Effetto Obama: Francesco Rutelli via dal Pd per fare il partito "de noantri"?

L’onda del trionfo di Obama produce nel Pd i primi spruzzi … malefici. Il partito di Walter Veltroni è sempre più tenuto insieme con il cerotto. Tutti fanno sorrisini e tutti lavorano per fare buchi nel barcone e preparare scialuppe per la fuga.

Francesco Rutelli, (toh, chi si rivede!), con il suo drappello dei giovani “coraggiosi” brizzolati (Gentiloni, Lusetti ecc.) è pronto al salto del fosso.

C’è chi giura che il “bello guaglione” e la sua ciurma non aspetteranno il doppio appuntamento elettorale delle amministrative in aprile e delle europee di giugno, ma volteranno le spalle a Veltroni addirittura prima di mangiare il … panettone 2008.

Per fare che? Per dar vita al “partito capitolino”, già battezzato dai soliti noti “la mangiatoia de noantri”.

Il tutto con la (tacita) benedizione di Massimo D’Alema. Che sa aspettare, a denti stretti, che capi e capetti si consumino come candele per poi prendere, bacchetta in mano, quel che resta del Pd, ripartendo da dove si fermò … Romano Prodi.

Sulla stessa lunghezza d’onda e sulla stessa barca ci sarebbe il leader della Cgil, pronto a tutti gli usi.

Obama è troppo lontano e Berlusconi troppo vicino.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO