La Gabbia | Puntata 8 marzo 2015

La Gabbia: la puntata dell'8 marzo 2015

[live sid='live_0']00.31 Finisce la puntata.
00.23 In onda un servizio, anche questo già trasmesso, su un folle caso di accertamento fiscale dell'Agenzia delle entrate.
00.16 E arriva anche la replica del servizio sul caso dell'ucraina arrestata perché accusata di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Di base c'è la truffa delle pensioni sociali agli stranieri.
00.06 Replica anche del servizio sui centri massaggi cinesi, che non fanno ricevute.
00.00 Viene replicato il servizio sui mercati del baratto di Milano.
23.49 In un servizio le nuove avventure del senatore Codazzo.

spese elettorali

23.42 In un servizio il caso di un fido chiuso da una piccola banca. Il cui direttore ostenta "arroganza".
23.39 Secondo un lobbista, Philip Morris essendo il maggior contribuente dello Stato italiano nel settore ha gioco facile nelle richieste nei confronti del governo.
23.33 In onda un servizio intitolato "l'amicizia di Renzi con le multinazionali del tabacco".
23.30 In un servizio le spese del governo Renzi per gli spostamenti in aereo.

aerei

23.26 Un assessore, Guccinelli, si è pagato i mobili dall'Ikea e la spesa al supermercato.

spese pazze

23.20 Inizia la seconda parte della trasmissione. In onda un servizio sulle spese pazze in Regione Liguria.

ltit

23.08 In un servizio si parla dei "favori del governo alle compagnie assicuratrici". A partire dallo sconto per chi monta la scatola nera in auto.
23.04 Fiano: "La Lega quando era al governo con Berlusconi ha consegnato agli italiani un Paese con uno spread a 531 punti". Poi spazio alle opinioni del pubblico in studio.
23.01 Paragone si ricrede sul federalismo: "Abbiamo racconta un sòla grande". Fedriga: "La riforma del Titolo V ha concesso riforme senza però responsabilità della spesa".
23.00 Pavlovic: "La rabbia cavalcata e strumentalizzata dai partiti fa disastri".
22.58 Di Stefano: "Lo Stato italiano fa l'esattore per conto di Bruxelles. Non siamo più sovrani della nostra moneta".
22.51 In un servizio si parla delle tasse folli in Italia. A partire dalla Delirium Tax di Bologna.
22.49 Fiano osserva che le multe hanno fatto scendere il numero degli incidenti stradali. A Milano "si è dimezzato". Paragone: "Questa si chiama pesca a strascico".
22.47 Trefiletti propone di far in modo che le multe non siano legate al bilancio dei comuni.

trefi

22.45 Intanto il sindaco di San Giacomo Vercellese si è rifiutato di installare sul territorio del suo Comune gli autovelox, previsti secondo un accordo con la precedente amministrazione. Il sindaco Pisapia non risponde alle domande del giornalista. Paragone in studio: "Inizio a odiare questi politici insofferenti".
22.37 Con un servizio si parla della crescita di multe a Milano. Cittadini usati come banca?
22.30 Pavlovic racconta che da bambina vendeva i fiori per strada in Serbia: "Ma poi ho avuto la possibilità di istruirmi".
22.28 Pavlovic: "I diritti non si pagano, sono acquisiti in quanto essere umano".
22.27 Di Stefano: "Per noi vengono prima i bisogni del nostro popolo".
22.25 Fiano: "Integrazione significa trovare un equilibrio tra diritti e doveri. I diritti non sono gratis, ma corrispondono a dei doveri. I campi abusivi non dovrebbero esistere".
22.18 Una giornalista ha vestito i panni di una rom per una giornata, dopo aver indagato sullo stile di vita di alcuni zingari che vivono a Milano (si tratta di un servizio già trasmesso la scorsa settimana).
22.16 Fedriga annuncia querela nei confronti di Pavlovic che ha citato il caso del leghista Rizzi. Paragone: "Avete rotto le palle con 'ste denunce facili".

fedrig

22.15 Pavlovic: "Le 18 persone scoperte dalla Finanza sono i nostri principali nemici perché aiutano la Lega. Sulle bollette pagate dal Comune c'è da dire che queste persone pagano un forfait per stare nei campi"
22.13 Il sindaco di Bologna si difende: "Delirium tax? È una legge nazionale". Trefiletti: "Non c'entra niente che sia una legge nazionale".
22.05 Con un servizio si torna sulla Delirium tax decisa dal Comune di Bologna: un'imposta sulle affissioni dei negozi. Il tutto mentre il Comune paga la luce, gas e riscaldamento ai campi rom. Dove sono state trovate auto di lusso.

vai via

21.59 Di Stefano: "In questa trasmissione c'è il solito trappolone, pensavo si parlasse di politica". Pubblicità.
21.57 Di Stefano ricorda i centri sociali che assaltano i leghisti. Poi su quanto detto dal dem: "Sono passati 75 anni".
21.56 Fiano: "Non sono abituato a parlare coi fascisti". Di Stefano: "Allora vattene a casa". Fiano: "Mi ci devi portare via con la forza fisica". Poi ricorda i suoi parenti consegnati dai fascisti ai nazisti.

fssffsf

21.55 Fiano: "In Italia possiamo solo stabilire nuovi principi sul diritto di cittadinanza e sulla richiesta di diritto d'asilo". Poi chiosa: "Serve un'impresa europea per accogliere gli immigrati".
21.52 Trefiletti: "La sicurezza non è né di destra né di sinistra. Facciamo una battaglia tutti insieme".
21.51 Fedriga replica: "E dove li vuoi mettere? Nella case gratis?"
21.49 Pavlovic a Di Stefano: "Fate tutto voi! Chi ci ha messo nei campi? In Germania non ci sono campi! Non abbiamo scelto noi di andare nei campi. Tutti ci hanno guadagnato su di noi, da 30 anni siamo esclusi dalla società".
21.47 Di Stefano: "I rom non sono la feccia della società, ma un problema che va risolto".
21.45 Pavlovic: "Buonanno ha espresso in modo poco intelligente il cuore della Lega, quello che la Lega è; perché non gli ho stretto la mano? Lui è un esemplare fantastico di razza ariana, io sono solo una sporca zingara".
21.42 Fedriga parla di invasione: "Chi ha chiesto asilo è molto meno della metà di chi è arrivato coi barconi". Per il leghista la frase pronunciata da Buonanno "i rom sono la feccia della società" è sbagliata.
21.41 Fedriga sul post di Salvini su Facebook: "Una battuta da tifoso. Se qualcuno si scandalizza per questo c'è un problema nel Paese. Se Balotelli non capisce l'ironia è un suo problema".

ssrsrl

21.37 Fiano: "1 milioni di libici pronti a partire per l'Italia? Non credo a questo numero. Nessun Paese europeo potrebbe accogliere un numero così grande".

un mi

21.33 In un servizio la storia di Sandro Magro che qualche giorno fa ha sparato contro alcuni ladri. Si tratta di un altro caso avvenuto in Veneto. Adesso è sotto inchiesta.

spari

21.26 Ospiti Emanuele Fiano del Pd, l'attrice e attivista serba Pavlovic, Fedriga della Lega, Rosario Trefiletti di Ferderconsumatori e Simone De Stefano di Casapound.
21.20 In onda un'anticipazione di un servizio sulla sensazione di insicurezza nel Paese. E sull'imposta della pubblicità introdotta a Bologna.
21.16 Si apre con il monologo satirico di Paolo Hendel.
21.10 Paragone lancia i temi della puntata: sicurezza e immigrazione.

lagabbia

La Gabbia torna in onda questa sera su La7 alle ore 21.10 con la conduzione di Gianluigi Paragone. Il programma va in onda in diretta dagli studi di Milano. Su Blogo il liveblogging.

La Gabbia: anticipazioni e ospiti puntata stasera 8 marzo 2015

La Gabbia: in primo piano il timore per la sicurezza in Italia e l'attualità politica. Ci sarà spazio poi per le consuete storie del Paese reale. Tra gli ospiti anche Massimiliano Fedriga, capogruppo della Lega Nord alla Camera dei deputati, e il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano.

Non mancherà la Skassakasta, la rock band con la quale il conduttore chiuderà la puntata cantando il suo editoriale. Nel corso della diretta previsto lo sketch dell'attore Paolo Hendel.

Spazio poi alle nuove avventure del senatore Codazzo.

La Gabbia: come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate de La Gabbia, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7. Su Blogo il consueto liveblogging.

La Gabbia: second screen

La Gabbia ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter @LaGabbiaTw

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO