Announo | Puntata 27 novembre 2014

Announo: la puntata del 27 novembre 2014 in diretta


ANNOUNO: DIRETTA | Clicca per aggiornare

00.07 Finisce la puntata.
00.02 Si chiude con il commento dei due vignettisti, in particolare sulla posizione espressa da Elisa nel talk. Poi però nasce un botta e risposta tra Vauro e Mirko.
23.58 Le vignette.

vignette

23.57 #stoconElisa la più votata.

23.51 Serracchiani: "Jobs act operativo dal primo gennaio 2015? Penso ci sia la possibilità".
23.50 Serracchiani: "La tutela per la maternità è stata estesa anche alle autonome".
23.46 Serracchiani elenca i provvedimenti del governo: "riforma della pubblica amministrazione, gli 80 euro, i tagli dell'Irap".
23.45 Una ragazza risponde a Elisa: "Anche a 45 anni ti sta bene fare un lavoro precario?".
23.42 Usama, anche lui con un contratto a tempo indeterminato. Elisa, invece, si è licenziata pur avendo un contratto a tempo indeterminato: "Perché attaccarsi ad una garanzia quando sai che sei tu la garanzia? Io ho trovato un lavoro più bello e pagato di più. Non ho rinunciato ai miei sogni per avere una garanzia". Abe: "Se hai rinunciato vuol dire che stai bene!".

e

23.39 Serracchiani a Landini: "Come mai non ha fatto qualche ora di sciopero quando Fornero cambiava profondamente l'articolo 18? I sindacati non sono stati in gradi di tutelare i lavoratori".
23.36 Serracchiani: "Il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti costerà meno di tutti gli altri contratti. L'obiettivo è assumere più facilmente".
23.35 Alessia ha appena firmato un contratto a tempo indeterminato. Oggi ha 29 anni, ma lavora, da precaria, da quando ne ha 15.
23.31 Federica critica il jobs act: "Aumenta il precariato; dite di voler privilegiare il contratto a tempo indeterminato, ma sei settimane è stato adottato il decreto Poletti che considera il contratto a termine la regola".
23.23 Il pezzo satirico dei The Jackal.
23.22 Serracchiani invita a non generalizzare. Poi dice: "Le risorse non sono finite, sono di meno, ma bisogna imparare a spendere bene". Stima tira in ballo gli stipendi e le auto blu. Serracchiani: "Io non ho la scorta, ho ridotto le indennità".
23.20 Stima sponsorizza il suo disco, poi racconta: "Io sono tra i più fortunati, perché in altri quartieri di Milano si sta peggio. Vivere lì significa sentirsi abbandonati".
23.16 Dopo l'alluvione, i giovani di Carrara: "Basta! Devono passare il testimone, hanno violentato questo territorio"
23.13 In un servizio l'occupazione del Comune di Carrara da parte dei giovani: "Siamo qui per il diritto alla vita".
23.07 Vauro istiga i giovani in studio "Rivendicate il diritto alla caxxata".
23.05 Vauro e Vincino in studio.

vvvv

23.01 Serracchiani sugli indagati candidati in Emilia: "Io non li avrei messi in lista, ma io espongo la mia opinione; se la maggioranza del partito dice un'altra cosa, rispetto la decisione".
23.01 Serracchiani: "Possiamo continuare a flagellarci, oppure cercare di fare tante piccole e grandi cose tutte insieme, perché non c'è più tempo".
22.58 Silvia ricorda che Renzi parlava di crescita del Pil e di crescita di posti di lavoro.
22.58 Serracchiani spiega che oggi la crisi economica si somma in alcuni casi alla crisi strutturale.
22.54 Serracchiani: "Non è che non stiamo facendo niente. Ci sono più di 130 tavoli di crisi aperti al Ministero. Alcune li abbiamo risolti".
22.51 Chiara: "Nella mia Regione, la Sardegna, i politici parlano, parlano, parlano. Nel frattempo le industrie chiudono e la gente finisce in mezzo alla strada. Per me tutti i politici sono uguali. Renzi venne a fare il comizio e disse ad alcuni operai di non poter fare niente perché non ne aveva il potere. E oggi che ha fatto? Niente. Gli operai hanno ricevuto la lettera di licenziamento, tra questi c'è mio padre, che ora prenderà 900 euro al mese".

Chiarara

22.45 In onda un servizio sul caso Bardi, in provincia di Parma: per le regionali hanno votato 588 persone su 2300 abitanti.
22.44 Serracchiani: "Non sottovalutiamo l'astensione, che è un problema che riguarda soprattutto chi ha perso, ma anche chi ha vinto. C'è un problema di credibilità della politica".
22.42 Mirko chiede: "Perché non ci sono i codici identificativi sui caschi dei poliziotti?". Serracchiani: "Ci sono tante cose da dire e da fare. Sulla sentenza Cucchi c’è stata una condanna unanime da parte del Pd. Che non si venga a dire che non è così".
22.40 Cecilia Sala: "Chi rappresenta le istituzioni non può considerare sullo stesso piano un poliziotto che dà un pugno ed un manifestante".
22.38 Il pungo di un poliziotto (in borghese) ad un manifestante, che prima lo aveva spinto.

pugngo

22.38 In studio Debora Serracchiani, presidente del Friuli - Venezia Giulia..
22.34 In un servizio la contestazione del comitato per il diritto della casa di Cosenza nei confronti di Renzi. E le immagini dello scontro con la Polizia.

scontro polizia

22.28 Collegamento con Vauro e Vincino, sotto la pioggia.
22.25 Travaglio su Serracchiani: "Mi ha deluso, come Renzi. Parlava di conflitto di interessi, di inciucio con Berlusconi, testamento biologico, chiedeva le dimissioni degli inquisiti. Ma poi è diventata una specie di guardaspalle di Renzi, copre tutto quello che fa Renzi. È lo stesso percorso di Renzi: dal candidato della mobilitazione dei cittadini a quello della democrazia verticale".
22.24 Federica: "Abbiamo un premier che cerca di delegittimare ogni forma di consenso"
22.21 Abe: "Da anni non decidiamo i nostri rappresentati al governo". Stima: "Non voto i 5 stelle perché non sono mai venuti a casa mia a vedere i problemi".
22.18 Travaglio: "La Lega finge di fare opposizione, ha prestato Calderoli per fare il relatore della legge che è un'altra porcata".
22.15 Travaglio: "Avrei applaudito se Renzi avesse fatto, anche col demonio, la legge elettorale che aveva promesso. Ora i capilista sono nominati e il Patto del Nazareno è una schifezza".
22.14 Stefano, sindaco leghista: "La differenza tra un sindaco come me e i politici che vedi solo in tv è la presenza in mezzo alla gente".

stefan l

22.10 Taverna: "Non me ne fotte un caxxo della politica, io voglio aver fatto qualcosa per il Paese. Se mi chiamano politico significa che ho fallito".
22.07 Usama, che ha votato M5S alle politiche: "I giovani che votano Pd e Forza Italia sono complici: vogliamo volti nuovi e votiamo sempre gli stessi". Mirko: "La distanza tra Palazzo e la piazza è diventata enorme, anche per il M5S. Serve un partito che stia in piazza".
22.03 In un servizio le reazioni dei parlamentari del M5S alle elezioni regionali. Morra: "L’astensionismo c’è perché se uno si spaccia per nuovo e poi è vecchio, non è credibile per i cittadini".
22.02 Travaglio: "Ingroia e De Magistris non hanno mai rubato niente".
22.01 Travaglio: "La gente non va a votare perché in Emilia hanno rubato tutto il possibile".
22.01 Travaglio cita Bocca, Pintor, Montanelli per spiegare il ruolo della stampa, come stimolo, rispetto alla politica.
22.00 Silvia provoca Travaglio: "Tutte le volte che lui porta qualcuno, quello va a picco. Di Pietro, De Magistris, Ingroia e ora Grillo".
21.55 Silvia: "Berlusconi era impossibilitato a fare campagna elettorale. Lo abbiamo incontrato nei giorni scorsi, non ha mai smesso di combattere".
21.53 In onda un servizio nel quale Bertazzoni chiede ai parlamentari di Forza Italia un commento alla disfatta elettorale.

maurizio gasparri

21.46 Elisa a Travaglio: "Lei ha prostituito la sua coscienza intellettuale! Essere antagonista è troppo facile. Lei non è indipendente, lei è dipendente dai soldi che vuole fare. Lei è un affarista".
21.45 Travaglio chiede ad Elisa se davvero pensa che l'informazione italiana sia troppo aggressiva nei confronti del governo.
21.42 Laura: "Il problema del M5S è il modo di approcciarsi all'informazione a prescindere, sono incapaci di comunicare, si limitano alla protesta".
21.40 Travaglio: "Uno degli sbagli del M5S è stato non andare in televisione. Questo penalizza il lavoro dei ragazzi in Parlamento".
21.37 Travaglio: "Il partito che ha perso di più rispetto alle Europee è il M5S. Si sono consolati facendo il confronto con le regionali di 5 anni fa, quando però il Movimento non era ancora nato di fatto. Non hanno riconosciuto questa batosta e questo ha accresciuto l'impazzimento dei vertici del M5s, che va avanti da un po' di tempo".
21.35 Travaglio: "Renzi ormai chiama l'astensionismo 'la non grande affluenza'. Questo significa non fiducia nella politica e in Renzi".

marco travl

21.31 Travaglio: "Regionali? Ha vinto Renzi, ha perso Grillo, che ha rinunciato anche a fare campagna elettorale. Renzi però ha straperso perché ha messo in fuga 700 mila persone che a maggio avevano votato per il suo Pd".
21.30 Fabbri: "Chi ha meno di 45-50 anni ha abbandonato la sinistra da un po'. Oggi votano Lega"
21.25 A Bondeno prima tutti votavano Pci, ora il sindaco è leghista. I cittadini spiegano perché.

fabbri

21.22 La copertina si occupa del comune di Bondeno, governato da Alan Fabbri, il leghista che si è candidato alla Presidenza dell'Emilia Romagna.
21.18 Santoro chiosa così:

Se vince Salvini se la prende con gli sprechi degli ospedali siciliani? E poi lui ha detto meglio salire su una zattera che entrare in Europa. Esce Berlusconi e resta Salvini. Tanto io non voto.. mi godo lo spettacolo. Ho passato così tanta parte della mia vita a farvi incazzati che vedervi incaxxati alla boia mi fa incazzare ancora di più. Questa è la marcia degli arrabbiati, questa è la marcia degli incaxxati.

21.17 Santoro: "Cari amici emiliani, se il tuo partito vince lo stesso, a che serve non votare? Siete così nervosi che se uno dice calmatevi, vi incazzate ancora di più. Mi preoccupa la vostra indifferenza. Perché con l'indifferenza viene il fascismo (...) Ma non era meglio se vinceva Bersani? Ma questa è la marcia del: fancul0 gli immigrati. Anche quelli che vi puliscono il deretano. Ci dovrebbe essere una giusta proporzione per l'integrazione. Quindi dovreste dire: sindaco o fai qualcosa o ti butto giù dalla finestra. E invece dite bravo a Matteo Salvini".

21.15 Santoro entra in studio sulle note de "La marcia degli incaxxati" di Benigni:

Si, si incazziamoci tutti. Fancul0 i politici, Berlusconi, Casini, Fini, Renzi, i partiti, Vendola. Fancul0 Beppe Grillo che ha trasformato tutto in uno stato delle banane con le sue epurazioni.

MICHELE S

21.11 Si parte con l'editoriale di Michele Santoro.

Announo: stasera va in onda la seconda puntata della seconda stagione, seguita in liveblogging e diretta video da Blogo dalle ore 21.10. Alla conduzione ritroveremo Giulia Innocenzi.

Announo | Anticipazioni puntata 27 novembre 2014

announo a

Announo: nella puntata di stasera, intitolata 'Tutta colpa di Renzi?', si dibatterà della crisi della politica e della democrazia emersa in maniera evidente con le recenti elezioni regionali, dove ha trionfato il partito dell'astensionismo. In studio a confrontarsi con i 20 giovani ci saranno la governatrice della Regione Friuli Venezia Giulia e vice segretaria del Pd Debora Serracchiani e il condirettore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio.

In apertura di puntata l'editoriale di Michele Santoro (che tornerà con Servizio Pubblico dopo la sosta natalizia). Nel corso della serata spazio al servizio satirico dei The Jackal e alle opinioni della strana coppia formata da Vauro e Vincino.

Announo | Il cast dei 20 giovani

Ecco il cast dei 20 giovani chiamati a interagire con gli ospiti:

Usama El Santawy, Chiara Froldi, Simone Coccia, Mìcol Picchioni, Michael Kent, Mirko De Martini , Elisa Serafini, Federica Borlizzi, Antonio Distefano, Tommaso Pandolfo Fanchin, Gianluigi Parrotto, Irene Aiello, Hind Talibi, Isabella Cossalter, Cecilia Sala, Silvia Sardone, Giuseppe “Stima” Baldo, Abe Kayn, Tabita Frollini, Micaela Quintavalle.

Announo | Come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate di Announo, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7, ma anche su Blogo, dove potete leggere pure il liveblogging.

Announo | Secondo screen

Announo ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO