Nigeria, il presidente Buhari ai capi militari: "Sconfiggere Boko Haram entro tre mesi"

Il nuovo presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, ha dato una nuova scadenza ai capi militari: sconfiggere Boko Haram entro tre mesi.

13 agosto 2015 - Il nuovo presidente nigeriano, esattamente come il suo predecessore, ha dichiarato guerra a Boko Haram e imposto ai nuovi capi militari una scadenza, piuttosto ravvicinata, per sconfiggere una volta per tutte il gruppo che da anni sta terrorizzando e dilaniando il Paese.

Se Goodluck Jonathan, in carica fino al maggio scorso, aveva promesso la sconfitta di Boko Haram entro un mese di tempo - era il febbraio scorso, mancava una settimana alle elezioni - il nuovo arrivato Muhammadu Buhari, in carica dal 29 maggio 2015, si è dato tre mesi di tempo.

L’ordine è stato dato ai nuovi comandanti, nominati il mese scorso, durante la cerimonia di giuramento che si è tenuta poche ore fa. Il nuovo Presidente ha ribadito che l’esercito locale lavorerà a stretto contatto coi militari dei Paesi confinanti in cui il gruppo di Boko Haram è riuscito a insediarsi negli ultimi mesi - Chad, Cameroon e Niger.

Nel suo discorso Muhammadu Buhari ha dato ordine ai militari di proteggere i civili innocenti e rispettare i diritti dei combattenti.

Nigeria, l'esercito salva 300 persone dagli accampamenti di Boko Haram

29 aprile 2015 - L’esercito nigeriano ha annunciato oggi di aver tratto in salvo quasi 300 persone - 200 ragazze e 93 donne - nel corso di diverse operazioni che hanno portato al sequestro di quattro accampamenti di Boko Haram nella foresta Sambisa, nel territorio in mano al gruppo terroristico nel nord-est della Nigeria.

Al momento la provenienza delle persone tratte in salvo non è stata accertata, ma sembra escluso definitivamente che tra le bambine tornate in libertà ci siano quelle rapite nell’aprile dello scorso anno dal dormitorio della loro scuola di Chibok, nello stato del Borno.

Nel corso delle operazioni sono state sequestrate anche diverse armi utilizzate dai militanti di Boko Haram per seminare il terrore nel Paese.

First Anniversary Of Terrorist Group Boko Haram Abducting 200 Nigerian Girls

Nigeria e Boko Haram: lo Stato Islamico accetta l'alleanza

14 marzo 2015 - L’alleanza tra Boko Haram e lo Stato Islamico, annunciata nei giorni scorsi dal gruppo fondamentalista presente in Nigeria e nell’area dei laghi al confine con Ciad, Niger e Cameroon, sarebbe stata accettata dall’ISIS.

In un messaggio audio, tutto ancora da verificare, un portavoce dello Stato Islamico avrebbe accettato la proposta di alleanza fatta da Boko Haram, precisando che le mire del califfato, adesso, sono arrivate anche nell’Africa occidentale.

Nigeria: attentato kamikaze a Maiduguri, 34 morti

Il gruppo fondamentalista islamico di Boko Haram, pochi giorni dopo aver annunciato un’alleanza coi jihadisti dello Stato Islamico, torna a colpire in Nigeria, a Maiduguri, la città più grande dello stato di Borno, a nord-est del Paese, ormai sotto il controllo del gruppo, con un nuovo attentato kamikaze che ha provocato la morte di almeno 34 persone.

Il modus operandi è rimasto invariato anche per quest’ennesima strage. Il bersaglio è stato un mercato cittadino, nell’ora di punta. Una giovane kamikaze - la stampa locale parla di un’adolescente - si è fatta esplodere all’ingresso del mercato, durante le operazioni di controllo che ormai, vista la frequenza degli attacchi, sono diventate la norma.

28 persone sarebbero decedute sul posto, mentre altre 6 sono state trasportate in gravissime condizioni in ospedale e sono decedute una volta arrivate nella struttura. Boko Haram non ha ancora rivendicato pubblicamente l’attentato, ma ormai sarebbe anche superfluo farlo, i dubbi che dietro questa ennesima tragedia ci fosse il gruppo fondamentalista sono pressoché nulli.

Il presidente nigeriano Goodluck Jonathan ha subito condannato la nuova tragedia:

Condanno questo atto di terrore e tutti gli altri compiuti dagli estremisti. Questo è un momento triste per tutti noi. E’ tempo di una vigilanza extra.

Il Paese ha già posticipato le elezioni presidenziali in programma per il mese scorso, fissando il 28 marzo prossimo come nuova data. Questo perchè l’esercito ha bisogno di più tempo per poter assicurare che le elezioni riescano a svolgersi in totale sicurezza. Ad oggi, nonostante l’intensificarsi degli attentati - una decina nelle ultime due settimane - la data resta fissata per la fine del mese.

NIGERIA-UNREST-ISLAMISTS

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO