DiMartedì | Puntata 17 marzo 2015

Di Martedì: la puntata del 17 marzo 2015

00.29 Finisce la puntata. Alè.
00.28 Taverna spiega le coperture del reddito di cittadinanza: "I 16 miliardi ci sono: spese militari, tagli reali ai costi della politica".

reddito di cittadinanza

00.27 Taverna sugli espulsi nel M5S: "Abbiamo chiesto di fare un passo indietro a chi voleva prendere una strada diversa rispetto al patto con gli elettori".
00.25 Taverna: "Loro, i politici, rubano, noi restituiamo". Poi difende la proposta del reddito di cittadinanza.
00.23 Su Gino Paoli: "Abbiamo chiesto anche le sue dimissioni dalla Siae. Grillo umanamente ha dato un credito in più a Paoli".
00.21 Taverna: "La possibilità che siano innocenti? Difficilmente dalle indagini si è arrivati a tutti innocenti. Qui il sistema è marcio, corrotto".
00.20 Taverna: "Renzi si dovrebbe dimettere? Avrebbe più motivi per farlo!"

parola tav

00.17 La senatrice del M5S Taverna in studio. Sul caso Lupi: "I fatti chiedono le dimissioni. Il ministero che sorveglia è coinvolto. La responsabilità politica".
00.16 Monsignor Galantino: "Il Giubileo serve per far fare soldi alla Chiesa? Se conoscete qualcuno che fa questo denunciateli, ma smettiamola con queste frasi generiche".
00.15 Cacciari: "Leggi o non leggi un uomo se ricopre determinati incarichi è tenuto a comportarsi in modo esemplare".
00.10 Monsignor Galantino spiega la distinzione tra legge e morale: "Non è possibile accettare le sale di slot machine, non è una questione di legge ma di morale".
00.08 Cacciari: "Occorre innovare ma non andare in una situazione di competizione sfrenata, bisogna andare insieme verso l'obiettivo".
00.05 Monsignor Galantino: "La priorità oggi è non trasformare il Mediterraneo in un cimitero". Poi sui temi economici aggiunge: "L'attuale situazione è frutto di anni in cui non si è fatto niente o si è fatto male sul piano del lavoro".
00.03 Cacciari: "Bergoglio parla anche al non credente; parla di solidarietà: il mondo non può andare avanti moltiplicando le disuguaglianze".
00.02 Monsignor Galantino: "Tutti siamo chiamati alla conversione, cambiare non è facile".

galantinto

23.59 Monsignor Galantino in studio, sulle parole di Bergoglio: "Papa Francesco sa di avere 78 anni, sa bene quante energie richieda l'incarico che ha. E vuole dare una certa accelerazione all'impegno della Chiesa e sulla conversione della Chiesta". Cacciari: "Concordo".
23.49 Viene replicata la copertina di Crozza della settimana scorsa.
23.45 Pubblicità.
23.38 In un servizio si parla di Rc auto. Speranza: "Dovremo avere molto più coraggio nel settore farmaceutico". Fedriga: "Le pensioni? Non sono uno scontro generalizzare. Liberalizzazione? Sono favorevole, ma solo nei settori che ne hanno bisogno". Balassone: "Il corporativo è sempre l'altro".
23.33 Balassone: "Manca lo sviluppo, non bastano i risparmi". Gennaro Marotta, consigliere Idv del Veneto, ha deciso di rinunciare la vitalizio. Tra 5 anni avrebbe preso 1500 euro netti al mese. Tra 10 anni 2000 euro.

marotta

23.31 Speranza: "Bisogna partire dalla gente che ha pensioni bassissime, i pensionati che rischiano di non farcela". Sallusti: "Il governo perseguita anche chi è in pensione".
23.28 Fedriga: "Questa sistema non restituisce al pensionato quanto versato, inconcepibile andare in pensione a 70 anni". Speranza: "Da qui a 6 mesi stiamo pensando di cambiare la riforma Fornero".
23.21 In un servizio si parla di pensioni. Alessandrucci, presidente Colap: "L'attuale contribuzione non va, arriveremo forse alla pensione sociale". Poi aggiunge:

La proposta Boeri è rischiosa e inaccettabile. Si sta creando una generazione di poveri.

23.10 Toti a Speranza: "Con quella tassazione sulla casa avete bloccato il mercato interno creando un buco nel Pil". In un servizio si parla di titoli di Stato e di risparmi italiani.
23.08 Toti: "Cottarelli è scomparso senza aver tagliato un euro dal bilancio dello Stato". Speranza ammette che è stato un errore eliminare l'Imu sulla prima casa per tutti.
23.03 Boscaino: "Nessuno ha bisogno di lezioni di umanità ma anche a migranti e indigenti bisognerebbe dare dignità". Toti ricorda che col governo Berlusconi il problema degli sbarchi era stato risolto. Poi si dice d'accordo per un intervento militare in Libia sotto l'egida dell'Onu.

toti e damilano

23.02 Damilano a Lussana: "Come si fa ad aiutare gli immigrati senza farli sbarcare, gli si fa un corso di nuoto?".
23.01 Secondo Lussana Damilano è "filomigrazionista". Il giornalista: "Dovete dire cosa fate per fermare l'immigrazione". Poi nota: "Salvini è anche conigliere comunale a Milano e c'è la Bossi-Fini: la Lega si prenda le sue responsabilità".
22.59 Speranza: "Ci sono anche persone italiane che occupano abusivamente le case". Sallusti: "La maggior parte degli occupanti sono immigrati".
22.57 Lussana fa notare che c'è incertezza fiscale per quanto riguarda gli immobili. Speranza: "La nostra idea è di costruire una tassa unica sugli immobili, nella prossima legge di stabilità". Sallusti intanto ricorda che le tasse sulla casa sono aumentate negli ultimi anni.
22.55 Speranza: "1 miliardo e 600 milioni di euro investiti sulla casa; la cedolare fissa è scesa al 10%. Inoltre abbiamo tagliato l'Irap e dato 80 euro a fasce sociali che avevano bisogno di aiuto".

robertosperanza

22.54 Lussana: "A Milano ci sono gang che gestiscono il racket delle occupazioni abusive. Se ci sono case libere vanno assegnate agli italiani o a chi risiede in Italia da un po' di anni".
22.50 In un servizio si parla di casa, tra abusivi e emergenza abitativa.
22.42 L'insegnante Boscaino: "Quella del governo Renzi è una politica volta all'annuncio; c'è la perdita di significati. L'insistenza sul termine 'moderno', 'ascolto'sfiora la demagogia, sono totem linguistici sciorinati da Renzi e Boschi. Ma non significano niente in sé".
22.39 Fedeli: "Se un imprenditore ha un credito verso Pa ma deve pagare le tasse si dovrebbe andare a compensazione". Toti: "La pressione fiscale complessiva è cresciuta".
22.37 Blasoni, presidente centro studi impresa lavoro, in studio: "Renzi aveva promesso il pagamento dei debiti, ma nel 2014 il debito commerciale si è riformato. Lo Stato paga quando vuole, l'imprenditore deve farlo subito. Occorre limitare la politica degli annunci".

Blasoni, presidente centro studi impresa lavoro

22.35 Lussana: "Tosi è stato un eccellente sindaco di Verona e capace sindaco leghista, oggi ha scelto un nuovo percorso, si candida contro Zaia. Mi dispiace".
22.34 Lussana: "La riforma Renzi è centralista, c'è un intento punitivo degli enti locali".
22.33 Tosi: "La sanità veneta è la più efficiente in Italia, e la meno costosa".
22.31 Damilano: "Il governo si gioca tutto sul piano economico". Poi fa notare che la frattura interna alla Lega è dovuta anche al fatto che la sanità in Veneto sia da tempo gestita da veronesi.
22.30 Renzi bocciato.

renzi bocciato

22.29 Sondaggi.

sosf

22.25 In un servizio il confronto tra il 730 italiano e la denuncia dei redditi in Francia.
22.18 Lorenzin: "Le Regioni hanno deciso di fare dei tagli". Floris: "È il governo che lo ha imposto". Pubblicità.
22.15 Fedeli:" Stiamo intervenendo, abbiamo tagliato stipendi e personale su Camera e Senato". Tosi: "Dal 2017, e comunque stiamo parlando di numeri altissimi".
22.14 Tosi: "In otto anni il taglio dei fondi dal governo agli enti locali è di circa 120 milioni di euro. E la spesa centrale non viene abbassata".
22.10 In un servizio il disastro del trasporto pubblico a Roma.

ataut

22.09 Cacciari: "Siamo in una crisi fiscale in cui non possiamo garantire il welfare senza aumentare le tasse". Per il filoso la riforma dello Stato è il problema del governo.
22.03 Lussana: "Lupi comunque andrà sarà un ministro dimezzato, l'illusionista fiorentino dovrebbe fare qualcosa". Lorenzin: "È propaganda. Lei con la Lega non può parlare di corruzione".

lorenzin lussana

22.02 Toti commenta: "Non c'è stata la semplificazione, ma anzi la situazione si è complicata. Si penalizzano le famiglie già in difficoltà". Lorenzin: "Questo Isee è stato costruito per permettere l'identificazione dei carichi famigliari realistica; in questo modo non si avranno più quelli che arrivano col Suv ma non pagano il ticket".
21.58 In un servizio si racconta la riforma dell'Isee.
21.51 Tosi sottolinea che Lupi non è indagato, quindi del tutto innocente. Pubblicità.
21.48 Tosi: "Non sono entrato in nessuna area politica, mi rapporto con tutte le parti politiche del governo. Nella magistratura capitano cose strane: Berlusconi prima condannato, poi assolto".
21.45 Cuzzocrea: "Un ministro non può avere ombre, deve controllare il suo ministero. E qui le ombre ci sono". Lorenzin: "Lupi non è stato indagato dopo anni di indagine". Sallusti: "Sono amico di Lupi, può aver commesso errori, ma escludo categoricamente che sia un mascalzone". Poi spiega che se Lupi deve dimettersi per aver commesso un'ingenuità, deve farlo anche il ministro Poletti perché "frequentava dei mafiosi".

ale sallusti

21.44 Lorenzin: "Cerchiamo di avere equilibrio. Non condanniamo il ministro Lupi che non è nemmeno indagato".
21.42 Bonafede: "Il M5S anche nelle intercettazioni è sempre dalla parte giusta. Gli onesti restano tali sia al governo sia all'opposizione".
21.41 Bonafede: "Noi del M5S arriviamo alle cose un po' prima. A novembre 2013 presentai un'interrogazione sull'opera fiorentina che ha dato il via all'inchiesta. Mi rispose il sottosegretario che oggi è indagato".
21.39 Lorenzin: "Lupi non difendeva incalza ma una struttura fondamentale all'interno del ministero. Incalza è andato via il 31 dicembre scorso".
21.38 Lorenzin: "Alla corruzione si sta mettendo mano; ci sono nuove leggi durissime. C'è un commissario straordinario e un'agenzia con poteri per intervenire su appalti e aziende".
21.37 Lorenzin: "Lupi è molto turbato anche per le vicende famigliari. Ma non ha niente da temere. Non pensa alle dimissioni. Verrà in Parlamento a rendere conto della sua posizione". Bonafede: "È scandaloso che non si sia ancora dimesso. Dovrebbe farlo per responsabilità politiche, non penali".

lroenze

21.34 Cacciari parla di corruzione fisiologica dello Stato: il problema è la debolezza strutturale, amministrativa.
21.32 Cacciari: "Il ministro Lupi non deve dimettersi, anche se alcuni elementi di comportamento non sono trasparenti. La situazione va chiarita, ma bisogna stare attenti ad assecondare l'impulso a fare pulizia, al giustizialismo. Siamo uno Stato di diritto".

massimocacciari

21.30 In un servizio viene raccontato il caso giudiziario che coinvolge Incalza.
21.21 Maurizio Crozza. Che affrontando i noti fatti di presunta corruzione che coinvolgono indirettamente il ministro Lupi imitando Formigoni.

crorr

21.20 Paola Taverna sul nuovo caso di corruzione: "Non mi sfiora il dubbio che possano essere innocenti". Pubblicità.
21.17 L'Abracadabra baby.
21.15 In onda l'intervista a Yanis Varoufakis, ministro delle finanze greco: "Abbiamo progettato male l'eurozona. Non sto chiedendo soldi all'Europa, ma la rivalutazione del programma per la Grecia".
21.14 Floris presenta gli ospiti.

giovannif

Andrà in onda stasera a partire dalle 21:10 una nuova puntata di DiMartedì, il talk show di La7 condotto da Giovanni Floris, che seguiremo in liveblogging da Blogo.

DiMartedì | Anticipazioni puntata 17 marzo 2015

DiMartedì: ospiti di Giovanni Floris il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, il segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana, Mons. Nunzio Galantino, il consigliere politico di Forza Italia, Giovanni Toti, il sindaco di Verona, Flavio Tosi, il filosofo Massimo Cacciari, la vice presidente del Senato, Valeria Fedeli, Paola Taverna del M5S, il capogruppo Pd alla Camera dei Deputati, Roberto Speranza, Antonio Di Pietro, il direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti, i giornalisti Aurora Lussana, Marco Damilano (l’Espresso), Annalisa Cuzzocrea (la Repubblica), il produttore tv e scrittore, Stefano Balassone.

All'interno della puntata i sondaggi Ipsos di Nando Pagnoncelli.

In primo piano corruzione, crescita, 730 e pensioni.

DiMartedì | Maurizio Crozza

dimartedi 1 1 2

In apertura di puntata la tradizionale copertina satirica di Maurizio Crozza.

DiMartedì | Come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate di DiMartedì, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7. Su Blogo il liveblogging.

DiMartedì | Second screen

DiMartedì ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO