Ping Pong: botte (e risposte) della giornata politica

Leggi e commenta la Top News

Cala la fiducia verso premier e governo: - 4%! In crisi quasi tutti i ministri. Disastro per la Gelmini (- 5%) e Tremonti (- 4%) ko. Giù Brunetta (- 3 punti), giù Matteoli (- 2 %) e giù Prestigiacomo e Calderoli. Solo Sacconi avanza . Perde due punti il Pdl. Risale il Pd. Berlusconi: “Sondaggi di parte, perdiamo solo lo zero virgola”. Veltroni: “Siamo già al giro di boa”.

Il nostro commento:
Non è la debacle, ma per la prima volta premier, governo, ministri (si salva solo Sacconi, welfare) subiscono un pesante meno nel gradimento degli italiani. Almeno questo fotografa il sondaggio dell’Ipr Marketing per Repubblica.it. A pagare di più sono i ministri più in “vista” come Tremonti, Brunetta, la Gelmini, addirittura record negativo con meno cinque punti. Cala la fiducia anche nel Pdl e recupera due punti per la prima volta da aprile, il Pd. L’esecutivo e Berlusconi, come premier, perdono 4 punti! Guadagna altri due punti la Lega. Stabile l’Udc. Cambia il vento? Presto per dirlo. Pesano nodi aperti e infuocati: Alitalia, scuola, crisi economica, famiglie sfiduciate, gaffe del premier. Il fatto più significativo è il silenzio di Berlusconi (comunque resta con un buon gradimento personale) che non sventola più i suoi sondaggi. Meccanismo inceppato?

Fabrizio Cicchitto: “I nostri sondaggi indicano un lievissimo calo di consenso, non certo di queste dimensioni. E’ evidente che ci sono nodi incancreniti che noi stiamo cercando di sciogliere. Qualcosa si paga. Ma alla lunga riceveremo nuovi frutti e quindi nuovi consensi”.

Anna Finocchiaro: “ E’ la prima vera inversione di tendenza. Una vera punizione per il governo e per certi discussi ministri. Gli italiani cominciano a capire che è tutto un bluff. Se continuano gli strappi, presto ci sarà un vero e proprio smottamento”.

  • shares
  • Mail
37 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO