Presidente della Repubblica: Quando si vota?

Ok-della-Camera-al-Dl-sui-debiti-della-Pa-586x330

Giorgio Napolitano si è dimesso. Il primo Presidente della storia repubblicana rieletto per un secondo mandato rientrerà in Parlamento da Senatore a vita.

In attesa dell'elezione del suo successore, l'Italia avrà un Presidente supplente della Repubblica, che nella fattispecie sarà il Presidente del Senato Pietro Grasso.

Ma quando incominceranno le votazioni per l'elezione del nuovo Capo dello Stato?

L'articolo 86 della Costituzione dice esplicitamente che, in caso di dimissioni del Presidente uscente, il Presidente della Camera indice le elezioni entro 15 giorni. Salvo la circostanza in cui le Camere sono sciolte o mancano meno di tre mesi alla loro cessazione (ma non è questo il caso).

"Le funzioni del Presidente della Repubblica, in ogni caso che egli non possa adempierle, sono esercitate dal Presidente del Senato. In caso di impedimento permanente o di morte o di dimissioni del Presidente della Repubblica, il Presidente della Camera dei deputati indice la elezione del nuovo Presidente della Repubblica entro quindici giorni, salvo il maggior termine previsto se le Camere sono sciolte o manca meno di tre mesi alla loro cessazione"

Dunque, Laura Boldrini, convocherà il Parlamento in seduta comune (a Montecitorio) entro due settimane. Tenuto presente il tempo che occorrerà ad assolvere a tutti gli obblighi burocratici e alla nomina degli esponenti dei Consigli Regionali, la data più accreditata per il primo scrutinio è quella 29 gennaio.

La prima votazione dovrebbe svolgersi alle ore 15.00. Nei primi tre scrutini è richiesta la maggioranza dei due terzi dell'Assemblea (pari a 672 voti) Dal quarto basta la maggioranza assoluta, ovvero 505 voti.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO