Israele: c'era piano per uccidere ministro degli Esteri Lieberman

I servizi segreti di Israele hanno sventato un attentato ai danni del ministro degli Esteri Avigdor Lieberman. Arrestate tre persone.

C'era un piano di Hamas per uccidere il ministro degli Esteri di Israele, Avigdor Lieberman. Lo hanno rivelato i servizi segreti di Tel Aviv, lo Shin Beth, che hanno fatto sapere anche di aver arrestato alcune persone, che "raccoglievano informazioni sul convoglio del ministro" da e per la sua casa in Cisgiordania, cercando di procurarsi un lanciarazzi.

In una nota, lo Shin Beth ha aggiunto che tre sono i sospetti arrestati: Ibrahim al-Zir, Ziad al-Zir et Adnas Tzabih, tutti originari del villaggio di Harmala, vicino a Nokdim, in Cisgiordania, la colonia ebraica dove vive anche Lieberman. Nella nota non si fa accenno a date decise per compiere l'attentato, né vengono rivelati altri dettagli.

Nell'arresto dei tre terroristi sono state coinvolte la polizia, l'esercito e i servizi di sicurezza israeliani. Al-Zir, durante l'ultimo conflitto a Gaza dell'estate scorsa, avrebbe cominciato a mettere a punto un piano per attaccare la scorta del ministro degli Esteri Lieberman, mentre questi viaggiava a o verso la sua abitazione a Nokdim.

Doveva essere un gesto significativo, un messaggio a Israele perché facesse cessare immediatamente l'operazione a Gaza. "Negli ultimi giorni, i sospetti sono stati accusati da un tribunale militare in Cisgiordania di complotto per commettere omicidio e di traffico di armi" specifica ulteriormente lo Shin Beth. Hamas ha fatto sapere di non avere informazioni sulla questione.

Avigdor Lieberman

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO