: il premio di maggioranza sarà al raggiungimento del 55% dei voti.

Anche le circoscrizioni elettorali sono state modificate, saranno le seguenti: Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia, Cosenza, Reggio Calabria.

Stando ai sondaggi che circolano, l'esponente del Partito Democratico è il favorito per la vittoria finale. Ci sarebbe poi Nico D'Ascola appoggiato da Nuovo Centro Destra e Udc ed infine Cono Cantelmi del Movimento 5 Stelle e Domenico Gattuso della lista Tsipras-Rifondazione.

Elezioni Regionali Calabria 2014: come e quanto si vota?

Elezioni regionali: i candidati in Calabria

I candidati alla poltrona di governatore sono: Cono Cantelmi, per il MoVimento 5 Stelle, Nico D’Ascola per Nuovo centrodestra, Wanda Ferro per Forza Italia, Fratelli d’Italia, Casa delle Libertà, Domenico Gattuso per L’Altra Calabria, Mario Gerardo Oliverio per il Partito democratico, Democratici e progressisti, Oliverio presidente, Per cambiare la Calabria, Centro democratico, Autonomia e diritti, Cristiano democratici uniti.

Scheda elettorale Calabria - fac simile

L’ordine di comparizione nella scheda elettorale, per effetto del sorteggio, sarà il seguente:

Wanda Ferro;
Domenico Gattuso;
Cono Cantelmi;
Gerardo Oliveiro;
Nico D’Ascola.

Elezioni Regionali, affluenza Calabria

Nel 1970 l'affluenza in Calabria fu dell'81,87%.
Nel 1976, affluenza pari a 83,13% degli aventi diritto.
Nel 1980, affluenza del 77,07%.
Nel 1985, affluenza del 78,70%.
Nel 1990, 75,77%.
Nel 1995 va alle urne il 68,61% degli aventi diritto.
Nel 2000 vota il 64,64% degli elettori.
Nel 2005 l'affluenza è pari al 64,39%.
Nel 2010 va a votare il 59,27% degli aventi diritto.

Elezioni Regionali, risultati Calabria

I risultati della Calabria non dovrebbero regalare troppe sorprese e dovrebbero vedere un Pd pronto a subentrare in Regione, nonostante la Calabria sia stata Feudo della Democrazia cristiana e del pentapartito fino al 1995 (quando la Dc non c'è più, ma vince comunque l'alleanza Forza Italia-Popolari-AN-CCD).

Presidente Calabria

Ecco lo storico di tutti i presidenti della giunta regionale in Calabria.

Antonio Guarasci (1970-1974)
Aldo Ferrara (1974-1975, subentra per decesso del presidente uscente)
Pasquale Perugini (1975-1976)
Aldo Ferrara (fino al 1980, subentra nuovamente)
Bruno Dominijanni (1980-1985, PSI)
Francesco Principe (1985-1987, PSI)
Rosario Olivo (1987-1991, PSI)
Guido Rhodio (1992-1994, DC)
Donato Veraldi (1994-1995, PPI)
Giuseppe Nisticò (1995-1998, Forza Italia)
Giovambattista Caligiuri (1998-1999, Forza Italia)
Luigi Meduri (1999-2000, PPI)
Giuseppe Chiaravallotti (2000-2005, Forza Italia)
Agazio Loiero (2005.2010, La Margherita-Pd)
Giuseppe Scopelliti (2010-2014, Popolo della Libertà, poi Ncd)
Antonella Stasi (facente funzioni, NCD)

Elezioni Regionali Emilia Romagna 2014

Elezioni Regionali Emilia Romagna

23 novembre 2014, giorno di elezioni anche in Emilia Romagna (oltre che in Calabria) dove si rinnova presidenza, consiglio e giunta regionale: il conto alla rovescia comincia proprio oggi.

Il presidente eletto nel 2010, Vasco Errani, ha rassegnato le dimissioni prima della scadenza naturale del mandato, travolto da inchieste giudiziarie che lo riguardano in prima persona e si sono così rese necessarie nuove elezioni, in un quadro politico che riflette nella sostanza quello nazionale.

Vicende giudiziarie che, anche sotto elezioni, non si sono certamente fermate: recentemente la giunta è stata letteralmente scossa dalla notizia di oltre quaranta iscrizioni al registro degli indagati per i membri del consiglio ormai agli sgoccioli.

Secondo gli ultimi sondaggi, il favorito per la corsa della poltrona di governatore che fu di Vasco Errani sarà con ogni probabilità l'esponente del centrosinistra Stefano Bonaccini.

Elezioni Regionali in Emilia Romagna 2014: come e quando si vota?

Elezioni regionali, i candidati in Emilia Romagna

I candidati alla poltrona di governatore sono: Stefano Bonaccini sostenuto da Partito democratico, Sinistra, Ecologia e Libertà, Emilia Romagna civica e Centro democratico – Democrazia solidale, Alan Fabbri sostenuto da Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia, Giulia Gibertoni per il MoVimento 5 Stelle, Maurizio Mazzanti per Liberi cittadini, Maria Cristina Quintavalla per l’Altra Emilia Romagna, Alessandro Rondoni per Ncd.

Diversamente dalla Regione Calabria, le schede elettorali per gli elettori emiliani e romagnoli saranno cinque, una per circoscrizione (Bologna, Forlì-Cesena, Rimini, Ravenna e Ferrara). Di seguito il fac-simile di quella degli elettori della circoscrizione bolognese:

Scheda elettorale Elezioni Emilia-Romagna 2014

Per decidere l'ordine dell’elenco di comparizione sulla scheda elettorale è stato effettuato un sorteggio::
1) “Liberi Cittadini per l’Emilia Romagna”
2) “Centro per Bonaccini”
3) “Sinistra Ecologia Libertà”
4) “Emilia Romagna Civica”
5) “Partito Democratico”
6) “Lega Nord”
7) “Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale”
8) “Forza Italia”
9) “L’Altra Emilia Romagna”
10) “Movimento Cinque Stelle”
11) “Emilia Romagna Popolare”

Affluenza Elezioni Emilia Romagna

Il Pd ha abbassato l'asticella delle aspettative e si spera in un'affluenza che sia almeno superiore al 50%.

Numeri imbarazzanti, se si valuta lo storico delle elezioni regionali in Emilia Romagna e se si considera la progressione del medesimo, con una decrescita spaventosa.

Nel 2010 votò il 68,07% degli aventi diritto.
Nel 2005 l'affluenza fu pari al 76,67%.
Nel 2000 l'affluenza fu del 79,72%.
Nel 1995 votò l'88,30%.
Nel 1990 l'affluenza fu del 92,98%.
Alle regionali del 1985 votò il 94,64% degli aventi diritto.
Nel 1980 votò il 94,49% degli aventi diritto.
Nel 1975 l'affluenza fu del 96,62%.
Nel 1970 l'affluenza fu del 96,59%.

Risultati elezioni Emilia Romagna

Lo storico dei risultati in Emilia Romagna raccontano di un feudo della sinistra, dal Pci in poi, con tutte le mutazioni che il concetto di sinistra ha subito nel tempo.

Presidente Emilia Romagna

Nove, fino ad oggi, i Presidenti dell'Emilia Romagna. Di seguito lo storico

Guido Fanti (1970-1976, 2 mandati, PCI)
Sergio Cavina (1976-1977, PCI)
Lanfranco Turci (1977-1987, 2 mandati, PCI)
Luciano Guerzoni (1987-1990, PCI)
Enrico Boselli (1990-1993, PSI)
Pierluigi Bersani (1993-1996, 2 mandati, PDS)
Antonio La Forgia (1996-1999, I Democratici)
Vasco Errani (1999-2014, 4 mandati, Ds-Pd)
Simonetta Saliera (facente funzioni, Pd)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO