Grillo-Rizzetto, polemica per la partecipazione al talk show Omnibus

Il leader del Movimento 5 Stelle prende le distanze dalla partecipazione di Walter Rizzetto al talk show Omnibus, ma la base questa volta si schiera dalla parte del deputato

Le figure retoriche necrofile sono un topos dei post e dei comizi di Beppe Grillo. Gli avversari sono “zombie”, sono “morti” o “morti viventi”, oppure troppo vecchi per governare, scegliere, decidere. Anche quest’oggi il leader pentastellato non ha smentito la sua retorica pubblicando sul suo blog un post piuttosto sintetico nel quale sconfessa la partecipazione del deputato Walter Rizzetto al talk show Omnibus di oggi, nella puntata intitolata Il M5S ritorna in televisione.

Secondo la logica da apparato stalinista che contraddistingue il suo modo di concepire l'organizzazione del movimento di cui è guida, Beppe Grillo ha relegato all’iniziativa personale la partecipazione di Rizzetto, sottolineando come il suo deputato sia “libero di dire la sua opinione e di partecipare ai talk, ma non a nome del M5S”.

Il post inizia proprio con l’immagine necrofila dei talk show che “stanno morendo di asfissia di ascolto”, un fenomeno che accompagna “in modo naturale e parallelo, il percorso della disaffezione al voto alla politica”.

Poi Grillo fa sapere che, anche se in passato il M5S ha partecipato a trasmissioni televisive in cui “poteva esprimere la propria opinione su temi specifici”, in futuro lo farà soprattutto

a livello di emittenti locali dove si trattano aspetti vicini ai cittadini come quello dell'ambiente o a confronti elettorali come è avvenuto con Giulia Gibertoni su Sky.

Ogni altra iniziativa che esuli da queste due eccezioni è da ritenersi non rappresentativa della linea politica del movimento.

Il diretto interessato preferisce rispondere con i tweet di altri militanti del M5S che disapprovano l’ennesimo diktat del comico genovese. Si parla di scomunica e si appoggia la scelta del deputato di fare ciò che la base gli aveva chiesto.

Dopo qualche ora Rizzetto pubblica un breve testo sul suo blog, nel quale prende le distanze dal “capo” con grande fermezza:

Caro @beppegrillo,
vorrei capire innanzitutto chi scrive i post sul Blog e come mai non si firma,quasi mai.
Dai feedback ricevuti mi pare evidente che il problema ora sia più tuo che mio...
Fare sana autocritica è sintomo di maturità, non solo politica e non sono l’unico a pensarlo. Se ritieni che "Rizzetto parla a nome suo e non rappresenta il MoVimento" è altrettanto evidente che io e te abbiamo un problema (#huston ndr).
Ti dico una cosa: io a questa “maglia” ci tengo e non ho detto nulla di sconveniente e non in linea con il M5S, anzi. Se uno vale uno, ciò lo é anche nell'esprimere le opinioni.
Rinnovo: a 39 anni, in gran parte lavorati e grazie a Dio lavorati bene, non chiedo il permesso ai tuoi cortigiani per parlare del lavoro che stiamo facendo e comunicarlo a più gente possibile. Il dato elettorale dovrebbe far riflettere te, in primis
#iononmollo e tu?

Anche i commenti al post di Grillo, infatti, sono tutt’altro che teneri. Si invocano consultazioni online anche per la partecipazione ai talk show. C’è chi fra notare come molti commenti siano stati rimossi e chi ironizza sul fatto che il post non sia firmato.

VOTAZIONE ON LINE per partecipare in TV o NO. La democrazia deve valere sempre, non solo quando qualcuno decide che si fa una votazione democratica. Voglio il voto per decidere se andare in tv. E lo vorrei anche per decidere l'organizzazione di una struttura direttiva del movimento. Col discorso del 1 vale 1, alla fine comanda chi gestisce il blog etc,

commenta un militante.

Da una parte un leader che confonde quotidianamente autorevolezza con autoritarismo, dall’altra un movimento che vive nell’illusione di una democrazia diretta che rischia di diventare la versione parodistica di un sano confronto pubblico. La rivoluzione della democrazia diretta è davvero nascosta nel mettere ai voti la partecipazione o no di un deputato a una trasmissione televisiva?

walter rizzetto omnibus

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO