Bossi, Renzo, bocciato per la terza volta: ancora difficoltà per il delfino lumbard


La tradizione popolare, ben sintetizzata dal detto “tale padre tale figlio”, trova una sua ulteriore conferma: il figlio del “ministro” Umberto Bossi, il delfino del senatur, o come dicean tutti Renzo, è stato bocciato per la terza volta agli esami di maturità.

Il Renzo non ha superato l’esame orale della maturità scientifica ripetuto da privatista dopo la bocciatura del luglio scorso presso il Collegio arcivescovile Bentivoglio di Tradate. Dopo l’ultimo esito negativo aveva cambiato anche il tema della sua tesina, abbandonando il federalismo per dedicarsi alla fisica (in questo caso sarebbe meglio se fosse il padre a seguire le orme del figlio..).

La disavventura dello sfortunato studente ripropone la questione della crisi della scuola italiana, che però in questo caso pare aver dato una buona prova di sé. Due sono le spiegazioni per l’infelice esito del rampollo lumbard: un accanimento politico dei professori, che come tutti sanno sono dei fannulloni sessantottini, o una effettiva carenza di materia grigia che impedisce il superamento di uno scoglio che non è esattamente l’Everest.

In ogni caso Bossi jr sembra avere le carte in regola per calcare degnamente le orme del padano genitore…

Via | Corriere.it

  • shares
  • Mail
39 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO