Elezioni Grecia 2015 |Tsipras chiude la campagna: "Domenica scriviamo la storia"

Tsipras accoglie con favore l'intervento di Draghi e annuncia una svolta storica per la Grecia e l'Europa

Alexis Tsipras ha chiuso, ieri, la campagna elettorale di Syriza ad Atene. Il trentanovenne greco è apparso galvanizzato, forte dei sondaggi che danno la sinistra in testa, e ha annunciato che per il suo paese si approssima una svolta epocale: "la paura è finita, la Grecia e l'Europa cambiano... domenica scriveremo la Storia, non voltiamo pagina, cambiamo era".

Al comizio finale, dove più volte dal palco e dal pubblico è stato scandito il grido "Uniti si vince", ha partecipato anche il leader di Podemos Pablo Iglesias. A testimonianza che la sinistra europea ha intenzione di condurre una battaglia comune per la ristrutturazione del debito pubblico e per un New Deal continentale.

Tsipras, inoltre, ha colto con grande favore l'annuncio di Mario Draghi sull' acquisto dei titoli di Stato europei. La scelta della Bce si pone come un inizio di cambiamento per il leader di Syriza, che ha aggiunto: "Il premier Samaras è disperato, sperava che la Banca centrale europea avrebbe preso una decisione contro la Grecia ".

Samaras, intanto, è sempre più chiuso nella sua propaganda. Dipinge scenari catastrofici, in caso di vittoria della sinistra. Ha perfino affermato che la Grecia potrebbe fare la fine dalla Corea della Nord. Ma questo genere di affermazioni non sembrano incidere più di tanto sull'orientamento dell'elettorato, stanco delle politiche di austerity, di una diffusa evasione fiscale da parte dei ricchi e da una disperazione sociale che si è fatta opprimente.

E poi, ci permettiamo di aggiungere, che certe accuse di "totalitarismo" fanno sorridere, soprattutto se pronunciate da chi, attraverso il suo entourage, ha costantemente mantenuto rapporti con i nazisti di Alba Dorata, come spiegato nell'ultimo libro di Dimitri Deliolanes.

Certo la sfida di Syriza alla Troika è molto ambiziosa e passa per una strada molto stretta. Innanzitutto, in caso di vittoria, Tsipras avrà il compito di sciogliere il nodo delle alleanze.

In caso di formazione di un esecutivo, poi, dovrà saper puntare i piedi a Bruxelles per non fare la fine dei socialisti (che con Samaras hanno governato). E allo stesso tempo avrà anche la responsabilità di tenere in tasca una sorta di Piano B, che preveda una complicatissima uscita dalla moneta unica.

Ma Tsipras si mostra ottimista e ricorda: "Ora è venuto il momento di tutti i greci. Samaras ha dalla sua parte la Merkel. Noi abbiamo ciò che loro non hanno, il popolo". (nel video di seguito al minuto 55.25)

Debt Wracked Greece Prepares For Critical General Election

Il comizio si è concluso sulle note di Bella Ciao, nella versione dei nostri Modena City Ramblers (nel video di seguito al minuto 55.25)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO